Associazioni Sportive e Squadre Locali

associazioni sportive
Negli ultimi anni a Gallipoli non si é fatto altro che parlare della squadra di Calcio, é vero, siamo arrivati per la prima volta nella storia in Serie B, ma non dobbiamo trascurare tute le altre associazioni sportive che sono presenti nella nostra città.

{tab=Calcio}

Quante ‘ndimu passate all’urtimi anni, te la gioja te la serie B allu fallimentu, ma comu l’araba fenice rinascimu te le nostre cennari. L’1 Luju 2011 l’A.S.D. Gallipoli Football 1909 passa alla nova proprietà, cuidata te l’imprenditore locale Marcello Barone. La squatra, ete cumposta prevalentemente te li giovani caddhipulini, è affidata alla guida te Carmine Bray; ma topu na serie te prestaziuni cusi e cusi, vene chiamatu l’Amleto Massimo, na vecchia cloria te lu calciu caddhipulinu te l’anni ’70 ‘80, cu risolva li problemi. Chianu chianu risalimu la classifica tandu vita a nu bellu duellu pè la seconda posizione contru lu Manduria; purtroppu ‘rrivamu terzi e quindi alli playoff pè lu ripescaggiu in Eccellenza. Prima eliminamu lu Mottula in semifinale, ma ‘ndimu ‘rrendere allu Manduria in finale. Ma l’8 ustu ‘rriva l’attesa ufficialità: lu Caddhipuli è ripescatu in Eccellenza.

IL CALCIO A GALLIPOLI
La palla…ci bellu sciocu, mancusia ci ‘nderene campati a pane e palla.

Pè li caddhipulini, e nù sulu, è stata sempre la passione te tanti cristiani ca ane tatu, o ca lu sciucavene o ca lu secutavene, lu core e puru farci cosa addha.

Puru moi quandu camini pè le strate, a ogni ripàta viti vagnuni e carusi ca sciochene alla palla; osci se usene le majie te li sciocatori te le crandi squatre (Del pieru, Ibrahimovic, Totti eccetera eccetera), tandu se sciocava strazzati, scazzati, cu le ‘rrobbe vecchie, cu quiddhe te l’uttisciana o te la festa, ‘nzomma l’arte sempre quiddha era! E quante mazzate imu pijatu te le mamme quandu sotta la porta, ‘ddhavia la Puritate, a Loscu o sotta Castieddhu scasciavane ‘mprima ‘mprima le scarpe nove; e quante pè le lastre te porte e fanescie scasciate, e quanti palluni tajati…

Cuntamu moi nu picca te la scutra te lu Caddhipuli.

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Gallipoli Football 1909, ete na società calcistica te la città te Caddhipuli, in pruvincia te Lecce, ca milita allu campionato te Prumozzione pujiese.

Li culuri sociali suntu lu giallu e lu russu e l’innu ete: Giallorosso del Commando Ultrà te lu Mimì Petrucelli.


Storia te le scuatre te Caddhipuli

Ciarcamu cu ‘bbè cuntamu nu picca te storia te le squatre te Caddhipuli, la cosa nù è stata facile parcè na ota se cuntava picca te palla, nù certu comu moi. Lu primu aneddutu ricuardu la scuatra te lu Caddhipuli risale allu 1909 quandu la società Sporting Club Lecce, capitanata te lu Ettore De Michele tecise cu disputa n’incontru amichevole a Caddhipuli contru na selezziune te studenti composta te giovani caddhipulini. Sapiene ca erene ‘cchiu scarsi e cusì ciarcamme jutu a quarche marinaju ‘ngrese ca stava a Caddhipuli., se vitte la tifferenza turante la partita: lu risultatu finale foe 3-0 pè la squatra caddhipulina.

Li leccesi nu sulu le ‘bbuscara ma ‘ttuccàu cu se nde tornene pieti pieti a casa loru. Se tice ca li campi, tandu, erene addhu moi ‘nci suntu l’uffizi te l’ENEL e addhu ‘nc’era prima l’uffiziu te le cuardie, alla via Filomarini.


Nascita te la U.S. Gallipolina

A picca tiempu lu sciocu te la palla appassiunau tanta te ‘ddha gente ca poi a tutta l’Italia ‘nzignara li campionati nazionali e pruvinciali. Puru a Caddhipuli panzara bonu cu fazzene la squatra: la chiamara “U.S. Gallipolina”, sta cuntamu te l’anni vinti, la casacca ca purtavene era jianca cu na fascia russa a mienzu, o gialla cu bordu russu e sciucamme contru lu Squinzanu, lu Casaranu, la Pro Italia te Tarantu, l’Ideal Bari e farci addha squatra te quannanzi. Cu lu Caddhipuli tandu sciucavene Scategni, Di Sansebastiano, Abbate, Lerose, Di Benedetto, Natali, De Paolo, Fontanarosa e, alla fine te l’anni trenta, sciucara puru l’Etture Cataldi, lu Quintinu Curciulu e lu tottore Bei Biancu ca era cusi veloce ca lu chiamara “Littorina”. Unu te quiddhi ca taniene ‘mmanu tuttu era lu Pippi Calvi, ziu te lu Curratu ca poi ‘cchiamu ‘cchiui ‘nnanti. Erene tutti “cavaddhi fumusi” ca nu se tiravene mai ‘rretu, tantu ca na fiata, mentru stà sciucavene cu lu Nardò, ‘ttuccara chiamene li Carbunieri pe’ le mazzate ca sta se tavene intra lu campu. La majetta, te culuri, era gialla cu lu bordinu russu oppuramente janca cu na fascia russa a ‘mmienzu. Lu campu era quiddhu te “li quattru munti”, addhu moi se ‘ncrocene Viale Bari cu Via Udine; pare ca ‘nc’era puru na tribuna cu te ‘ssetti e lu ricintu era te taula, ‘ncuddhatu allu murettu te la ferrovia, quiddhu te fronte lu campusantu.


La Sciuteca

Alli primi anni te lu trenta, a Caddhipuli ficiara na crande spianata a ‘rretu la Sciuteca addhu ‘nc’era sulamente mare, ‘nchira tuttu te terra e addhai durante lu Fasciu se faciene l’adunate, li sciochi ginnici e puru farci partita. Quandu ‘nci foe la cuerra tuttu se farmau, vistu ca li carusi stavene tutti allu fronte. Ma puru la cuerra, ‘ngrazie te Diu spicciau, e a Caddhipuli ‘nc’era na squatra ca se chiamava ”Freccia Azzurra” ca nu sciucava a nuddhu campiunatu, ma facia sulamente partite amichevuli alle feste cumandate te l’addhi paisi. Sciucavene tandu tra l’addhi lu Zacchinu, lu Ginu Della Rocca e lu Nucciu Cultura, l’Ucciu Solidoro e l’Ucu Curciulu. Foe alla fine te l’anni quaranta ca lu Mauriziu Albahari, lu 900 articuli, fice na squatra ca sciucau in seconda e terza divisione, ca era lu vantu te li caddhipulini e se chiamava “Fiamma Jonica” ; li culuri te le maje erene a strisce russu-azzurre, comu lu culore te lu gonfalone te Caddhipuli. ‘Nc’era puru n’addha squatra ca sciucava cu la maja azzurra e se chiamava “Savoia”. Cu lu Savoia sciucavene puru l’Enzu Vincenti, lu Cianu Casule e lu Curratu Calvi, ca poi ficiara ebbuca te taveru ma ‘cchiù ‘nnanzi: nun’era ‘rrivatu ‘ncora lu mumentu loru!

Allu ”campu te la Sciuteca” nu ‘nc’erene certu le comudità te moi. La terra era cusì tosta ca quandu cativi, cu te vegna ‘bbona, te scurciavi comu nu ciucciu e sanò te spriculavi l’osse… Addhu ca l’erva te moi, naturale o sintetica! Li sciocatori se spujavene intra le case te li cristiani e nu ‘nc’erene ne riti ne muretti te ricinzione; le strate le chiutiene cu li ‘nzarti o farci cosa addha e pè tribuna ‘nc’erene le fanescie e le turri te le case. Tandu l’arbitri nu durmiene sonni tranquilli parcè la minaccia era sempre li stessa: cinca facia lu fessa scia ‘nde fazza cumpagnia alli pisci! Topu tanti campiunati te seconda divisione, allu 1956 la Fiamma Jonica finarmente vinciu lu campiunatu. Mentru caminava l’annu la Comune spicciau li lavori te ricinzione e te le tribune, e ‘rrivamme in prima, ca vania topu la promozione, la quarta serie e la serie C; se sciucava contru lu Racale, lu Galatina, lu Brindisi, lu Tajanu, l’Ostuni, lu Squinzanu, lu Novoli e lu Mesagne. A ‘ddhu campiunatu ‘rrivamme a metà classifica e puru l’annu topu sciucamme in prima. Cu lu Caddhipuli te tandu sciucavene Intermite o lu Gigi Pisanellu a ‘mporta, Buccarella, Benvenga, Ferilli I, Casole, Casalino, Ferilli II, Lerose, Samanni, Portolano, Boellis (ca tutti canuscimu a Caddhipuli comu lu Cicci Massa), Cardellino, Urso, Solidoro, Pedone, Russo; l’allenatore era Bisogni. Topu toi anni, allu ’58, ‘rrivamme terzi a ‘rretu lu Racale e lu Novuli, quartu ‘rrivau lu Galatina; foe ‘ddh’annu ca ficiara nu campiunatu nou, quiddhu te li Dilettanti (comusia ca ete l’Eccellenza te moi); tutte e quattru le squatre fora promosse.


Campionatu Dilettanti

Lu 5 ottobre te lu ‘58 sciucamme la prima partita te lu campiunatu dilettanti contru lu Casaranu e buscamme na beddha batosta, vistu ca nde pijamme cinque. Lu Casaranu te tandu era nu squatrone e lu campu te la Sciuteca era chinu e nu ‘nc’era postu mancu pe’ nà spingula; li cristiani stavene ‘mmuntunati e se vittara lo stessu la partita susu le turri o alle fanescie ca tavene allu campu. ‘Ddhu giurnu sciucara Cammarota, Cardellino, Rossi, Fonseca, Russo I, Portolano, Russo II, Ferilli I, Ferilli II, Avallone e lu Cicci Massa ca era lu capitanu; l’allenatore era Grattagliano. Puru li giurnali te tandu cunsijara alli Dirigenti cu pijene quarche rinforzu; ‘ddh’annu ‘rrivamme ottavi, ma nde ‘llavamme lu spiziu cu battimu la squatra ca vinse lu campiunatu, lu Noicattaru, cu na rete te lu professore Giorginu Ferilli. Vincimme puru cu lu Brindisi e ‘mpattamme cu lu Maglie e lu Monopuli. Allu campu te la Sciuteca s’ave sciucatu te l’anni quaranta mentru allu giugnu te lu ‘69 quandu la Comune finarmente fice lu campu nou, sotta a Litu.


I tifosi e l’arbitri

L’amore te li caddhipulinu pè la squatra tante fiate l’ave ciacati a tale puntu cu se scatinene contru l’arbitri, poviri cristiani! Tra li tanti fatti ca ane vistu li caddhipulini secutare l’arbitri ‘bbè putimu racurdare la partita contru lu Martina allu primu annu te serie D, ma quiddhu ca ‘rrumase alla storia foe quandu secutara e schiaffisciara l’arbitru Tonolini te Milanu (ca poi ‘ddhevantau arbitru famosu) quandu fice lu fessa alla partita contru lu Pescara, era lu 25 fabbraru ‘73. Se sciucau sotta n’acqua te cielu ca ‘nde ulia vindetta e l’arbitru nde ‘llavau nu ricore sacrosantu e ‘nde cacciau toi giocatori, lu Michè Alemannu, ca se ‘ncazzau pè lu ricore ca nù ‘nde tese, e lu ‘Ngiò Manzolelli, ca ‘bbiu palore cu nu sciocatore te lu Pescara. La cronaca giudizziaria cunta puru te na partita ca se sciucau lu 10 sciannaru ’64: i caddhipulini fora farmati te li questurini e te li carbunieri parcè erene manatu farci petriceddha, quarche sputazza e parcè cujìra l’arbitru Conte te Bari cu nu sciacquatienti. Tre fora ‘rrestati e lu quartu foe denunciatu, ma lu dia topu ‘ssira tutti. ‘Ddhi spenturati fora processati te lu Pretore te tandu: unu tisse ca foe manatu te addhi cristiani susu all’arbitru, l’addu ca nu sputau te susu li spojatoi ma ca era salutu cu biscia meju la partita e l’addhu ca l’arbitru lu schiaffu se l’era sunnatu. Lu maresciallu te li questurini cunfarmau le parole te sti cristiani, e tisse ca era ‘ntisu tante castime (e quandu mai…) contru l’arbitru ma schiaffi o ‘bbiuni nu ‘nd’era visti filu. Alla fine, n’addhu picca spiccia ca l’arbitru ‘nd’era puru ciarcare scusa, e tutti quattru fora assolti parcè nu erene fattu nienti contru la legge!


‘Nzigna la storia allu campu nou

Lu 12 ottobre te lu ‘69 se sciucau la prima partita allu campu nou te sotta a Litu te S. Giuvanni e sciucamme contru lu Laterza; era lu campiunatu te Prima categoria e vincimme 1-0 cu na rete te lu Michè Alemmanu. Ma ete l’11 giugnu te lu 1972 la data ca fice taveru ebbuca pe’ la squatra te pallone. Allu spareggiu ca foe sciucatu a Monopuli, lu Caddhipuli cunquistau, pe’ la prima ota, la quarta serie (serie D). Lu Curratu Calvi, presidente te tandu, fice nu squatrone e topu nu campiunatu spettacolare lu Caddhipuli e lu Grottaglie spicciara a pari punti. ‘Ttuccau cu se scioca n’addha partita e a Monopuli ‘nc’erene tremila cristiani. Nui stavene alla tribuna e siccomu li monopolitani erene piscaturi comu nui, tifara pè lu Caddhipuli; quiddhi te lu Grottaglie stavane te faccifronte, sulla gradinata. Foe na beddha partita e lu Caddhipuli segnau pe’ primu cu lu Cianu Casole, su passaggiu te lu Michè Alemannu, ma allu secondu tiempu pareggiau pe’ lu Grottaglie Albani. Puru topu li supplementari la partita spicciau a pareggiu e tandu nu se scia alli rigori comu moi, ma era tutta questione te culu: ‘nc’era la monetina (la centu lire)! Susu le tribune nu se santia na muschia ulare e l’arbitru Pampana te Pisa chiamau li capitani a ‘mmienzu lu campu; lu nosciu era l’Enzu Vincenti ca scucchiau capu. La monetina ulau e se farmau e quandu l’Enzu se ‘ddunau ca ‘ssiu capu fice na culitrumbula alla ‘mbersa e pe’ li caddhipulini foe crande festa. ‘Ncora moi l’Enzu tice ca ‘ddhu sordu tania sulamente la capu parcè ‘ssiu pe’ tre fiate cunsecutive. ‘Ddhu giurnu a Monopoli sciucara: Cicciu Freddu, Tarantinu, Presicce, Gualtieri, lu Matteu Sciscioli (quiddhu ca moi face lu telecronista), Miggiano, Manzolelli (meju canusciutu comu ‘Ngiò Angelillu), Michè Alemannu, Cianu Casole, Neni Barba e l’Enzu Vincenti. ‘Ssattati alla panchina ‘nc’erene lu Silvanu Solidoru e lu Burrasca. L’allenatore te ‘ddha squatra era De Francesco, te Nardò, ca fatia all’Acquedottu te Caddhipuli.

Puru lu 23 masciu ‘74 ete n’addhu giurnu ca li sportivi te Caddhipuli se racordene ‘bbonu. Quandu vincimme lu spareggiu te Monopoli, topu n’annu scindimme ‘ntorna in Promozione e ficeme nu campiunatu tremulandu cu squatre comu lu Tricase, lu Poggiardu, lu Novoli, lu Carmianu, lu Squinzanu e ‘nnanti a tutte lu Casaranu, ca propiu ‘ddh’annu era salutu te categoria. Lu Casaranu partiu sparatu e se ‘zzaccau lu primu postu, ‘rretu ‘nc’era lu Maglie e poi lu Caddhipuli, tandu allenatu te lu Nucciu Della Rocca (ca tutti caniscimu comu Nucciu Cija). Quandu mancavene tieci sciurnate cu spiccia lu campiunatu (puru tandu era usanza) cangiamme l’allenatore e la squatra foe tata a Ulivo ca puru sciucava a ‘mmienzu. Vincimme subbitu a Maglie cu le reti te lu Tore Fiore e te lu Brunu e a ‘mporta ‘nc’era lu Panicu, ca parau puru nu ricore. ‘Rrivamme all’urtima sciurnata cu nu puntu a ‘rretu lu Casaranu ca sciucava a Maglie, mentru nui sciucavene a casa cu lu San Cesariu. Lu Curratu Calvi fice ‘nzignare la partita cu nu quartu t’ora te ritardu (cusi facendu sapiene lu risultatu te Maglie). Lu primu tiempu spicciau cu tutte toi le squatre ca vinciene, ma a tre minuti te la fine lu Maglie pareggiau e quandu la sapira li caddhipulini scuppiau lu putiferiu, ‘nguantamme lu Casaranu e tuccau cu facimu n’addhu spareggiu, però sta fiata a Lecce. Puru quista foe na beddha partita e lu Caddhipuli vinse crazzie a na rete segnata cu lu cocculu t’oru te lu Brunu su carciu t’angulu, battutu te l’Enzu Vincenzi alli supplementari. ‘Ddhu giurnu sciucara: Panico, Fontanarosa, Presicce, Ulivo, Greco, Vincenti, Totu Casole, Spada, Tore Fiore, Calabrese. Bruno. Le riserve fora lu Cicciu Freddu, lu De Ceglie, lu Marcellu Casalinu, l’Ucciu Fiore e lu Marcellu Petrucelli, ca topu fice puru l’allenatore. Li caddhipulini se sculara (puru tandu) quiddhi te Casaranu cu nu volantinu addhu n’cera scrittu : ”Lu lupu chiacchiarone ‘rrumane in Promozione, lu caddhuzzu chicchirichì… se ‘nde ula in Serie D”.

Vintu lu campiunatu, lu Curratu Calvi lassau la presidenza ca foe pijata te lu Conte Carlu Viva. Foe tandu ca ‘nzignau n’addha beddha storia pe’ la squatra te lu Caddhipuli. Topu n’annu ca nde sarvamme all’urtima sciurnata, lu conte Viva fice nu squatrone cu ‘bbinca lu campiunatu. ‘Ccattau Fichera, lu Vitu Faggianelli, Bastianone, Taddeini, Petrone, Jancarelli, Corallo e topu n’annu a Trapani turnau puru Celano. Ficeme nu campiunatu spettacolare! E ci se rascorda lu 7-0 contru lu Squinzanu, cu sei reti te lu Fichera, l’1-0 contru lu Potenza e lu Nardò o lu 2-1 contru la Juve Stabia, quandu successe lu finimundu all’urtimi minuti pe’ nu ricore ca nde tese l’arbitru. ‘Nci fora tre sciocatori te la Juve Stabia cacciati e de picca lu capitanu Portelli nu lu ‘rrestene pe’ oltraggiu alli carbunieri ca ‘ttucara cu nde lu caccene fore te lu campu. Ebberu ca sciarramme lu ricore ma topu nu picca foe Corallo cu segna la rete te la vittoria. Spicciamme ‘ddhu campiunatu allu terzu postu cu 48 punti; pardimme lu scontru direttu cu la Cavese ca vinse lu campiunatu, cu na rete fasulla ca Pampanà te Pisa (lo stessu te lu spareggiu te Monopoli) tese pè ‘bbona. La squatra tipu era: Monteduro, Coletta, Bastianone, Paolettoni, Corallo, Bavota, Jancarelli, Taddeini, Fichera, Celano, Petrone. Sciucara puru lu Faggianelli e l’Amletu Massimu. L’allenatore era Elia Grecu.

L’annu topu, tostu pesciu te la petra leccese, lu Conte Viva fice na squatra ‘ncora ‘cchiù forte. Pijau comu allenatore lu Carlu Orlandi e purtau a Caddhipuli sciocatori comu Graziani (ca ogni tumenaca nde cantavene la canzone “Il vecchietto”), Moscarella, Viterbo, Facciorusso, Cherubini e tanti addhi paru cu ‘ddoi sciocatori caddhipulini: lu Michè Alemannu e l’Amletu Massimu. Foe nu campiunatu ca, comu sape fare lu Caddhipuli quandu ole, spriculamme tutti. ‘Rrivamme primi e sciucamme l’annu topu in Serie C/2, ca foe fatta paru paru ‘ddh’annu. La squatra tipu era: Moscarella, Bastianone, Faggianelli, Viterbo, Facciorusso, Alemanno, Coletta, Famiglietti, Cesari, Cherubini, Graziani e ‘ddh’annu l’Amletu nosciu fice puru parecchie partite. ‘Nzignau te cusì l’avventura in Serie C/2, puru ca allu campu tardara li lavori te ristrutturazione e le prime partite le sciucamme alli paisi te quannanzi. Lu 14 sciannaru te lu 1979 sciucamme la prima partita allu campu nou e cu l’erva! Foe nu campiunatu travajatu, Orlandi foe cacciatu topu la partita persa cu lu Riccione e la squatra foe tata all’Ambrogiu Alfonso. Nde sarvamme all’urtima sciurnata quandu vincimme cu na rete te testa te lu Graziani a Vasto. A Caddhipuli tandu sciucavene Rufo, Della Bianchina, Verdiani, Mazzetti, Grimaldi, Zamparo, Doldi, Sergino Orlando, Chimenti. Li caddhipulini spattara li sciocatori sulla Serra e foe festa crande. Ma, mara nui, parcè la serie C… foe focu te paja!

Pe’ le squatre te Caddhipuli nu è stata sempre festa, imu canusciutu puru crosse delusioni e ‘nghiuttutu tanti uccuni mari. Lu ’62/’63 la Fiamma Jonica nu ‘bbuliu cu scioca allu campiunatu te Prima scucchiandu, pe’ mancanza te sordi, quiddhu te seconda; quiddhi fora l’urtimi anni ca se sciucau lu derby cu lu Savoia. Topu ‘ddhu campiunatu spariu lu Savoia e lu ‘65/’66 la Fiamma Jonica nu foe scritta a nuddhu campiunatu. Steseme senza pallone pe’ nu paru t’anni e, crazzie all’Antoniu Ferilli, lu Fai, lu Taurinu e lu Russu nasciu la nova “U.S. Gallipoli”. Allu ’68 toi squatre addhe sciucara in terza categoria: l’Intrepida, ca era la squatra te lu “Burgu”, cu allenatore lu Giorginu Ferilli e presidente lu Robertu Taurino, e lu Juve Club, te “Caddhipuli Vecchiu”, allenata te lu Gigi De Somma (lu Mesciu) e presidente lu Ginu Schirosi prima e li Pippi Sabutu poi. Quandu stavene in C/2 nascìu la nova Fiamma Jonica te lu Mastrubattista e de lu Polimenu. Addhu uccone maru e tortu foe lu 31 luju 1979 quandu, pe’ gravi problemi te sordi, nde scancellara te la Serie C! Nascìu la Virtus Gallipoli, crazzie allu Fernandu Carteny e lu Pippi Sabbatu, nde scrivira alla Prima Categoria e presidente foe lu Guido Sunna e topu tre misi ‘ddevantau presitente lu Cò Pisanellu. Lu 6 sciannaru te lu ‘99 nde scancellara te lu campiunatu te Eccellenza parcè nu nde presentamme pe’ quattru fiate.

L’urtimi vinticinque anni te storia te la squatra oramai li canusciti bene o male tutti. Allu ’79, topu la prima radiazione, sciucamme e vincimme la prima categoria, topu nu campiunatu cumbattutu mentru all’urtimu, cu lu Melissanu ca tania comu allenatore l’Enzu Vincenti. ‘Nci fora sette anni te Promozione cu campionati ca erene pututu puru vincire e speciarmente quandu allenau lu Giorginu Ferilli e lu Petrucelli. Allu 1987 simu scisi in prima Categoria e topu quattru anni, allenatore lu Tommasu Fontanarosa e presitente lu Pippi Pacella, salimme ‘ntorna in promozione e te picca, cu lu “Torneu Acqua Vera” nù vincimu puru nu campu nou. Alla staggione ‘94/’95 ‘nde unimme cu la Vis Nardò e sciucamme in Eccellenza e, cu l’allenatore Mariu Ruberto, te picca nu salimu in Serie D. Comu imu tittu prima, allu ‘99 nde scancellara ‘ntorna e la squatra foe pijata te l’Antoniu Vallebona, l’Emiliu Picciolu, lu Manueli Benvenga, lu Tuninu Barone e lu Vitu Faggianelli. Nde pijamme lu titulu te lu Leveranu e paru cu l’ “A.C. Peppino Ripa” (na squatra ca secutava li vagnuni) vincimme lu campiunatu te prima, ‘rrivandu secondi l’annu topu a quiddhu te Promozione. Pe’ meriti sportivi salimme in Eccellenza, ‘ddhavantau presidente lu Vicè Barba, era lu 2002.


‘Rrivau lu presidente Barba

La prima stagione tu Barba spicciau cu nu discretu sestu postu, ma l’ambiziuni te lu presidente suntu addhe: “B come Barba“, quistu ete lu slogan te lu pruggettu. Pè la stagione 2003/2004 se prepara na crande squatra ca vene tata a manu allu tecnicu Antoniu Toma, la squadra tipu fatta te Spina, Musca, Vetrugno, Arcuti, Raimondi, Capece, Leone, Sardella, Di Pasquale, Riccardo, Ciccarese simu turnati in Serie D cu nu campiunatu te recurd topu 25 anni. Puru pè la successiva stagione lu presidentissimu nà bada a spese e topu tata la scuatra a manu allu tecnicu nou Franco Giugno, ‘ssieme allu tirettore sportivu Danilo Pagni, na scuadra te prim’ordine, cu nomi te calibru comu l’attaccante argentinu Josè Ignacio Castillo e Riccardo Innocenti, ca in tuttu ficiara la bellezza te 45 reti. Topu nu campionatu sempre an capu la classifica ‘rrivau la matematica pè la promozzione in Serie C2 lu 1º masciu turante lu derby contru lu Nardò.

La scuatra era forte e quindi ‘nzignarene la richieste te l’addhe scuatre cu ‘nde ‘zzumpene li sciocatori ‘cchiu forti, tra tutti Castillo. Ma lu presidente tania ambiziuni sempre ‘cchiu crosse e nù sulu cunfermau Castillu ‘ngaggiau Gaetano Auteri comu allenatore e ‘ccattau sciocatori ‘sperti pe tale catecoria. Facimme n’addhu campiunatu ta prima all’urtima sciunata sempre primi, conquistandu la terza promozione in tre anni, e nù ete na cosa te nienti.

Ma lu Caddhipuli addha stagione nù se ‘ccuntentau sulu te la prumozzione alla C1 ma ‘rrivau puru la vittoria te la Coppa Italia te Serie C contru la scuatra te la Sanremese. La stagione topu lu presidentissimu confermau lu tecnicu Auteri, ma tanti protaconisti te l’annata fantastica 2005/2006 se ‘nde scira, comu Castillo ca passau allu Frosinone in B, lu Raimondi allu Pisa, Innocenti alla Val di Sangro. La stagione se rivelau tosta e nù trasimme mancu alla zona playoff, li risultati te metà sinu alla fine purtara puru all’allontanamentu temporaneu te lu tecnicu Auteri, richiamatu poi na samana topu l’esoneru. ‘Rrivamme tecimi a pari punti cu la Salernitana.

Pè la stagione 2007/2008 lu presidentissimu operau na crande rivoluzione: chiamau Dario Bonetti comu allenatore e te la vecchia scuatra ne ‘rrumasera sulu ottu. ‘Nzignamme cu na crande vittoria 4-1 contru la Massese, poi nu pareggiu all’urtimo giru te lancette 1-1 a Salerno crazzie a Stefano Morello. Passame quasi tuttu lu campiunatu intra la zona playoff, speciarmente pè lu rendimentu te le partite in casa (compreso nu 2-0 alla capolista Salernitana), ma fore le mura amiche facimme sulu na vittoria cu la Pistoia. Passara vintisei sciurnate, la scuatra era terza in classifica ma l’ambiente cu lu tecnicu Bonetti nù era ‘cchiui rose e fiuri, comu sostitutu pijara Vincenzo Patania.

Lu cambiu purtau la sconfitta cu l’Arezzu pè 3-2, poi la vittoria ‘mpurtante cu lu Perugia prima te na serie te partite disastrose (sulu nu puntu a sei partite), e na brutta sconfitta contru lu Martina urtimu in classifica e già matematicamente retrocesso. Allafine ‘rrivamme noni.

Topu na stagione cusì, vennara sostituiti Pagni e Patania cu Gino Dimitri, ca era lu responsabile te l’area tecnica te lu settore giuvanile te lu Lecce, e comu ‘llenatore Giuseppe Giannini. La rosa foe formata te giovani promettenti e gente ‘sperta te categoria, e l’ambizziuni erene crandi: la promozzione in Serie B, sfruttandu puru le partite in casa vistu ca erene l’unici cu tanimu lu campu in sinteticu.

La scuatra rende considerandu n’organicu te valore cu l’innesti te sciocatori comu lu Ciro Ginestra e Francesco Di Gennaro, crandi attaccanti, lu regista David Mounard, li centrocampisti centrali Gennaro Esposito e Giuseppe Russo e na tifesa te spessore ‘nnanzi lu portiere Generoso Rossi.

L’iniziu foe strepitosu, topu sulu sei partite nientitemenu ca ben sidici punti. Poi nu calu porta a sconfitte sia cu lu Foggia ca cu lu Pescara e nu pareggiu in casa cu l’Arezzo, ma subitu topu na bella vittoria in casa cu la Cavese pè 5-1.

Mentru prima la scuatra tania cali fisici a metà campionatu moi ‘mbece vince e cunvince sia a casa ca fore, ‘nde ricurdamu ‘bboni lu derby vintu allu Iacovone cu lu Taranto. Sciurnata ‘mpurtante pè la sorta te lu campiunatu ete lu 26 ‘brile, Caddhipuli in testa e partita contru lu Crotone allenatu te lu salentinu Francesco Moriero, staccatu te nu sulu, primu tempu parità 0-0 poi topu lu rete te Basso su rigore ‘rriva lu pareggiu te lu bomber Ginestra. Li minuti passane ma finarmente allu 89° minutu l’attaccante Di Gennaro te lu caddhipuli tirau nu diagunale ca se ‘ncassau intra la porta e la partita spicciau 2-1. Ere nientipopotemenu in ottucentu li tifosi Caddhipulini giunti in Calabria, la scuatra ora se purtau a +4 su la seconda Crotone; ma la festa era sulu rimandata, ‘rrivau allu 17 masciu 2009 quandu ‘nnanzi a settemila spettatori festanti allu Stadio Bianco tuttu esauritu vincimme 3-2 cu la Real Marcianise.

Fischiu finale e ‘nzignau la festa, cori, inni versu la società e la scuatra, ovazziuni pè lu mister Giannini; se trattava te la prima saluta in B a tutta la storia, erene la quarta scuatra salentina, topu Lecce, Tarantu e Brindisi ca ‘rrivava in Serie Cadetta. Mancu erene spicciati li festeggiamenti pè la promozzione ca ‘rrivau puru la vittoria te la Supercoppa te Lega contru lu Cesena: 0-0 in casa e poi vittoria allu Stadio Dino Manuzzi pè 2-1, autore te Cusaro e rete te Buzzegoli.

L’euforia pè la storica promozione in Serie B turau sinu alle prime notizzie te crisi turante l’estate. Se ‘nzignau cu la questione te l’idoneità te lu stadiu Antonio Bianco ca nù vinne sottopostu ai lavori necessari pè l’adeguamentu e cusì ‘nde trasferira allu Via Del Mare te Lecce pè le partite in casa. Ma lu stadiu era lu prubblema menu seriu, lu presidente Barba dichiarau ca ulia cerca nu sociu pè la gestione societaria, viste le spese ca ‘nciuliene pè la serie B, minacciandu ca lassava lu titulu sportivu a manu allu sindacu. Passau tutta l’estate, voci e nù voci, l’addhe scuatre ‘nzignara la preparazione e la scuatra te lu caddhipuli era ‘mmobile soprattuttu cu lu mercatu. Giannini se ‘nd’era già sciutu a fine stagione, sotta contrattu ‘nc’erene sulu Ginestra, Di Gennaro, Mounard e Russo (passatu poi allu Verona). Finarmente lu 7 luju 2009 lu presidente Barba scive la scuatra alla serie B, ma la sustanza nù cangiava, voci voci e sempre sulu voci. Gli ultrà ‘nzignene cu cuntestene lu presidente, ca comunicau ca ulia cu lassa la società a costu zeru. I tifosi se offrene cu acquistene la scuatra, cosa senza precedenti intra lu mundu te lu pallone; ma quandu tuttu paria conclusu lu presidente Barba dichiarau ca era in procintu cu chiute cu nu gruppu te ‘mprenditori friulani cu a capu Daniele D’Odorico.

Lu 9 acostu lu pè la partita te la seconda fase te Coppa Italia contru lu Lumezzane, sciucata fore casa, in campu scisera li sciocatori te la primavera: spicciau cu na brutta sconfitta pè 6-0.

L’11 acostu lu presidente, topu na forte contestazione, lassau tuttu e ufficializzau la cessione allu gruppu te D’Odorico. Mancavane picca giurni all’iniziu te lu campionatu contru l’Ascoli Piceno, cu presidente D’Odorico e responsabile te lu calciumercatu Vittorio Fioretti; Giannini venne riconfermatu, partiu lu ritiru cu i tre sciocatori in rosa ‘cchiui cinque elementi ta giovanile. Poi ‘nzignarene l’acquisti pè la serie B.

Lu 21 acostu parte la serie B, se ‘ncumincia bonu cu nu pareggiu 1-1 cu l’Ascoli, passamme ‘nvantaggiu cu Di Gennaro. Pè la prima vittoria però spattamme la sesta sciurnata, 22 settembre 1-0 contru l’Ancona in casa, ‘mbece lu primu successu in trasferta foe a Brescia 0-1 lu 27 ottobre 2009.

Ma comu al solitu ‘nzignarene li prubblemi, Fioretti se ‘bbandonau l’incaricu, lu postu sou lu pijau Michele Scaringella; in società trasira puru Giuseppe Iodice (famosu parce era ex segretariu tu Napoli alli tiempi te Ferlaino) comu tirettore generale e Ferdinando Ruffini comu team manager. A sciannaru lu papa te D’Odorico affianca lu fiju rilevandu na quota te minoranza. Vinta la partita cu lu Modena pè 1-0 lu girone t’andata spicciau cu lu Caddhipuli undicesimu a quota vintottu punti, e ci se la critia vistu comu era ‘nzignatu lu campiunatu. Lu mercatu ‘nvernale porta novità, Di Gennaro allu Verona, e a Caddhipuli ‘rriva te Roma Claudio Della Penna. Quandu paria tuttu tranquillu ‘nbece l’ex patron Vincenzo Barba face sequestare in maniera cautelativa quote societarie vistu ca tania ‘ncora crediti te la cessione cu D’Odorico. ‘Nzignene le palore te na vanda e te l’addha e comu se sape la scuatra ne risente, puru Ginestra se ‘nde vae, testinazione Crotone, ‘rriva l’Under 20 paraguajanu Luis Fernando Perez, Volpato te lu Bari e Artistico te lu Pescara.

L’8 fabbraru, partita Gallipoli-Grosseto, puru la scuatra face le prime mosse, pè protesta tae la palla all’avversari e immobili se misarà te spaddhe alla tribuna centrale. Allu 2-0 lu sciocatore Scaglia mostra la majetta cu la scritta “Capisci”; sta presa te posizione era parce ‘nc’ora nù erene butu la paca te ottobre e ca se ‘llenavene in condizioni tisperate. Giannini prima lassa, poi topu le scuse te lu presidente ritorna, la scuatra ete solida, vince cu lu Sassuolo, terzu in classifica, e se porta alla zona playoff.; ma poi mo lu calu fisicu, poi quiddhu mentale, ‘nzignau na tiscesa versu le ultime posiziuni. Lu mister Giannini se dimette lu 22 marzu topu la sconfitta cu lu Brescia, topu farci partita a manu te l’allenatore te la primavera Giovanni De Pasquale, comu ‘llenatore ‘rriva Ezio Rossi. Ma ormai era tardu, lu 23 masciu la matematica ticia “Gallipoli retrocede in Lega Pro Prima Divisione”.

Se sape “tutte le cose beddhe turene picca”, ‘nfatti a quasi n’annu te la storica promozzione la squatra retrocesse te capu in Lega Pro Prima Divisione.

Era lu giugno te lu 2010, la società era china te debbiti (se tice circa 5 mijuni t’euru) e cusì la Procura presentau ‘stanza te fallimentu, ca vinne ‘ccolta. A lugliu 2010 vene costituita na nuova società: l’Associazione Sportiva Dilettantistica Gallipoli Football 1909, ca ricomincia cu scioca te lu campionatu te Promozione Pugliese.

La telusioni e crande, ma tanti suntu i ricordi beddhi ca nui tifosi tifficilmente ‘nde riscurdamu, ma puru ca ‘nde scindene le lacrime, puru ca tanimu orgogliu, simu pronti pè la nova sfida cu ricominciamu te la Promozione.

Nu crande crazzie vae alli tifosi te ieri e a quiddhi te osci te la Curva Sud, parcè puru iddhi, cu crandi sacrifici, ‘nghiuttendu uccuni mari e lassandu la oce ogni tumenca intra lu campu, ane ulatu cu la squatra versu tanti successi.


Campu te calciu

La scuatra scioca le partite in casa allu Stadio Antonio Bianco te Caddhipuli. Costruitu allu 1969 cu lu nome te “Lido San Giovanni”, la prima partita foe sciucata lu 12 ottobre 1969 quandu lu Caddhipuli vinse contru la Laterza 1-0 pè la seconda sciurnata te campionatu te Prima Categoria. Lu stadiu venne ristrutturatu cu la promozione in Serie C2; erva nova e ‘cchiu posti, se ‘nnagurau lu 14 ottobre 1979 contru la Vis Pesaro. Dichiarato inagibile, foe lassatu allu destinu, ma allu 1994 venne ‘ncora ammodernatu e pijau lu nome te “Stadio Antonio Bianco”, a memoria te nu caddhipulinu scomparsu in Africa. Allu 2003 se installau nu mantu te erva sintetica, sesistemara le tribune, li spojiatoi e le luci. Purtroppu la stagione ‘cchiu ‘mpurtante, la serie B alla stagione 2009/2010, nù se putiu sciucare a Caddhipuli parce lu campu nù era idoneu; ci uliene ‘bbitimu le partite erene scire allu Via Del Mare te Lecce. Lu campu moi ete cu stile ‘ngrese e la società nova: “Associazione Sportiva Dilettantistica Gallipoli Football 1909” scioca le partite in casa.

 


Dati Statistici

1946        – Si costituisce la Fiamma Jonica Gallipoli che si iscrive ai campionati provinciali.

1946/55 – Partecipa a vari campionati provinciali.

1955/56 – 1º nel girone C di 2ª Divisione.

                  Promosso in 1ª Divisione.

1956/57 – 6º nel girone C di 1ª Divisione Pugliese.

1957/58 – 3º nel girone C di 1ª Divisione Pugliese.

                  Promosso al Campionato Nazionale Dilettanti.

1958/59 – 8º nel girone B Pugliese del Campionato Nazionale Dilettanti.

1959/60 – 6º nel girone D di Prima Categoria Pugliese.

1960/61 – 9º nel girone D di Prima Categoria Pugliese.

                  Retrocessa in Seconda Categoria per motivi economici.

1961/62 – 6º nel girone B di Seconda Categoria del Comitato di Lecce.

1962/63 – 2º nel girone D di Seconda Categoria Leccese.

                 Scompare la “Savoia” che aveva assunto il nome di A.C. Gallipoli.

1963/64 – 5º nel girone D di Seconda Categoria Leccese.

1964/65 – 10º nel girone D di Seconda Categoria Leccese.

                  Retrocessa in Terza Categoria.

1965        – Scompare il calcio a Gallipoli. Nessuna squadra partecipa ai campionati regionali.

1966        – Si costituisce l’U.S. Gallipoli che si iscrive al campionato di Terza Categoria Leccese.

1966/67 – 5º nel girone C di Terza Categoria Leccese.

1967/68 – 1º nel girone C di Terza Categoria.

                  Promosso in Seconda Categoria.

1968/69 – 1º nel girone D di Seconda Categoria Pugliese.

                  Promosso in Prima Categoria.

1969/70 – 6º nel girone B di Prima Categoria Pugliese.

1970/71 – 2º nel girone B di Promozione Pugliese.

1971/72 – 1º nel girone B di Promozione Pugliese.

                  Promosso in Serie D dopo spareggio contro il Grottaglie.

                  Battendo il Fasano è Campione pugliese di Promozione .

1972/73 – 16º nel girone H di Serie D.

                  Retrocesso in Promozione Pugliese.

1973/74 – 1º nel girone B di Promozione Pugliese.

                  Promosso in Serie D dopo spareggio contro il Casarano.

1974/75 – 11º nel girone H di Serie D.

1975/76 – 8º nel girone H di Serie D.

1976/77 – 3º nel girone H di Serie D.

1977/78 – 1º nel girone H di Serie D.

                  Promosso in Serie C2.

1978/79 – 14º nel girone C di Serie C2.

1979        – Radiato dai campionati federali per inadempienze finanziarie.

                  Nasce la Virtus Gallipoli che parteciperà al campionato di Prima Categoria Pugliese.

1979/80 – 1º nel girone C di Prima Categoria Pugliese.

                  Promossa in Promozione Pugliese.

1980/81 – 12º nel girone B di Promozione Pugliese.

1981/82 – 9º nel girone B di Promozione Pugliese.

1982/83 – 5º nel girone B di Promozione Pugliese.

1983/84 – 3º nel girone B di Promozione Pugliese.

1984/85 – 3º nel girone B di Promozione Pugliese.

1985/86 – 10º nel girone B di Promozione Pugliese.

1986/87 – 15º nel girone B di Promozione Pugliese.

                   Retrocessa in Prima Categoria.

1987/88 – 3º nel girone C di Prima Categoria Pugliese.

1988/89 – 3º nel girone C di Prima Categoria Pugliese.

1989/90 – 3º nel girone C di Prima Categoria Pugliese.

1990/91 – 1º nel girone C di Prima Categoria Pugliese.

                   Promossa in Promozione Pugliese.

1991/92 – 11º nel girone B di Promozione Pugliese.

1992/93 – 13º nel girone B di Promozione Pugliese.

1993/94 – 11º nel girone B di Promozione Pugliese.

1994       – La Virtus Gallipoli si fonde con la Vis Nardò.

                  Nasce la Vis Gallipoli che parteciperà al campionato di Eccellenza Pugliese.

1994/95 – 11º in Eccellenza Pugliese.

1995/96 – 5º in Eccellenza Pugliese.

                   Cambia denominazione in Filanto Gallipoli.

1996/97 – 4º in Eccellenza Pugliese.

1997/98 – 11º in Eccellenza Pugliese.

1998/99 – Radiata dai campionati per non essersi presentata in tre partite e per motivi finanziari.

1999        – Rilevato il titolo del Leverano.

                   Nasce l’Associazione Calcio Gallipoli che parteciperà al campionato di Prima Categoria.

1999/00 – 1º nel girone C di Prima Categoria Pugliese.

                   Promosso in Promozione Pugliese.

2000/01 – 2º nel girone B di Promozione Pugliese.

                   Ripescato in Eccellenza Pugliese.

2001/02 – 5º in Eccellenza Pugliese.

2002/03 – 6º in Eccellenza Pugliese.

2003/04 – 1º in Eccellenza Pugliese.

                    Promosso in Serie D.

2004/05 – 1º nel girone H di Serie D.

                    Promosso in Serie C2. Si trasforma in Gallipoli Calcio s.r.l..

2005/06 – 1º nel girone C di Serie C2.

                    Promosso in Serie C1.

                    Vincitore della Coppa Italia di Serie C contro la Sanremese.

2006/07 – 11º nel girone B di Serie C1.

2007/08 – 9º nel girone B di Serie C1.

2008/09 – 1º nel girone B di Lega Pro Prima Divisione.

                    Promosso in Serie B.

                    Vincitore della Supercoppa di Lega Prima Divisione contro il Cesena.

2009/10 – 21º in Serie B.

                    Retrocesso in Lega Pro Prima Divisione.

2010        – Il Gallipoli Calcio non si iscrive al campionato di Lega Pro Prima Divisione.

                   Fallimeto.

                   Nasce l’ASD Gallipoli Football 1909 che ripartirà dal campionato di Promozione.

2010/11 – Nel girone B di Promozione Pugliese.

 

 

Palmarès

1 Coppa Italia Serie C

1 Supercoppa di Lega Prima Divisione

1 Lega Pro Prima Divisione

1 Lega Pro Seconda Divisione


Partecipazione Campionati:

Nazionali

Categoria   B   Partecipazioni   1

Categoria   C   Partecipazioni   5

Categoria   D   Partecipazioni   6

Regionali

Categoria   ECCELLENZA   Partecipazioni   22

Categoria   PROMOZIONE   Partecipazioni   18

 

 

Allenatori

2010-2011   Giovanni De Pasquale – Diego Favonio

2009-2010   Giuseppe Giannini – Giovanni De Pasquale – Ezio Rossi

2008-2009   Giuseppe Giannini

2007-2008   Dario Bonetti – Vincenzo Patania

2006-2007   Gaetano Auteri – Luigi Solidoro

2005-2006   Gaetano Auteri

2004-2005   Franco Giugno

2003-2004   Antonio Toma

2002-2003   Salvatore Merico – Saòvatore Nobile

2001-2002   Mario Ruberto – Salvatore Merico

2000-2001   Nicola Tarantino – Mario Ruberto



{tab=Vela}

ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI SPORTIVE

CIRCOLO DELLA VELA

Via Banchina Porto73014 GALLIPOLI (LE) tel.: 0833263165

L’associazione è apolitica e non a scopo e fini di lucro. Durante la sua vita non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto e indifferito, avanzi di gestione, nonche proventi di attivita’, fondi, riserve, o capitale.
Essa, conseguito il riconoscimento ai fini sportivi da parte degli ordinamenti sportivi, ha per finalità l’organizzazione di attivita’ sportive dilettantistiche, compresa l’attivita’ didattica, lo sviluppo e la diffusione delle attività sportive connesse alla disciplina della vela, della canoa, del canottaggio, della pesca sportiva e di ogni altra attivita’ inerente la nautica ed il mare in generale, intese come mezzo di formazione psico.fisica e morale dei soci,mediante ogni forma di attivita’ agonistica, ricreativa e culturale, o di ogni altra attivita’ motoria e non, idonea a promuovere la conoscenza e la pratica delle discipline legate al mare.
Per il miglior raggiungimento degli scopi sociali, il Circolo della vela-Gallipoli si propone di riunire per reciproco aiuto, appoggio ed informazione, coloro che esercitano ogni sport nautico, di promuovere riunioni e raduni, di organizzaremanifestazioni sportive ed agonistiche ed in generale di svolgere ogni attività attinente, direttamente o indirettamente, allo scopo sociale; potra svolgere l’attivita’ di gestione, conduzione, manutenzione di impianti ed attrezzature sportive abilitate alla pratica delle suddette discipline e degli sport del mare, nonché lo svolgimento di attività didattica per l’avvio, l’aggiornamento ed il perfezionamento nello svolgimento della pratica sportiva delle discipline sopra indicate.
Nella propria sede, sussistendone i presupposti, il Circolo della Vela Gallipoliè altresi’ caratterizzato dalla democraticita’ della struttura, dall’uguaglianza dei diritti degli associati (nei limiti comunque delle norme statutarie e regolamentari) e dell’elettivita’ delle cariche sociali; esso si deve avvalere prevalentemente di prestazioni volontarie e gratuite dei propri aderenti e non puo’ assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo se non per assicurare il regolare funzionamento delle strutture e dei servizi o qualificare e specializzare le sue attività.
L’aasociazione accetta incondizionatamente di conformarsi alle norme e alle direttive del CONI, nonché agli statuti e ai regolamenti della Federazione Italiana Vela, Federazione Italiana Pesca Sportiva, Federazione Italiana Canottaggio ed ogni altra cui risulterà affiliata; si impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gki organi competenti delle Federazioni dovessero adottare a suo carico, nonché le decisioni che le autorità federali dovessero prendere in tutte le vertenze di carattere tecnico e disciplinare attinenti all’attivita’ sportiva.
Costituiscono quindi parte integrante del presente statuto le norme degli statuti e dei regolamenti federali nelle parti relative all’organizzazione o alla gestione delle societa’ e associazioni affiliate.
IL Circolo della Vela Gallipoli si impegna a garantire il diritto di voto dei propri atleti tesserati e tecnici nell’ambito delle assemblee di settore federali.

{tab=Pallavolo}


{tab=Scacchi}

Un’altra squadra della città di Gallipoli, dopo quella più blasonata del calcio, è riuscita a conquistare la promozione al prestigioso torneo di Serie B. Si tratta della formazione dell’Associazione Scacchistica “La Salle” di stanza presso l’oratorio di San Lazzaro. Il successo nel campionato italiano a squadre di scacchi è maturato al termine di un esaltante torneo di serie C, nel quale la formazione gallipolina ha subito raggiunto la vetta della classifica e vi è rimasta fino al termine. Una stagione da ricordare quella appena conclusa per il sodalizio gallipolino atteso che anche la seconda formazione del circolo di Gallipoli, composta da giocatori under 18, ha vinto il proprio girone di promozione ed ha acquisito il diritto di partecipare al prossimo torneo di Serie C.

L’Associazione “La Salle” è una società scacchistica senza fini di lucro, affiliata alla Federazione Scacchistica Italiana, che opera a Gallipoli sin dal 1990, e si propone di promuovere la diffusione e la pratica del gioco in ambito locale. In oltre vent’anni anni di attività il Circolo ha organizzato un grande numero di iniziative, tornei e manifestazioni scacchistiche coinvolgendo anche le scuole cittadine. E non solo. Dal 1995 al 2001 ad esempio l’associazione locale ha collaborato con l’Oratorio San Lazzaro alla realizzazione di “Gallipoli in scacco”, una manifestazione che intendeva rievocare la presa di Gallipoli da parte dei Veneziani, avvenuta nel 1484. Il programma prevedeva un corteo storico in costume, che attraversava le vie della città, e si concludeva con una spettacolare partita a scacchi vivente.

I notevoli risultati raggiunti nel corso degli anni sono ancora più significativi se si considera che l’Associazione si trova ad operare in una situazione precaria, in quanto, non disponendo di ulteriori risorse economiche, sopravvive esclusivamente grazie al contributo versato dai propri soci. Pertanto, i responsabili del Circolo si augurano che nel prossimo futuro le istituzioni pubbliche e i privati si dimostrino disponibili a sostenere le attività dell’Associazione e, in particolare, la partecipazione al Campionato a Squadre di Serie B, che richiede un notevole impegno economico.

La Squadra A, che ha ottenuto la promozione in Sere B, è composta da Giuseppe Ferri, Luca Fontanarosa, Massimo Esposito, Nicola De Tuglie, Luigi De Rosa, Eduardo Lubello. La Squadra B, promossa in Sere C, invece è composta da Jolanda Murra, Bruno Murra, Cosimo Cardellini, Marco Tommasi, Fernando Nazaro, Luigi Murra e Luciana Della Rocca.


{tab=Basket}

{/tabs}

Impianti sportivi e palestre

impianti_sportivi