domenica , 16 dicembre 2018
Home / Rubriche / Poesie

Poesie

La Pastorale Caddipulina (Totò Crisogianni)

logo_natale

Ogni annu, de Santa Teresa alla viscilia de Natale, la Pasturale tutta la notte ave sunare. Lu quindici de ottobre, la prima fiata, Santa Teresa, iinu onurare; le prime pittule cu la minoscia, lu fanucchiu e la scalora. Mentru stai cu piji sonnu, chianu chianu se mbicina, dda musica ca …

Leggi tutto

Terracate (Giorgio Tricarico)

corte

Lu ‘ndore forte de la salamastra, vecchi pariti ‘nsarduti de lu mare, uci spardute, rumuri de vagnuni. A ddai ‘nu giurnu jeu àggiu tturnare. Ma chianu chianu ‘a vita te bbanduna, ‘rriva lu ‘mbiernu, tuttu ete siccatu, ddu scoju, ddu mare staci visciu cmu ‘ntra ‘nu snnu ricamatu. Nui simu …

Leggi tutto

Natale Caddhipulinu (Agostino Cataldi Junior, 1925)

logo_natale

Eccu già s’ha ‘mbicinatu chiani chianu lu Natale … ogni notte disciatati te la vecchia pasturale. Bbimu vistu Santu Ndrea la Matonna Mmaculata, bbeddha mea, Santa Lucia iddha puru è già passata. Aggiu fattu nu Bbrasepiu, ca è na cosa te nnamuri, su na banca mmienzu casa cu la crita …

Leggi tutto

Caddipuli ricina (Mosè Cataldi Jr)

torrioni_bastionemadonnaangeli

Caddipuli, ci stai comu ricina ‘sattata su’ ‘nu scoju ‘mienzu ‘mare, ‘cu ‘lu ndore te l’erva curaddrina lu core faci a tutti ‘mbarzamare; lu sole te ‘ncarizza ogni matina e ca te veste tutta t’oru pare: ‘cu l’aria toa, ca è sempre ‘bona e fina, ogni malatu faci ‘resanare. E …

Leggi tutto

Santa Cristina (Giorgio Tricarico)

logo_santacristina

Chiesiceddha te Santa Cristina la Chiesia cchiù piccicca te lu mundu, ca stai misa a vista te lu mare e guardi quiddhu portu tundu tundu.   Si piccicca è beru, ma tantu beddha, a ‘ncapu teve tieni la memoria, nd’hai viste cose tante, beddhe e brutte te Caddhipuli nde’ sai …

Leggi tutto

L’ansa della Purità (Luigi Sansò)

purita_spiaggia_02

C’è un’ansa di cui il sen guarda il ponente, dove, al tramonto o al sorgere del sole, l’onde che per morire giungon lente pare che umane esprimano parole. Chi tal linguaggio alcuna volta sente, che narra d’amorose e dolci fole, avverte farsi libera la mente dal cruccio, che arrecar tristezza …

Leggi tutto

“La Caremma” (Giorgio Tricarico)

logo_caremma

… e poi rrivau dumenaca ‘nu giurnu benatittu quistu, se lleva lu cascione ca ‘nguccia Gesù Cristu.   ‘A gente ppe’ lle strate se saluta e sse ‘mbrazza, scapulene le campane. Cci festa sulla chiazza.   E la Caremma sape la sorta nu’ pote cangiare lu caddhuzzu e lla pupa …

Leggi tutto

“E sse cangiau lu mundu” (Giorgio Tricarico)

logo_pasqua

Quandu te disciatasti la chianta germugliau, la nive te li munti te pressa se squaiau. Rrivau la primavera e l’arburi fiurira, li cristiani ppe’ tanta falicità chiangira. E scapula la campana, ‘vvisa lu creatu, vae ticendu a tutti ca sinti resurgitatu. E lu prevete ‘ntr’alle case tice listu listu: “Essi …

Leggi tutto