martedì , 20 agosto 2019
Home / Biblioteca / Il monumento ai caduti di Gallipoli

Il monumento ai caduti di Gallipoli

1266_thumb_2253

Il volume è parte della grande raccolta denominata “Libri di Puglia”, progetto di digitalizzazione a cura di Nicola Pergola che ha lo scopo di rendere fruibile la produzione editoriale dei Centri regionali di servizi educativi e culturali e degli Assessorati alla cultura e alla Pubblica Istruzione della Regione Puglia, dal 1968 agli anni 2000. Nell’ambito delle trasformazioni urbanistiche del nuovo borgo cittadino, il volume ricostruisce la storia del monumento, opera dell’architetto gallipolino Manfredi Franco, inaugurato il 23 marzo del 1924: un grande obelisco, situato al centro di una fontana, realizzato nei primi anni del fascismo, reperendo i fondi necessari finanche con una grande lotteria. Su tre lastre di marmo murate alla base del monumento furono incisi i nomi dei 75 caduti gallipolini nella prima guerra mondiale; sulla quarta lastra, invece, si incise il bollettino della vittoria. Il piazzale circostante il monumento fu intitolato prima ad Armando Casalini, vittima fascista, e dopo la caduta del Regime a Giacomo Matteotti.

Al di là del racconto delle vicende della realizzazione dell’opera, e della cronaca della sua inaugurazione, la ricerca dà conto dei nomi dei caduti, e delle motivazioni con le quali alcuni di essi furono decorati.

Un eloquente corredo fotografico e una bibliografia corredano, e completano, l’opera.