San Francesco di Paola - Gallipolinweb
lunedì , 20 agosto 2018
Home / Cosa visitare / Chiese e Basiliche / San Francesco di Paola
logo_sanfrancescodipaola

San Francesco di Paola

sanfrancescodipaola_esterno_2La chiesa di San Francesco da Paola si trova lungo le mura di tramontana, di fronte al porto, dalla quale prende il nome una torre delle cinte murarie, fù costruita per interessamento del fratello paolotto gallipolino Carlo Abatizio nel 1621. Nel 1813 la chiesa fu assegnata alla Congreca di S. Maria della Neve o Cassopo e intitolata a San Francesco di Paola. La facciata di forma rettangolare presenta un portale con una nicchia contenente la statua di San Francesco di Paola. L’interno, ad una navata con volta a crociera, tiene tre altari a sinistra e quattro a destra, tutti in stile barocco; l’altare Maggiore è lavorato a stucchi lucidi, nel Ciborio vi é il SS. Sacramento, per una speciale concessione del vescovo Botticelli. La chiesa oltre ad avere un quadro bizantino della Madonna del Cassopo pitturato su tavola, ha anche delle opere rappresentanti la Santissima Trinità e il Transito di San Giuseppe, un dipinto che ritrae la Morte di San Giuseppe del pittore Romualdo Formosa, un quadro che raffigura i Miracoli di San Francesco di Paola, un dipinto del Bambino Gesù ed un altro che riporta San Francesco di Paola che consegna la Chiesa alla confraternita di Santa Maria della Neve. Dalla navata pende un pregiato lampadario del XVIII sec. La Congreca festeggia ogni anno il Santo proclamato “Patronu” della gente di mare.

  • La chiesa 
  • Interno 
  • Esterno
  • Eventi 
  • Galleria
  • Contatti 

La chiesa: Storia, Origini e Restauri

La 

Interno: Pianta, Altari, Tele e Sagrestia

 

Altari

 

organo_sanfrancescodipaolaOrgano e Musicisti: Nel 1809, dopo circa due secoli di vita illustre, venne soppresso il piccolo monastero dei Padri Paolotti e l’annesso tempio intitolato a San Francesco di Paola fu richiesto come sede dalla congrega di S. Maria della neve o del Cassopo. Risulta che nel 1820 i confratelli del Cassopo hanno deciso di disfarsi di un vecchio organo collocato dai “Reverendissimi Padri” sopra la porta maggiore nel 1765. Quest’organo settecentesco è stato donato alla chiesa di S. Maria del Canneto quale riconoscimento dell’ospitalità prestata dal santuario mariano ai paolotti prima che questi potessero erigere un proprio monastero sulle mura della città. Nella chiesa di S. Maria del Canneto esiste tuttora questo piccolo positivo che reca sulla trabeazione uno stemma col motto “Charitas”. Alla metà del XIX secolo venne acquistato un piccolo positivo napoletano tardo settecentesco, e fu commissionato all’organaro Giuseppe Corrado di apportare un complesso lavoro di restauro e ampliamento dell’organo. La vita musicale della confraternita era tenuta in vita dai “fratelli organisti” Alceste Citta, uno dei compositori più apprezzati di Gallipoli nella prima metà del XIX secolo, e Vincenzo Consiglio.

 

Esterno: Facciata e Campane


Eventi: Feste Religiose, Feste Patronali, Funzioni ecc…

 

Galleria – Esterno

Galleria – Interno

Galleria – Altari

Galleria – Campane

Galleria – Organo

Galleria – Sagrestia

Galleria – Terrazzo

Orari e Contatti

Orario Invernale Sante Messe

Feriale:  – Festivo: 

via – Gallipoli (LE)

0833.

Vedi anche

logo_anime

SS Trinita e delle Anime

Per favorire la devozione delle Anime del Purgatorio il Vescovo Montoglia istitui, nel 1660, la …

logo_carmine

Madonna del Monte Carmelo

La Chiesa del Carmine si trova affianco al Palazzo del Seminario. Sino al ‘700 si …