Home / Notizie / Conferenza Stampa sulla Conferenza Permanente delle Città Storiche del Mediterraneo
testata-gallipoli-2016

Conferenza Stampa sulla Conferenza Permanente delle Città Storiche del Mediterraneo

Nel mese di settembre la città di Gallipoli ospiterà tutta la rete delle città storiche del Mediterraneo e anche i rappresentanti di spicco delle Università di riferimento. Saranno giornate all’insegna di incontri, dibattiti e discussioni che porteranno alla stesura di una carta dei valori che vedrà Gallipoli città del cambiamento.
“Proviamo a raccontare una storia diversa, una narrazione che abbraccia il Mediterraneo, l’Europa e non solo. Partiamo dall’ambizione della pace per andare oltre. Ringrazio il prof Lobrano per il suo prezioso contributo, l’assessore Piccinno che, in quanto assessore alla creatività, segue i lavori, Dario Costantino, il più grande rappresentante di Ithaka, e il prof. Raffaele Coppola con cui candidiamo ufficialmente Gallipoli, non solo ad essere città della poesia, ma della cultura e del cambiamento” introduce così il Sindaco Stefano Minerva a cui segue il prof. Giovanni Lobrano, personaggio di spicco de la “Conférence Permanente des Villes Historiques de La Méditerranée“.
“Dobbiamo lavorare insieme per programmare la pace; questa intesa come progetto quotidiano di sviluppo. Quindi, progettare lo sviluppo e programmare la pace hanno lo stesso significato ed è questo il nostro obiettivo, insieme alla sfida demografica-migratoria e la tutela dell’ambiente”
Segue l’intervento di Dario Costantino, rappresentante di Ithaka, il forum nazionale degli studenti del Mediterraneo, tenutosi a Gallipoli nel 2015:
“Proviamo con tutte le nostre forze a mettere insieme tante realtà che parlino del Mediterraneo e del mondo: tornare in questa città dopo due anni, con Ithaka, per noi è motivo di orgoglio, perché con uno dei fondatori, l’attuale Sindaco, si può portare questa città ad essere il nuovo centro di discussione giovanile di riferimento. La collaborazione con la conferenza, in tal caso, potrà dare maggiormente un esito positivo al nostro lavoro”
 Intervento Pippi Nocera, in rappresentanza del Parlamento Europeo:
“Il punto decisivo sta nel pensare nuovamente la funzione del Mediterraneo. Col tempo diviene sempre di più un mare morto e noi abbiamo il dovere di parlarne, specialmente a Gallipoli. È straordinaria l’opportunità della conferenza perché in qualche modo si può fare pressione ai governi per ripensare alla funzione del Mediterraneo.”
Conclude il prof. Raffaele Coppola, autore del gemellaggio tra Gallipoli e Betlemme e referente unico per tutte le attività della Conférence in cui Gallipoli è Presidente della Commissione. Il prof. Coppola annuncia ufficialmente la ripresa dei lavori nel riconoscere il Salento, con Gallipoli capofila, patrimonio dell’Unesco.
“Il primo giugno 2006 è stata presentato il progetto per riconoscere il “Salento e i centri del barocco leccese” patrimonio dell’Unesco.Un progetto poi abbondanato, ma per cui è arrivato il momento di ripresa. Molto lavoro per questo ambito riconoscimento, questo vuol dire che il primo passo sarà un accordo di programma fra i comuni interessati. Un primo passo fu fatto con l’ex Sindaco Errico nel 2015, ma oggi è la nuova partenza e si tratta, maggiormente, di rompere la spada del turismo stagionale.
Andiamo avanti per il 12º seminario e per il riconoscimento del sito come patrimonio dell umanità. In passato, la guida di Lecce ha portato ad un rallentamento, ma noi siamo pronti ad assumere la guida di questa iniziativa: Gallipoli sarà capofila e chiamerà all’impegno tutte le altre.”
“La nave è come un timone senza comandante, proviamo a prendere noi il comando” conclude il Sindaco Minerva
http://www.comune.gallipoli.le.it/archivio-news3223.html

Vedi anche

testata-gallipoli-2016

Presentato il Progetto Erasmus + ‘Gallipoli – Kale Polis, Città Bella’

Il comune di Gallipoli, in collaborazione con l’Associazione BXL EUROPE asbl (www.bxleurope.eu) di Bruxelles, incaricata …

testata-gallipoli-2016

Divieto utilizzo bombolette spray ed altro materiale atto a causare turbativa pubblica durante il periodo carnascialesco

Il Sindaco ha emesso un ordinanza che disciplina e proibisce una serie di comportamenti legati …