Introduzione alla Rubrica: il vernacolo gallipolino

  • Autore: Giorgio Tricarico

Nasce, finalmente, il sito di cultura a Gallipoli.

L’idea è quella di raggiungere uno sviluppo importante nel tessuto sociale gallipolino.

Bundari nome di battaglia di questa rubrica, sarà la voce del dialetto, della gente, perché possa manifestare liberamente la sua opinione e lo faccia sui vari argomenti. Può essere l’occasione irripetibile per confrontarsi, per andare indietro nel tempo, per riesumare le vecchie abitudini e consuetudini, perché, purtroppo, stanno via via scomparendo.

Ecco quindi, un programma che si prefigge di essere ascoltato, anche dalle istituzioni, che, rivaluti il dialetto in tutte le sue forme ed espressioni. Per non essere emarginato e per “contare di più”.

Questo sito sarà uno strumento di diffusione del dialetto, lingua molto complicata e difficile, proprio per una sua caratteristica particolare, è oggetto di tantissime discussioni, interpretazioni e modi diversi di vedere. Il dialetto, quindi, strumento utile che rappresenta una mentalità, un pensiero, una cultura sempre più condizionzta dai Media e da Internet.

Il dialetto, a differenza della lingua nazionale, trasforma, in espressioni affetti, sentimenti , prelevati dalla tradizione e dalla cultura popolare.

Nel programma ci saranno, altresi, degli spazi: “io la vedo così”  dedicato a tutti coloro che vorranno dare il loro contributo, che vorranno far presente il loro modo di vedere, di scrivere di pensare, l’altro, denominato “Portobello”, dedicato alla solidarietà, dove gli oggetti, donati dai cittadini, di volta in volta, verranno messi all’asta e venduti al migliore offerente, e, il cui ricavato sarà devoluto in beneficienza (su indicazione del donatore). Per rendere più interessante questo progetto saranno graditi  interventi di personaggi importanti e critici della nostra Gallipoli, e, nel corso del programma  potranno intervenire e mettere le loro firme su articoli, interviste, racconti ed altro. Il programma si occuperà solo ed esclusivamente di cultura nelle sue molteplici forme più espressive.

E’ mia convinzione che la cultura è sintomo di libertà, di creatività, di impegno umano, portatrice di messaggi spontanei ed incondizionati, di entusiasmo per le piccole cose, di un grande messaggio che occorre saper valorizzare ed alimentare. Qualcuno sarà scettico, riderà di questa iniziativa, farà la sua consueta critica, dirà ma che cosa credono di ottenere questi  la  dove hanno fallito persone più qualificate. Ma io sono convinto, in modo assoluto e determinato, che “Bundari“ soprannome di un personaggio dell’ottocento e del quale il commediografo Uccio Piro ne ha tratto una Commedia bellissima, troverà il consenso ed il gradimento dei lettori e potrà costituire nel tempo uno strumento indispensabile di comunicazione con la gente e per  conservare le tradizioni popolari.

Dice il mio carissimo amico e maestro Uccio Piro, ma chi te lo fa fare, noi siamo  “castimati te Diu“, qui tutto fallisce, troverai  molte difficoltà, ma io “capu tosta“ andrò avanti come una labbiggiata, di quelle che sembrano voler schiantare il paese in una giornata di inverno gallipolino. In qualità di collaboratore addetto a questa rubrica mi sento orgoglioso di aver trovato consenso da parte di coloro che entusiasticamente condividono e condivideranno in futuro, affinchè questa iniziativa, abbia successo, e, che, con il loro contributo e con i loro interventi faranno crescere ed affermare questo irripetibile avvenimento. Sono convintissimo che nel prosieguo del programma  troveranno ulteriori stimoli ed entusiasmo per lavorare con serenità ed impegno e per fornire a tutti il meglio di loro stessi per una migliore e duratura crescita culturale, per ribadire senza retorica la nostra inconfondibile, tanto sbandierata, vituperata e strombazzata “GALLIPOLINITA’ “.

E’ anche una buona occasione per rinfrescarci la memoria.

La Pastorale Caddipulina (Totò Crisogianni)

Ogni annu, de Santa Teresa

alla viscilia de Natale,

la Pasturale

tutta la notte ave sunare.

Lu quindici de ottobre,

la prima fiata,

Santa Teresa, iinu onurare;

le prime pittule cu la minoscia,

lu fanucchiu e la scalora.

Mentru stai cu piji sonnu,

chianu chianu se mbicina,

dda musica ca te piace,

tuce tuce, te lu dice ca

Natale ave ‘rivare.

Quantu te la dicu,

la Pasturale ntorna la santimu;

cu do mboti e le castagne

onurare imu Santu Martinu.

Sale scinde de la chiazza

muru muru c’ ave sciutu,

tuttu Gaddipuli ave giratu,

li vagnuni ave disciatatu.

Nde piace tantu cu la santimu,

puru ci tutti li panzieri

de stu mundu nui tanimu.

Nde la dice cu nde ricorda,

lu brasepiu imu giustare,

ca Natale ave ‘rivare.

Ncapu li otto

la terza fiata, le rape bujute

e le pittule spattute.

Jentu, acqua de cielu e mariggiate

sti ottu giurni c’ ave fattu,

na scarda de pesce nu sa vista.

Chianu chianu, nanzi sciamu,

de lu Bambinu nde ricurdamu.

Santa Cecilia ‘rivatu ave,

pare propriu ca lu Signore,

nuttate quete senza chiove,

la Pasturale Gaddipuli santire s’ave.

Li vagnuni mbambulati

de intra lu sonnu disciatati,

la sentene dda serinata

se la ricordene de l’adda fiata.

Mamma mia sta serinata,

cu stu friddu ca sta face,

fija mia, ete Santu Ndrea,

li pariti difriddea.

Nu suntu serinate,

staci sonene la Pasturale.

Mposta ieri sera,

le pittule e le rape

nu n’aggiu deciarutu:

mancu sonnu sta pijava,

a quannanzi sa farmata.

Mescia Vata da trastuluna,

tice sempre ca nu la sente,

idda ca abita a porta-bia,

vae dicendu na buscia.

Lu brasepiu a picca a picca

nde giustainu,

sempre a quiddu ca nascire

nde ricurdamu.

Chianu chianu rivatu s’ave

allu mese de Natale.

La Mmmaculata imu onurare,

festa crossa nui facimu,

la Pasturale nde santimu.

Li Santi ca imu onuratu,

lu Bambinu ndane ricurdatu.

Lu dasciunu c’imu fattu,

alla sera ndimu cotti.

Mentru sonnu sta pijavene,

porte e purtuni ci scasciavane.

Li vagnuni spauriscati,

de intra lu sonnu disciatati;

sta prucissione de notte vae girandu,

ppe ste ujuse ca tu ‘zitu vane truvandu.

Se nde vane mprima de la mescia,

cu la scusa de na pezza o de nazza,

sali scindi de la chiazza;

le vetrine ‘luminate,

ste caruse scazzacate.

‘Rivatu ave Santa Lucia,

la Pasturale ntorna la santimu,

l’adde pittule nde mangiainu,

a Natale sta rivamu.

Li vagnuni cu la pacenza,

lu brasepiu ane chinu,

manca ncora lu Bambinu.

Cu se cazzene e se vestene,

lu furone ane scasciare,

le cummari ane mbitare,

te le leste ane cumparire.

Chianu chianu nanzi sciamu,

la Pasturale

ogni sera la santimu.

Li furni chini mpizzi,

de taraddi, cozze e purciadduzzi.

Puru la chiazza cuperta,

tutta la notte ‘rumane perta,

pe le rape e le ciacore lu fanucchiu e le scalore.

Nija chiusa ncapu tanimu,

ppe le pittule ca sta friscimu.

Cu le carte o cu la tombula,

tutti a casa ci sciucamu,

menza notte sta spattamu.

Lu Gigi picciccu

cu lu Bambinieddu ‘manu,

tutta la casa nde giramu,

«Tu scendi dalle stelle » tutti cantamu.

Li vagnuni senza sonnu,

nturnisciati nanzi lu brasepiu,

cu dd’occhi ca nde vane

de nu pupu ‘l’addu,

ma lu panzieri,

stae allu Bambinieddu.

Nde la dicu a li vagnuni,

cu nu se perdene ste tradiziuni.

Terracate (Giorgio Tricarico)

Lu ‘ndore forte de la salamastra,

vecchi pariti ‘nsarduti de lu mare,

uci spardute, rumuri de vagnuni.

A ddai ‘nu giurnu jeu àggiu tturnare.

Ma chianu chianu ‘a vita te bbanduna,

‘rriva lu ‘mbiernu, tuttu ete siccatu,

ddu scoju, ddu mare staci visciu

cmu ‘ntra ‘nu snnu ricamatu.

Nui simu comu cocce ‘ntra lu mare

E comu rena ca ffunda ‘ntra lu fangu,

nu ttimu ‘a morte ca me pjia ‘mprima.

Luntanu de ddai: quistu sta’ chiangu.

‘Nturnisciata de fiuri e gersumini,

perne piràscene, tuttu ‘ncantu e risu,

china de steddhe e luci brillantate

‘u postu cchiù beddhu de lu Paratisu.

Cara vecchia curte Sant’Antoni,

jeu te racordu beddha puru la sera,

a n’angulu hai scusu ‘u core meu

e cmu passu te ‘mbuti a primavera.

Ma quante primavere su’ passate,

ogne ttantu ritornu, t’àggiu bbitire,

scurnusu, de notte e ccu lla luna

e chiangu, chiangu làcrame de sire.

Natale Caddhipulinu (Agostino Cataldi Junior, 1925)

Eccu già s’ha ‘mbicinatu
chiani chianu lu Natale …
ogni notte disciatati
te la vecchia pasturale.

Bbimu vistu Santu Ndrea
la Matonna Mmaculata,
bbeddha mea, Santa Lucia
iddha puru è già passata.

Aggiu fattu nu Bbrasepiu,
ca è na cosa te nnamuri,
su na banca mmienzu casa
cu la crita e cu li suri.

De brufichi e de marange,
de giannipri cunturnatu,
de cunchije e cocciuliddhi
l’aggiu poi tuttu paratu.

Aggiu misu li pasturi,
ciucci vacche e pecureddhe,
nu massaru, nu furnaru
e nu macu de le steddhe.

San Giuseppe e la Matonna
ngenucchiati e, bicini,
sonaturi te cimbarra,
te fischetti e piulini.

Ncete pure quattru maggi
ca nci brillane ppe l’oru:
lu Re Tromba e lu re Becchiu
lu Re Carusu e lu Re Moru.

N’angialieddhu ‘mpisu all’aria
intra ‘nuvule te ‘mbace,
canta: “Gloria a lu Signore”;
canta: “All’òmmini la pace”.

Te Natale, stu Bbrasepiu,
l’aggiu tuttu ‘lluminare,
ste lucerne e ste candele
s’hane tutte de ddumare.

Caddipuli ricina (Mosè Cataldi Jr)

Caddipuli, ci stai comu ricina
‘sattata su’ ‘nu scoju ‘mienzu ‘mare,
‘cu ‘lu ndore te l’erva curaddrina
lu core faci a tutti ‘mbarzamare;

lu sole te ‘ncarizza ogni matina
e ca te veste tutta t’oru pare:
‘cu l’aria toa, ca è sempre ‘bona e fina,
ogni malatu faci ‘resanare.

E quandu a ncelu ‘darlàmpene le steddre,
comu perne piràscene brillanti,
a ‘mare viti tante uciarneddre,
a nterra sienti serinate e canti.

Te piccinnu cu t’amu ‘cum’anzai,
e de stu core nu te scoddri mai!“

Santa Cristina (Giorgio Tricarico)

Chiesiceddha te Santa Cristina

la Chiesia cchiù piccicca te lu mundu,

ca stai misa a vista te lu mare

e guardi quiddhu portu tundu tundu.

 

Si piccicca è beru, ma tantu beddha,

a ‘ncapu teve tieni la memoria,

nd’hai viste cose tante, beddhe e brutte

te Caddhipuli nde’ sai tutta la storia.

 

A tutti ‘i piscaturi la matìna,

a iddhi mandi sempre ‘nu salutu,

cu tornene a casa ‘mprima ‘mprima,

ccu pischene te pesce mutu mutu.

 

E benatittu  ddhu giurnu t’’u culera

quandu tutte le porte stampagnasti,

piccicca è bberu, ma tutta rraggiata

ca a caggi ‘nculu a morte secutasti.

 

Cci spattaculu te feste e cci fochi

ddarlampava te steddhe tuttu ‘u campu

li vitri t’’e fanescie tremulavene,

pròpiu comu face tronu e lampu.

 

Rastacca quiddhu cane farci giurnu

e fanne mmozzaca cinca face ‘mbroje,

ca Caddhipuli s’a ‘nghiuttutu  lu ballone

e ppe’ lu tulore staci rraggia ccu le toje.

 

Ah, Chiesiceddha te Santa Cristina

Chiesia cchiù piccicca te lu mundu,

ca nde pruteggi te tutti li malanni

ma ci te rraggi mandi tuttu a ffundu.

 

A nui ca simu nati intr’allu mare

ca simu ‘ffezziunati a quistu scoju,

rasisti, Te sinti lu vantu te Caddhipuli,

parcè :”intra la lampa nc’è ‘ncor’oju.”

L’ansa della Purità (Luigi Sansò)

C’è un’ansa di cui il sen guarda il ponente,
dove, al tramonto o al sorgere del sole,
l’onde che per morire giungon lente
pare che umane esprimano parole.

Chi tal linguaggio alcuna volta sente,
che narra d’amorose e dolci fole,
avverte farsi libera la mente
dal cruccio, che arrecar tristezza suole.

Concesso è a ognuno divenir poeta
presso quest’ansa e intender l’infinito
mistero ch’armonizza in sé le cose.

Quivi svelansi alfin le più nascose
felicità cui anela il cuor, smarrito
per sentier senza sole e senza mèta.

(da Kallipolis – 1933)

“La Caremma” (Giorgio Tricarico)

… e poi rrivau dumenaca

‘nu giurnu benatittu quistu,

se lleva lu cascione

ca ‘nguccia Gesù Cristu.

 

‘A gente ppe’ lle strate

se saluta e sse ‘mbrazza,

scapulene le campane.

Cci festa sulla chiazza.

 

E la Caremma sape

la sorta nu’ pote cangiare

lu caddhuzzu e lla pupa

li vagnuni s’hane mangiare.

 

Te ca t’hane ‘mpisa,

la facce ‘ntussacata

nde quardi de ddha ssusu,

niura ‘mpeciacata.

 

Ma prima tte nde vai

oi dici to’ palore,

lu  focu ci te bruscia ‘mpiettu,

no, nu’ dae tantu tulore.

 

Parcè a quistu mundu

nui simu de passaggiu

e cu nde supporti tutti

nde ‘nci ole de curaggiu.

 

Poi mori queta queta

te perdi intra ddha fiamma.

Ridi, ‘na cosa te cunsola:

“Ca puru te si stata mamma”.

“E sse cangiau lu mundu” (Giorgio Tricarico)

Quandu te disciatasti la chianta germugliau,

la nive te li munti te pressa se squaiau.

Rrivau la primavera e l’arburi fiurira,

li cristiani ppe’ tanta falicità chiangira.

E scapula la campana, ‘vvisa lu creatu,

vae ticendu a tutti ca sinti resurgitatu.

E lu prevete ‘ntr’alle case tice listu listu:

“Essi tristu e fanne trasire Cristu!”.

E cinca t’have tatu corpi ‘ntr’allu stòmmucu,

spenturatu sta’ camina sulu ‘ntr’allu fòmmucu..

Ma cinca t’have amatu, cci festa crossa face!

Crita ppe’ lle strate: “All’ ómmini la pace!”.

E lli vagnuni sciocane, ritene li malati,

sonene, cantene e ballene puru li spenturati.

E Teve, ca li paccati nosci t’hai caracatu,

si statu crucifissu e puru marturiatu.

Teve c’hai suppurtatu tuttu comu nienti:

Nui quistu imu critare alli “Quattru Jenti”.