Home / Eventi / Cinema / Cinema Teatro Tito Schipa – Monolith

Cinema Teatro Tito Schipa – Monolith

monolith_1Sandra resta chiusa fuori dalla sua Monolith, la macchina più sicura al mondo, costruita per proteggere i propri cari da qualsiasi minaccia. Suo figlio David è rimasto al suo interno, ha solo due anni e non può liberarsi da solo. Intorno a loro il deserto, per miglia e miglia. Sandra deve liberare il suo bambino, deve trovare il modo di aprire quella corazza di acciaio, ed è pronta a tutto, anche a mettere a rischio la sua stessa vita. Il calar della notte porterà il buio, il sorgere del sole trasformerà l’automobile in una fornace. Sandra ha poco tempo a disposizione e questa volta può contare solo sulle proprie forze. Sperduta nel nulla, con possibilità di riuscita praticamente nulle, alla mercé di animali feroci e senz’acqua… Il coraggio di una madre riuscirà ad avere la meglio sulla Monolith?

  •  Date – Orari – Prezzi 
  •  Extra 
  •  Critica e Recensioni 

da GIO 17 a MER 23

Orario Spettacoli: 18:30 – 20:30 – 22:30

Prezzi: INTERO € 7,00 – RIDOTTO € 5,00 + € 1,00 per 3D

dal Lun al Ven 1° Spettacolo € 5,00 + € 1,00 per 3D

Mercoledì € 5,00 + € 1,00 per 3D – escluso Festivi e Anteprime

Le “Musiche dal mondo” sui carri del Carnevale. Domenica la festa del fuoco

Le “Musiche dal mondo” sui carri del Carnevale. Domenica la festa del fuoco

 

Le “Musiche dal mondo” sui carri del Carnevale. Domenica la festa del fuoco

Le “Musiche dal mondo” sui carri del Carnevale. Domenica la festa del fu

CRITICA DI MONOLITH:

Monolith è una curiosa e interessante operazione, che cerca di iniettare nel mondo del cinema italiano il dinamismo e la giovinezza dei giovani talenti del fumetto di casa nostra, e che si traduce in un thriller ben costruito (anche troppo, costruito) che non si dimentica dell’importanza delle psicologie nell’agire dei personaggi. L’atmosfera ansiogena richiesta dalla storia viene ben costruita e sostenuta, a dispetto della voluta ristrettezza di elementi con i quali il film può giocare. Mancano un po’ di sana “sporcizia” di genere, e qualche guizzo narrativo, ma l’esperimento non è affatto da buttar via. (Federico Gironi) 

Le “Musiche dal mondo” sui carri del Carnevale. Domenica la festa del fuoco