Caritas – Centro di Ascolto cittadino

Le Caritas Parrocchiali della Città di Gallipoli hanno dato vita al Centro di Ascolto cittadino.
Queste le attività del Centro:
Segretariato Sociale:
sostegno all’accesso al sistema dei servizi locali mediante l’assistenza nel disbrigo di pratiche presso uffici pubblici, per l’accesso a servizi sociali e di natura fiscale (mod. ISEE, 730, invalidità civile, . ).Sportello CAF e Patronato delle ACLI.
Pasto caldo e posto per dormire:
in collaborazione con la mensa dei poveri, attiva nel centro storico e la struttura di accoglienza notturna di breve periodo, attiva presso i locali della Parrocchia di Sant’Antonio da Padova, si affronteranno le più immediate necessità di persone senza tetto e bisognevoli di un pasto caldo.
Sostegno psicologico:
sostegno alla persona singola ed alla famiglia, con riguardo a problematiche legate alle relazioni intra ed extra familiari, alle devianze di vario genere, al rapporto educativo; Guida all’accesso alle strutture pubbliche esistenti sul territorio.
Prima assistenza sanitaria:
consulenza medica qualificata e guida all’accesso ai servizi ambulatoriali territoriali ed ospedalieri.
Consulenza e assistenza legale:
consulenza legale su problematiche personali e/o familiari e per la tutela dei diritti di cittadinanza.

Il Centro ha sede in Piazza Imbriani n.19 ed, oltre che personalmente negli orari di apertura, può essere contattato telefonicamente al numero:0833/1693492 e per posta elettronica all’indirizzo: centroascoltocaritas.gallipoli@gmail.com
Notizie ed informazioni potranno essere attinte anche dalla pagina facebook all’indirizzo: https://www.facebook.com/CentroAscoltoCaritasGallipoli

Solennità di S. Agata V e M

,

In onore della Santa si celebrano dei riti religiosi, presso l’altare del Martire, sentito da tutta la popolazione. Per l’occasione la Santa viene ornata con i preziosi candelieri dorati, numerosi ceri e rare reliquie della Santa. Le sacre fun­zioni iniziano con il novenario che si svolge dal 26 gennaio al 4 febbraio, durante il quale i sacerdoti officianti all’altare della Santa ne rievocano la vita, il martirio e la santificazione; funzioni religiose che si concludono con il canto del responsorio e con la benedizione impartita con una pre­ziosa reliquia della Martire.

Il 5 febbraio è interamente dedicato a venerare la Santa. Nella Concattedrale per tutta la mattinata vi è un via vai di fedeli, e sull’Altare dedicato alla Santa vengono celebrate in continuazione le Messe, poi il Pontificale solenne, officiato dal Vescovo, che durante l’omelia rievoca la vita il martirio e la glorificazione della Santa. Dopo la processione tra le navate, si conclude con il canto dello “Stans” e la benedizione ed il bacio della reliquia.

Un tempo si svolgeva la cerimonia “dell’obbedienza al Vescovo”, tutte le rappresentanze della chiesa (priori, clero, ecc..) intervenivano e si prostravano davanti al Vescovo e ne baciavano l’anello offrendo un cero. Nel 1736, ai tempi di Mons. Filomarini, per la festività di Sant’Agata viene cantato nella Chiesa Concattedrale un dramma musicale sacro, musicato da Don Crispino Pasanisi, dal titolo: “Oratorio a cinque voci per la Gloriosa Vergine e Martire Sant’Agata”, che nei successivi anni viene inserito nel programma delle sacre funzioni nel giorno della Santa. L’8 agosto si rinnova la memoria del ritrovamento della Mammella della Santa.

Settimana in Parrocchia dal 27/11 al 03/12

,
Lunedì 27 novembreMemoria della Medaglia miracolosa Le SS. Messe non saranno celebrate in Cattedrale ma nella Chiesa S. LuigiNel pomeriggio, presso la Parrocchia S. Maria degli Angeli in Nardo, avrà luogo il Convegno Diocesano dei Catechisti.
Martedì 28 novembre Alle ore 18.00, presso la Chiesa dell’Immacolata inizio della Novena
Mercoledì 29 novembre Presso la Chiesa dell’Immacolata avrà luogo la lectio divinaNella Chiesa degli Angeli, alle ore 17.15: Celebrazione dei Vespri, S. Messa. Al termine processione con lastatua di S. Andrea
Giovedì 30 novembre Alle ore 19.30, incontro della Caritas
Venerdì 1dicembreprimo del mese Dalle ore 8.30 alle ore 11,45, presso la Chiesa S. Teresa, esposizione eucaristica per l’adorazione personale. Segue la celebrazione dell’ora sestaAlle ore 19.00, in cattedrale: esposizione eucaristica e adorazione comunitaria con ai partecipazione degli iscritti all’Apostolato della Preghiera i novizi delle Confraternite e delle Associazioni
Domenica 3 dicembre inizio del tempo dell’Avvento

INFO

[wp-svg-icons icon=”home” wrap=”i”] http://www.cattedralegallipoli.it/

Settimana in Parrocchia dal 20/11 al 26/11

,

Lunedì

20 Novembre

La S. Messa vespertina sarà celebrata nella Chiesa di S. Luigi alle ore 18.30.

Ore 19.00: Adorazione eucaristica nella Chiesa di S. Teresa in preparazione alla Professione solenne di Suor Maria Teresa.

Ore 19.30: Incontro unitario di Azione Cattolica Adulti e Apostolato della Preghiera.

Martedì

21 Novembre

Ore 16.30: Professione solenne di Suor Maria Teresa nella Chiesa di S. Teresa.

La S. Messa vespertina sarà celebrata nella Chiesa di S. Luigi.

Ore 19.30: prove del coro parrocchiale.

Ore 20.00: Incontro con il gruppo Caritas.

Mercoledì

22 Novembre

Memoria

di S. Cecilia

Ore 9.00: S. Messa nella Chiesa di S. Luigi.

Ore 18.00: Celebrazione dei Vespri nella Chiesa di S. Luigi. Segue la traslazione della statua di S. Cecilia in Cattedrale, accompagnata dalla tradizionale “pastorale gallipolina”.

Ore 18.30: S. Messa in Cattedrale.

Giovedì

23 Novembre

Non ci sarà la S. Messa vespertina.

Ore 18.30: Lectio divina. Segue l’Esposizione eucaristica fino alle ore 21.00.

Ore 19.00: S. Messa e catechesi nella Chiesa di S. Francesco di Paola.

Venerdì

24 Novembre

La S. Messa del mattino in Cattedrale è anticipata alle ore 8.30.

Ore 19.00: S. Messa e catechesi nella Chiesa di S. Giuseppe.

Domenica

26 Novembre

Solennità

di Cristo Re

Ore 17.00: Esposizione eucaristica in Cattedrale nella Solennità di Cristo Re.

Ore 18.00: Canto dei Vespri. Segue la S. Messa.

INFO

[wp-svg-icons icon=”home” wrap=”i”] http://www.cattedralegallipoli.it/

Venerdì 20 gennaio: San Sebastiano. Patrono della Città di Gallipoli

,

Le celebrazioni prevedono:

  • Giovedì 19

ore 19,30: Processione dei simulacri di San Sebastiano e di Sant’Agata per le vie del centro storico, a partire dalle ore 19,30;

  • Venerdì 20

ore 18.00: Vespri;
ore 18,30: Celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo Mons. Fernando Filograna

Solennità di S. Agata V. M. 2017

, ,

Programma

dal 26 gennaio al 3 febbraio SOLENNE NOVENARIO

28 gennaio

ore 17:45 S. Rosario

ore 18:30 Celebrazione Eucaristica – Preghiere alla Santa

ore 20:00 Percorso artistico-teatrale “Beatae Agathae dicatum” a cura dell’Associazione AMART, in collaborazione con la Parrocchia “Sant’Agata” e l’Associazione “I Ragazzi di Via Malinconico

30 gennaio

ore 19:15 Convegno Parrocchiale delle Confraternite, delle Associazioni e dei Gruppi Ecclesiali

Il Cristianesimo…. Amore che accoglie – testimonianza dell’Ins. Luce Orsi, responsabile della Casa Famiglia “don Tonino Bello” di Ugento

31 gennaio

ore 19:15 Convegno Parrocchiale delle Confraternite, delle Associazioni e dei Gruppi Ecclesiali

Il Cristianesimo…. Amore che crede – testimonianza di Suor Moira Stradiotti delle Suore di S. Marcellina

1 febbraio

ore 19:15 Convegno Parrocchiale delle Confraternite, delle Associazioni e dei Gruppi Ecclesiali

Il Cristianesimo…. Amore che spera – testimonianza del Dott. Aldo Cafarelli, Responsabile medico dell’Hospice “Casa di Betania” in Tricase

2 febbraio FESTA DELLA PRESENTAZIONE DEL SIGNORE

ore 18:00 Nella Chiesa di S. Giuseppe – Benedizione delle candele e processione per la Basilica di S. Agata

Celebrazione Eucaristica

3 febbraio

Dopo la Celebrazione Eucaristica seguirà la benedizione della gola nella memoria liturgica di S. Biagio

4 febbraio VIGILIA

ore 9:00 Celebrazione Eucaristica

ore 18:00 Celebrazione dei Primi Vespri

ore 18:30 Celebrazione Eucaristica

ore 19:15 Processione con i simulacri dei Santi Patroni per le vie del Centro Storico

5 febbraio: SOLENNITÀ DI S. AGATA

ore 8:00 Celebrazione Eucaristica nella Chiesa di S. Teresa

ore 10:00 – 11:30 Celebrazione Eucaristica nella Basilica di S. Agata

ore 18:00 Celebrazione dei Secondi Vespri

ore 18:30 Solenne Pontificale presieduto da S. E. Rev.ma Mons. Felice Di Molfetta, Vescovo Emerito di Cerignola-Ascoli Satriano

Sant’Agata

,

santagata bustoLa città di Gallipoli sin dai tempi remoti, precisamente da quando furono ritrovate, fra le dune delle sue spiaggie, i resti mortali della sacra mammella, ha venerato Sant’Agata, morta martire nel terzo secolo in seguito alle persecuzioni del proconsole romano Quinziano, come protettrice della città e della Chiesa locale in particolare; il ritrovamento della sacra reliquia si perde nella notte dei tempi e la sua reale vicenda storica, come spesso accade, si interseca indissolubilmente con la leggenda popolare. Si narra infatti che l’8 agosto del 1126 sant’Agata apparve in sogno a una donna, che si era addormentata dopo aver lavato i panni nella spiaggia della Purità a Gallipoli, e avvertì che il suo bambino stringeva qualcosa tra le labbra:era la mammella della Santa. La donna si svegliò e ne ebbe conferma, ma non riuscì a convincerlo ad aprire la bocca. Tentò a lungo: poi, in preda alla disperazione, si rivolse al vescovo, che celermente giunse nella spiaggia insieme ad altri ecclesiastici.Il prelato recitò le litanie dei Santi fino a quando, pronunciato il nome della vergine Catanese, il bimbo aprì la bocca. Da essa venne fuori una mammella, evidentemente quella di sant’Agata. La reliquia rimase a Gallipoli, nella Basilica Concattedrale di Sant’Agata, dal 1126 al 1389, fino a quando il principe Del Balzo Orsini, in seguito ad un atto furtivo, la trasferì a Galatina, dove fece costruire la chiesa di Santa Caterina d’Alessandria d’Egitto, nella quale la sacra reliquia è ancora oggi custodita. Nonostante l’illecito, perpetrato ai danni dei fedeli gallipolini, la città non ha mai dimenticato l’intenso amore e la grande devozione verso la giovane Agata, imitandola nella testimonianza incessante del Vangelo, vera fonte di vita eterna. Molti, infatti, sono stati i Vescovi che,nel corso dei secoli, hanno commissionato, in onore della Santa Protettrice,a talentuosi artisti locali, vere opere d’arte: basti pensare alla meravigliosa Cattedrale,che sul finire del’600 fu intitolata alla giovane martire, oppure alle tele settecentesche di Giovanni Andrea Coppola, raffiguranti il martirio di Sant’Agata, che impreziosiscono ulteriormente la Cattedrale stessa. Inoltre non possiamo non ricordare sia il busto in argento della Santa,con profili in oro,  ancora oggi portato in processione la vigilia della sua ricorrenza liturgica, sia il “Tesoro di Sant’Agata”, un insieme cioè di calici, reliquiari, suppellettili e vari oggetti preziosi custoditi gelosamente nelle stanze dell’attuale museo diocesano. Da non dimenticare infine i numerosi inni e canti liturgici,composti da valenti musicisti locali, che ancora oggi vengono eseguiti il giorno della sua memoria liturgica,cioè il cinque di Febbraio. Fra questi va ricordato il cosidetto “Stans”, un’ antifona in latino che, con una melodia struggente, ripercorre gli ultimi istanti della vita della Santa,chiusa in carcere, prima della sua uccisione.

a cura di Cosimo Spinola

vedi anche: Solennità di S. Agata V e M – Programma anno 2018

vedi anche: Basilica Cattedrale di Sant’Agata