Fatti (veri e leggende)

fatti_veri_e_leggende
Nù ‘nc’ete meju cosa ca cu te trovi cu l’amici e te cunti nu fattarieddhu. I fattarieddhi ca bè cuntamu nù suntu ‘mbentati, ma su tutti fatti veri, successi a Caddhipuli, e li fatti veri, certe fiate, suntu meju te li cunti.


{slide= Capiu fave pè foje}

Capìu fave pè foje

Na fiata ‘nc’era nu fruttivindulu ca tania na putìa sullu corsu; stu cristianu tania scole mutu vasce e nù sapia mancu legga. Certe fiate li piccinni sciene cu ‘ccattene la frutta cu la carta scritta te la mamma; iddhu quandu vitia cusine se ‘ndè scia te capu parcè nù ‘mbulia cu fazza vitire ca nù sapia cu legga. Allora strulacava lu piccinnu ticendu: “Ci ‘bboi cu sta carta? Nu biti ca m’aggiu te manisciare ca ete chinu te cristiani? ‘Mbece cu me cumbri li mani, leggi teve e jeu mentruttantu te scocchiu la ‘rrobba!”. Lu fattu foe quandu nu giurnu trasiu na forastera e ‘ndè ciarcàu nu chilu te “fioroni”. Iddhu, ca nù tantu canuscia l’italianu, se farmau nu mumentu cu ‘nci penza, poi se risurviu e cu la santa pacenzia se mise cu stacca a unu unu li fiuri te la cucuzza e cu li minta sulla bilancia. Quandu la cristiana vitte ca lu fruttivindulu, ‘mbece cu la serva, staci facia addhe cose, ‘nzignau cu strolaca parcè scia te pressa. Iddhu allora raspuse: “Nu picca te pacenzia signora, quiste suntu cose fastitiuse!”. Quandu ‘rrivau a nu chilu, ‘ndè mise li fiuri te cucuzza intra a na busta e ‘ndè li tese. Iddha allora lu cuardau maravijata e tisse giustamente: “ Io non volevo questi, le avevo chiesto un chilo di fioroni!”. Iddhu ‘ddummandau: “Li fioroni nu su’ quisti? E allora ci suntu?”. La cristiana ‘ndè ‘mmusciau la cascia te fiche ca iddhu tania propiu sotta lu nasu. Iddhu li cuardau comu sia ca ulia cu ‘ndè li mena ‘nfacce e sia ca propriu ‘bbia ragione ‘ndè raspuse: “E allora signora mia, n’addha fiata, tinne fracazzani!”.

{/slide}

{slide= Cci scornu!}

‘Cci scornu!

Nu barbieri tania nu tascibbulu ca facia lu secristanu e quandu ‘rrivava l’ora ca era scire alla chiesia cu sona le campane mullava tuttu te quartu e se la squajava. Lu barbieri nù ‘ndè scindia stu motu te fare né mancu ‘ndè putia tire cu nù bascia cu sona le campane ca sanò se vattia cu lu papa te la chiesia. Pe quistu lu mesciu lu ‘nzurtava sempre e iddhu se ‘rraggiava. Na dìa, intra allu salone, nu picca prima cu se ‘ndè fuce lu tascibbulu alla chiesia, lu mesciu chiamau li naputi e ‘ndè tisse: “Vaniti ca ‘bbè cuntu nu cuntu!”, e ‘nzignau… ‘Nc’era na fiata nu carusieddhu ca turnau a casa chiangendu ci sape comu; sciu allu sire e ‘ndè tisse: “Tata meu, sapessi ‘ssignuria comu m’ane chiamatu!”. Lu tata tisse: “Timme fiju meu, comu t’ane chiamatu?”. Ma la cosa era tantu fiacca ca lu vagnone se ‘ndè scurnava puru cu la tica. Lu sire allora ‘ndè ciarcau: “Pe l’incasu, t’ane chiamatu latru?”. Lu fiju raspuse: “Era bonu ci m’erene chiamatu latru!”. Lu sire ‘ndè tisse ‘llora: “T’ane chiamatu farabbuttu?” Iddhu raspuse ‘ntorna: “Era bonu ci m’erene chiamatu farabbuttu!”. Lu sire ‘ndè ciarcau ‘ncora: “T’ane chiamatu mortu te fame?”. E lu fiju, sempre chiangendu, raspuse: “ Era bonu ci m’erene chiamatu mortu te fame!”. Cusì lu sire ‘ndè mentuau tutte le pesciu ‘ngiurie ca se potene santire a stu mundu e iddhu raspundia sempre: “Era bonu ci m’erene chiamatu cusine!”. All’urtimu lu sire ‘ndè ciarcau: “ Ma ‘nzomma, se pote sapire comu t’ane chiamatu?”. Lu fiju, chiangendu cu lu ‘ssanducchiu, raspuse: “Tata meu, ‘cci scornu! M’ane chiamatu sonacampane!”. Lu tascibbulu stese tostu, ma intra te iddhu facia jermi; li vagnuni ‘mbece capira tuttu e se ‘ccisara te risi. Se fice ora e scìu cu sona le campane, tanta la raggia ca… mancau picca cu le scascia!

{/slide}

{slide= L’urpuni e lu cuniju}

L’urpuni e lu cuniju

Ete propriu veru c’alli ‘ntichi ‘ndè prutia l’anima; santiti ci te cumbinara to’ cumpari. ‘Nc’era na cumbriccula cumpari ca se ‘cchiavene ogni sera alla taverna cu se fazzene nu quarticeddhu te vinu. Na dia unu te iddhi ‘ccattau nu cuniju (ca a ‘ddhi tiempi era na cosa tasitarata) e ‘mbitau l’addhi amici cu se lu mangene tutti sozzi allu solitu locu. Unu te quisti, t’accordu cu lu cumpare, panzau nu pianu cu se pozzene mangiare lu cuniju tutti toi suli. Pijau nu maccaturu, lu vagnau cu lu iancu te l’ou e se lu mise a ‘mposcia. Mentru stavene intra la taverna, pronti cu se spartene lu cuniju, e cu lu ‘ndore ca ‘nc’era nù bitiene l’ora cu se lu strafuchene, fice comu sia nu starnutu e mentru se ‘ngucciava lu nasu cu lu fazzulettu, vacau lu jancu t’ou sullu cuniju, comu sia ca era muccu. Nù ‘bbè ticu ci ‘nci foe: ci se stummacava te na vanda, ci te l’addha! Lu furbacchione fice comu sia ca se tispiacia e ‘ndè ciarcau puru scusa alli cumpari, ma alla fine tisse: “Jeu lu cuniju me lu manducu lu stessu; ete paccatu cu se mena, topu tuttu ete muccu meu stessu.”. Se utau cumparasa e tisse: “Jeu puru! Me lu pulizzu e mangiu, tantu sapiti ca nù cannisciu.”. L’addhi ‘mbece nù ‘mbozzara mancu cu lu cuardene. Cusì se spartira lu cuniju a ‘ddoi e lassara l’addhi all’urmu!

{/slide}

{slide= La leggenda di S. Omobono}

La leggenda di S. Omobono

Omobono era un artigiano, sarto, tanto buono, caritatevole e timorato di Dio che tutti lo chiamavano appunto ” omobono”.

Nel suo paesino non sempre gli capitava di confezionare un vestito, perchè la miseria era grande e al massimo i suoi concittadini avevano un vestito nuovo per il matrimonio, per le cerimonie e, infine, lo indossavano quando morivano per presentarsi decenti davanti a San Pietro, per l’ultimo viaggio, convinti che, una buona presenza sarebbe stata benevolmente accettata dal Signore, per uno sgravio dei peccati.
Quindi Omobono rammendava, metteva fondelli ai pantaloni sdruciti, adattava vestiti dai più grandi ai più piccini, perchè allora si lavorava appena per vivere ed il risparmio, per tempi peggiori, era una ferrea regola di vita.
La moglie Elena , quando aveva un po’ di tempo nell’allevare i figli, lo aiutava a “infiammare” cioè imbastire, rammendare, a fare le asole, ad applicare i bottoni, a stirare.
Un giorno il Signore del paese gli ordinò un vestito di gala e invitò Omobono ad essere celere e compito.
Per il sarto era un’occasione per un lauto guadagno e si mise d’impegno a lavorare. Ma l’emozione gli giocò un brutto tiro: quando provò il vestito sul manichino si accorse che il disegno del rigato non corrispondeva fra le due metà, le misure erano sbagliate tanto da far perdere al vestito la simmetria ed i pantaloni erano strettissimi.
Forse era dipeso dalla stanchezza e dal lume del petrolio che gli aveva bruciato gli occhi. Omobono scolvolto chiuse il capo tra le braccia e sconsolatamente pianse riverso sul tavolo di lavoro: Che rovina, che rovina e non c’è nemmeno tempo sufficiente!!!” ripeteva invano assistito dalla moglie. Poi la stanchezza lo vinse e si addormentò profondamente.
Sognò che gli Angeli scendevano dal cielo e, tutti compiti, riparavano il vestito.
” Volesse il cielo!- disse, quando svegliatosi ai primi raggi del sole tornò con angoscia alla realtà. Ma tale fu la sua meraviglia quando vide il vestito perfetto brillare composto sul manichino! Un grido: ” Elena mia, che miracolo! Il Signore del cielo ha trasformato questa mia frittata in un capolavoro!…”.
Omobono consegnò il vestito in tempo; il Signore del paese ricco e potente soddisfatto gli regalò cinque ducati, un pollo, una dozzina di uova e un paniere di ciliegie.
La buona Elena, per ricordare, il miracolo preparò al marito una frittata di uova aromatizzata con la menta, simbolo del profumo della terra svegliatasi dal sonno invernale*.
E nel concludere la rievocazione di questo Santo protettore dei sarti rammentiamo, come, nel giorno della sua celebrazione ecclesiastica, la nonna, e la giovane mammina, prepara alla intiera famiglia una grossa e croccante frittata di fresche uova, mentre ai piccoli ammanisce piatti abbondanti di appetitose patatine fritte, ” ppe la deuzione a Sant’ Ommubonu“.
* S. Coluccia, La Leggenda di S. Omobono, da foglio volante, Gallipoli Tip. Stefanelli, senza data.

da “Favole e Leggende del Popolo Gallipolino”- Tipografia Stefanelli di G. Guido 1980 – di Oliviero Cataldini – edizione curata dal CIRCOLO CULTURALE GIOVANILE

{/slide}

{slide= La morte ‘rretu li scoji}

La morte ‘rretu li scoji

Tutti te sicuru ‘ndè racurdamu com’erene li giardinetti na trentina t’anni ‘rretu, quandu addhai se ‘cchiavene tutte le cuppiette, tantu ca ‘ddevantau lu locu ‘cchiù sconciu te Caddhipuli; lu De Matteisi poi tandu ‘ndè fice puru lu leccu su na poisia: “…e le coppie senza scornu pella vasca tornu tornu”. Ci sciamu ‘ncora ‘rretu cu l’anni ‘mbece, quandu Berta filava, ‘ddhe cose se faciene sulamente a vande scuse, scure, daserte, o a na certa ora, ‘rretu li scoji, la sera tardu addhu nù ‘nc’era anima viva. Na fiata però, te state, certe caruseddhe erene pijatu lu stinchiu cu se fazzene lu bagnu te sera a ‘rretu alli scoji te sciaroccu, nanzi alla Sciuteca; topu ca ‘ssiene te l’acqua se mintiene cu ujiscene e nù se raccujene mai cu se ‘ndè vascene, tantu ca erene fattu perdere lu raggettu a na cuppietta ca se ‘cchiavene allu stessu locu e la stessa ora. Na sera iddhu nu la fice ‘cchiui, se ‘ndè sciu te capu e tisse alla zita: “Te ‘mprumettu ca quista ete l’urtima sera ca ste fatienti ‘ndè tane fastitiu!”. Uliti sapiti ci fice? Pijau li sciunchi e fice na cista a forma te capu, ‘ndè fice toi carotti sia ca erene occhi, n’addu bucu a forma te nasu, n’addhu ‘ncora a forma te ucca e n’apertura te sotta. La sera topu, mentru le vagnune se paparisciavene intr’all’acqua e se la ritiene, iddhu se scuse ‘rretu nu scoju, pijau la cista, ‘ddumau na lampa intra e ‘nfilau la manu te sotta. Poi ‘nzignau a fare : “uhù, uhù” e cu la manu la girava e la facia cumparire e scumparire te retu allu scoju. Quandu vittara cusì le vagnune se misara a critare: “ Mana mia, la morte!”; se ‘ndè ‘ssira te l’acqua, se racozzara le ‘rrobbe e se ‘ndè fuscira menze nute cu le ‘ntrame intra la vantile. Te tandu iddhe nù scira mai ‘cchiui a mare te sera, ma la cuppietta sì, e putìu fare li fatti soi senza cu essa mulestata.

{/slide}

{slide= La notte te le mariule}

La notte te le marìule

Era notte; nà cristiana sta turnava a casa stracca e strutta, topu na sciurnata te fatia allu furnu. Pe la strata nù ‘nc’era anima viva e siccomu facia nu friddu cane se ‘ngucciau tutta cullu sciallu sou niuru. ‘Ddha notte na vicina te casa sua, ca stava te casa ‘nnanzi all’Ampalea, nu rascìa cu ‘rraggetta parcè spattava cu se ritira unu te li fij soi. Quandu vitte na certa ora e lu fiju ‘ncora mancava se ‘zzau te lu jettu, se ‘ngucciau cu lu cascione e sciu cu spia all’angulu te l’isulatu, te fronte alla villa. ‘Mpena calau la capu vitte na malumbra niura vanire te susu e senza cu perda tiempu se ‘ndè fusciu intra casa tutta spaurisciata. Pe’ tutta la notte nù chiuse occhiu! Mentruttantu la malumbra (ca poi nu era addhu ca la vicina sua te casa) vitte na cosa ianca cumparire e scumparire e la scangiau ‘ppe’ nu spirdu; tanta foe la paura ca se ‘ndè turnau ‘rretu cu lu core ‘ncanna e passau la notte allu furnu. Ma iti te sapire ca tutte toi erene se pote tire comu toi soru e lu dia topu quiddha ca fatiava allu furnu scìu cu fazza visita all’addha. “’Cci nuttata aggiu passatu!”- ‘ndè tisse. “Puru jeu!” raspuse l’addha. Cusì se cuntara lu fattu una l’addha e se scuprira l’artarini. “Allora eri te quiddha vastututa te niuru!”- tisse una. “E allora eri te quiddha vastuta te iancu!”- raspuse l’addha. Te cusì, topu na notte sotta susu, spicciau tuttu cu na beddha risata.

{/slide}

{slide= La urpe de lu Stracca e lu caddu de lu Frasulli}

Questa favoletta ha per titolo “La urpe de lu Stracca e lu caddu de lu Frasulli” e ricorda la toponomastica di due contrade campestri , dal nome di due tra le più nobili famiglie gallipoline ormai estinte, quella dei Doxi-Stracca e quella dei Frisulli, del secolo XVIII, appunto (La volpe dei Doxi- Stracca e il gallo dei Frisulli).
Famiglie che giammai strinsero rapporti amichevoli tra loro e si guardarono sempre di mal occhio.
Costei nel 1300 si fe’ premura di portare al pollaio la buona novella del primo Anno Santo e disse al gallo:
Buongiornu, cumpare caddu.
  (Buongiorno compare gallo)
Buongiornu, cumpare ‘urpe
  (Buongiorno comare volpe). E presto il gallo saltò sul muricciuolo, per mettersi al sicuro.
Hai saputo la bona nova?
  (Hai saputo la buona novella?)
None; ‘c’è successu?
  (No; cos’è accaduto?)
Nah… cumpare: lu Papa de Roma have mandatu dire a tuttu lu mundu cu fàzzene pace tutti, òmmini e bestie!
   ( Oh, compare ! Il Papa di Roma ha mandato a dire a tutto il mondo che tutti debbono far pace, uomini e bestie!)
Embè?…
  ( E allora? …). E il gallo saltò più su, circospetto..
Comu: ” embe?”… Mo’ su banuta cu fazzu pace cu ‘ssignuria e cu tutte le cummari caddine…
  ( Come: “e allora?”… Or son venuta per fare pace con Vossignoria e con tutte le comari galline…)
Chicchirichì! … Chicchirichì!...
  ammonì il gallo alle sue compagne che si trovavano giù, chiuse nel pollaio.
Nu scindi, cumpare? Nu ‘mboi cu ‘nde ‘mbrazzamu e ‘nde vasamu?
 ( Non scendi giù, compare? … Non vuoi che ci abbracciamo e ci baciamo?…) riprese la volpe  con imperturbabile sottigliezza.
Chicchirichì!
ripetè il gallo, ponendo il pollice sul becco e agitando le altre dita…
Ete ordine de lu Papa, cumpare, scindi, ‘ttocca cu ubbidimu…Ieu m’aggiu già cunfessata a padre Cialormu…
   E’ ordine del Papa, compare; vieni giù, bisogna obbedire…Io mi sono già confessata a padre Girolamo…) incalzò vieppiù la volpe.
Chicchirichì!...
e saltò più in alto, sul fico, mentre le galline, maggiormente ammonite, si rannicchiavano nell’angolo più riposto del pollaio, silenziose e tremanti.
Cumpare, scindi, ‘nde vasamu: poi te cunfessi e te cumònichi  
   (Compare, scendi, ci baciamo; poi ti confessi e ti fai la comunione…)
Cummare, nun pot’èssere: su prutestante!…
  (Comare, non può essere, son protestante!…), come se avesse visto il diavolo in persona, scappò via dileggiata, scornata e contraddetta!

(da “Favole e Leggende del Popolo Gallipolino” – Tip. G. Stefanelli 1980 di Oliviero Cataldini Edizione curata dal CIRCOLO CULTURALE GIOVANILE)

{/slide}

{slide= Le nasse caminanti}

Le nasse caminanti

Moi se cunta tantu te coppie ca se lassene, te corne, te scanduli, ma nu ‘ndimu maravijare mutu parcè ste cose ‘nci sù sempre state: mundu era, mundu ete e mundu sarà! Sulamente ca li ‘ntichi faciene le cose te scusu e certe fiate erene puru ‘cchiù furbi te nui o, meju tire, ‘nc’erene li urpuni ca se ‘ndè ‘mprufittavene e quiddhi alla bona te Diu ca critiene a tuttu. Uliti cu ‘bbè fazzu na paracona? Tant’anni ‘rretu li piscaturi ca se ‘zzavene la matina ‘mprima cu bascene ‘mmare, ticiene ca alle ote vitiene le nasse ca caminavene ‘ssule; li cristiani nu sapiene ‘cci panzare: certi ticiene ca ‘ddhi piscaturi erene pacci o ‘mbrujuni, addhi ticiene ca ‘nc’erene li spirdi, addhi ‘ncora ticiene ca era opara te tiaulu. Na matina però nu piscatore ‘cchiù spertu te l’addhi panzau bonu cu secuta una te ‘ddhe famose nasse e bitte ca se ‘nfilava quatta quatta intra allu purtone te nu piscatore, unu ca comu iddhu se ‘zzava la matina ‘mprima cu bascia pisca. Secutau ‘ddha nassa pè parecchi giurni e alla fine ‘rrivau a na conclusione certa: ogni matina, quandu lu maritu piscatore se ‘zzava (parieddhu) cu bascia cu fatia, l’amante te mujerasa, scusu intra na nassa, scia a casa sua cu ‘ndè minta le corne. Chianu chianu lu fattu ‘ssiu ‘ngalla e, comu sempre, l’urtimu ca la sippe foe propiu lu maritu curnutu.

{/slide}

{slide= Li Caddhipulini alla Corrita}

Li caddhipulini alla Corrita

Li caddhipulini nosci suntu gente allecra e se facene ricanuscire addhu vane vane e te cusì foe puru quandu se presentara alla famosa “Corrida”. Lu primu foe mesciu Ninu Trumbetta ca se presentau alli primi anni settanta cu la specialità sua: lu mandulinu sunatu a ‘ncapu e ‘rretu lu coddhu. A Caddhipuli se spandìu la oce ca era vintu e cusì scira cu lu ‘ssuppijene alla stazione cu lu portene a trionfu. ‘Mpena ‘rrivau ‘ndè ‘rrecalara nu beddhu mazzu te… scarcioppuli (‘mbece te fiuri), lu misara su nà machina scuperta e lu ficiara girare pe’ tuttu lu paese, scurtatu te motu e de vespe, sia ca era nu presidente, e tutti ca sunavene a festa. ‘Ddha matina lu paese se farmau: te addhu passava la gente se ‘nfacciava alla fanescia, li mesci te scola suspisara la lezione, cinca stava allu barbieri ‘ssiu sulla porta cu la schioma an’facce e, quandu passau te la pretura, farmara nientimenu la causa cu se pozzene cutire ‘ddhu spattaculu. Quandu passau te nanzi casa sua, mujerasa ‘ndè tisse: “Scindi te la machina, nu biti ca staci te pijene a cujunella!” Ma iddhu, cuntandu mentru l’italianu, ‘ndè raspuse: “Zitta tu chè non capisci nienti, non vedi che la gente mi acclama?” Facci samana topu, tesara la trasmissione alla ratiu e foe na menza telusione: mesciu Ninu era ‘rrivatu sì alla finale ma foe battutu te na vetuva ca era cummossu tutti cu na puesia. Iddhu però nu se ‘rrese e, picca tiempu topu, se presentau te capu alla corrita paru cu lu Felline e sta fiata ‘rrivara te taveru primi. L’annu topu tuccau allu Bentivogliu ca vinse la corrita cu la canzone “Mamma” e a Caddhipuli, tantu li presci, ca ‘ndè sunara puru le campane, ca tandu era na cosa mutu rara.

{/slide}

{slide= Lu malone sullu stommucu}

Lu malone sullu stommucu

Li carusi e le caruse te na fiata erene cruti cruti e nù maliziusi comu quiddhi te moi! Te sicuru iti ‘ntisu cuntare certi fatti, te quandu li msci li mandavene cu ‘ccattene na scatula te “ramore te carrozza” o nu picca te “‘ntartieni” e iddhi machi machi ca sciene. Lu fattarieddhu ca be cuntamu ete na cosa te quiste. Nu giurnu la mescia, paru cu le tascibbule (caruseddhe te tritici, quattordici anni), scira cu fazzene nà mangiata sotta alle funtaneddhe e se purtara puru nu malone. La vagnuna ca lu purtava s’era straccata e tisse: “Purtatulu nu picca ui!”. Raspuse la mescia: “‘Ppe’ moi portulu teve, ca allu ritornu facimu nu picca patunu!”. Topu mangiatu, la vagnuna se regiunau e disse: “Miti pijata a ‘ngiru, quale malone purtati a ‘rretu ui, ci ‘ndè l’imu mangiatu?”. Ma la mescia raspuse: “ Nui nù t’imu pijata a ‘ngiru! T’erene tittu ca allu ritornu l’erene purtatu nu picca patunu e staci lu purtamu nu picca patunu… a ‘ncorpu!”. Cusì allu scire se lu purtau ‘ddha vagnuna e allu ritornu… puru, parcè lu malone nd’era rumastu tuttu sullu stommucu.

{/slide}

{slide= Maraculu!}

Maraculu!

Na sera te tant’anni ‘rretu, nu cristianu te menza età s’era ‘ccattatu na pizza, o meju, comu se ticia tandu, na pizzella e staci se la purtava a casa. Mentru passava te la chiazza, nu ruccu scise te la turre te lu tarloce e ‘nzignau cu lu secuta, alla fine ulau e se ‘mpuggiau propriu sulla pizzella. Quandu vitte te cusine lu cristianu se mise a critare: “Maraculu, maraculu…”. Tutta la gente se utau, ma nu rascia cu capisca c’era ‘ccappatu. Iddhu mentruttantu cuntinuava cu crita e cu fazza nu scumpiju: “Maraculu, maraculu…”. Alla fine la tisse chiara e tunda: “Maraculu, maraculu, s’ane uniti la pizza e lu piccione!”.

{/slide}

{slide= Scumpiju susu lu campusantu}

Scumpiju susu lu campusantu

‘Ncora moi, quandu nu cristianu more, prima cu ‘ndè lu portene ave te passare na nuttata sana intra a casa. Tant’anni ‘rretu se facia te cusine cu essene sicuri ca lu cristianu era propriu mortu, ca sanò ‘nc’era lu pariculu ca lu pracavene viu. Ci lu mortu nù tania parienti, lu purtavene intra allu cappellone te lu campusantu e lu lassavene pertu pe tutta la nuttata. Na fiata murìu lu patrunu te na frabbaca te utti e li quattru cristiani ca fatiavene sotta a iddhu scira cu fazzene la notte sullu campusantu. Se purtara ampressu nu mazzu te carte cu se passene lu tiempu e puru nu buttijone te vinu, parcè erene cristiani ca ‘ndè piacia cu lu calene. Te cusine, amposta cu chiangene o cu ticene prechiere se misara cu sciochene, cu bivene e cu ritene, sia ca stavene intra a na taverna. Quandu poi lu vinu fice effettu le cumbinara te tutti li culuri, ‘nzignara prima cu se vattene pe lu sciocu, poi ‘ssira te fore e misara lu campusantu sottasusu; strazzandu fujazze te l’arbuli, aprendu le funtanelle e se scherzeggiavene unu cu l’addhu. Tantu lu scumpiju, lu cuardianu te lu campusantu, ca tandu era lu Remuardu, se ‘ddisciatau e, quandu ‘ntise tutti ‘ddhi rumuri, ‘ddhe uci e ‘ddhi criti se ‘zzau te lu iettu e sciu cu biscia ci sta cumbinavene. Quandu li quattru ‘mbriacuni vittara tuttu ‘ncoddu, sulla porta te lu cappellone, nu cristianu menzu ‘ddurmisciutu, cu lu camisa te notte susu e lu coppulinu ‘ncapu, panzara ca era lu mortu ca s’era ‘zzatu e se ‘ndè fuscira cu lu core ‘ncanna; ‘cchiui iddhu li secutava e ‘ndè critava, ‘cchiù iddhi se spaurisciavene e fusciene. La matina topu se sippe lu fattu e fice ritire tuttu Caddhipuli, iddhi ‘mbece rumasara tantu ‘ssumbrati ca la ozzara cuntare finchettantu campara.

{/slide}

{slide= Torna a casa… Dolly}

Torna a casa… Dolly

Ci stu fattu era ‘ccappatu moi te sicuru era spicciatu su facci giurnale o su certe trasmissiuni comu “La vita in diretta”, ma nui staci ‘bbè cuntamu te l’anni trenta e tandu ste cose nun c’erene. Intra Caddhipuli ‘nc’era na famija ca tania na cane ca se chiamava Dolly; ‘ndè uliene tutti tantu bene e la trattavene ci sape comu; li piccinni poi nu ‘bbè ticu, sciucavene sempre cu iddha. Quandu però se fice vecchia, lu sire, tantu lu tispiaceri cu nu la viscene murire, la purtau su nu piroscufu cu la fazza ‘bbandunare luntanu. Quandu però ‘rrivara a Brindisi, addhu lu piroscafu facia lu primu scalu, la Dolly, senza cu la viscia ciujeddhi, se ‘ndè scise ‘nterra e se mise trotta e trotta cu se ‘ndè torna a casa sua: caminau pe tutta la notte! Tantu fice ca ‘rrivau te taveru a Caddhipuli e se mise a tuzzare a ‘nfacce allu purtone te casa sua; siccomu però ciujeddhi la santia se mise cu tuzza ‘nfacce alla porta a vitri te la casa te coste. Foe cusì ca la matina ‘mprima li patruni te la cane fora ‘ddisciatati te li vicini te casa: “La Dolly è turnata!”. Iddhi pansara ca sta ci scherzavene e raspusara: “Trorà addhu stae moi la Dolly noscia!”, ma nu ficiara a tiempu cu spiccene la palora ca la vittara trasire tutta ‘nzivata, china te moja, stracca e strutta pè lu jaggiu ca s’era fattu. Li piccinni se la ‘mbrazzara tutti cuntenti comu nù mai, e lu sire nu la lassau scire ‘cchiui.

{/slide}


Proverbi e modi di dire

proverbi_e_modi_di_dire
Il proverbio è una massima che contiene giudizi, dettami o consigli espressi in maniera sintetica e, molto spesso, in metafora, e che sono stati desunti dall’esperienza comune. Essi generalmente riportano una verità (o quello che la gente ritiene sia vero): si dice infatti che i proverbi sono frutto della saggezza popolare o della cosiddetta “filosofia popolare”, ma v’è chi sostiene che altro non siano che la versione codificata di luoghi comuni. Possono contenere similitudini. Metafore o similitudini sono tratte da usi, costumi, leggende del popolo nella cui lingua è nato il proverbio. Ma molti proverbi sono comuni a più lingue diverse. In qualunque caso, rappresentano pur sempre un patrimonio culturale da difendere e da preservare, visto che ci lasciano una traccia di epoche passate, e ci indicano quale cammino hanno percorso i nostri antenati. Lo studio dei proverbi si chiama paremologia.


{tab=Prov. sull’uomo}

Alcuni proverbi sull’uomo

Baccu, tabaccu e Venere raducene l’ommu a ncennere.

Ci se face la varva stae bonu ‘nu giurnu; ci face lu pane stae bonu ‘na samana; ci pija mujere stae bonu ‘nu mese; ci ‘ccite ‘nu porcu stae bonu n’annu.

Diu te cuarda te ommu senza varva e de femmana mustazzusa.

L’ommu se ‘ttacca ‘ccu le palore, lu jove ‘ccu le corne.

La caddhina face l’ou e a ‘llu caddhuzzu nde ùschia.

La morte te lu purpu è la ciapuddha e la salute te l’ommu è la taverna.

Lu cchiu’ pesciu auceddhu se mangia la meju fica.

Lu cchiu’ pesciu auceddhu se mangia la meju fica.

Lu maritu ‘ccu la pala e la mujere ‘ccu la cucchiara.

Lu maritu è porta e la mujere è stipu.

Lu viziu te la bagascia face porti ‘a poscia liscia.

Mare viti e fusci, taverna viti e trasi.

Mmalatia e galera facene l’ommu pesciu ca era.

Nu’ nc’è auceddhu senza pizzu, nu’ nc’è ommu senza vizziu.

Quandu ‘u ciucciu raja ete ca ole paja; quandu l’ommu suspira ete ca ‘a femmana ‘u ‘ttira

Te ommu ca porta ricchinu e femmana ca cunta latinu libbera me Domine.

Tre cose futtene l’ommu: l’acqua piu piu, lu fatte cchiù ddhai (lu lasseme stare) e lu fazza Diu.


{tab=Prov. sulla donna}

Alcuni proverbi sulla donna

Acqua a ‘lle papere, vinu a ‘lli masculi e mazzate a ‘lle femmene.

Ci ama la brunetta saporita e ci la dessapita senza sale.

Femmana ‘ngarbata face femmana la prima fiàta.

Femmana prena sotta ‘lla pergula la scela.

Femmana prena sotta la preula la scela.

Femmana te quarant’anni mènala a mare ‘ccu tutti li panni.

Fumu, jentu, e malafemmana nde caccene la gente te casa.

La femmana a tre cose nc’ole crisa: ci nù mangia..ave mangiatu, ci parturisce..era prena, ci more..stava malata.

La femmana è comu la castagna: beddha te fore ma te intra nc’è la mafagna.

La femmana la sape cchiu’ longa te lu tiaulu.

Le femmene tenene li sette spirdi comu li catti.

Na femmana, ‘na papara e ‘nu porcu scumpijara ‘nu paese.

Nu’ critìre né a sutore te cavaddhu né a chiantu te femmana.

Se pò essere spergugnati te tre manere: te la mamma, te le suluri e de la mujere.


{tab=marito,figli,parentato}

Alcuni proverbi su marito, figli e parentado

Arte te lu tata è menza ‘mparata.

Ci tene fiji masculi ‘ccu nu’ dica mai “latru”; ci tene fija femmana ‘ccu nu’ dica mai “puttana”.

Fiju te la caddhina: ci nu’ pizzaca, scaliscia.

L’amore la mamma sempre crisce; quiddhu te li fiji timinuisce.

L’amore te la mamma sempre crisce; quiddhu te li fiji timinuisce.

La mamma ppe’ la fija te li meju morzi se ‘ssuttija.

Li parienti te lu maritu su’ serpi te cannitu; li parienti te la mujere su’ duci comu mele.

Lu fiju mutu la mamma lu capisce.

Lu primu annu core a core; lu sacondu culu a culu; lu terzu caggi ‘nculu.

Maritu e fiji comu Diu li manda.

Maritu serpe te cannitu: lu tratti te signore e te tratta te tratitore.

Mauma me ‘mparau prima ‘ccu piju e poi ‘ccu dau.

Mazzate e panelle facene e fije belle.

Piccinni te su fiji, crandi te su’ parienti, ‘nzurati nu’ te su’ nienti.

Piri, piri comu la mamma su’ li fiji: la mamma fiocculeddha e li fiji puricini.

Quandu la caddhina canta e lu caddhuzzu tace intra casa nu’ nc’è pace.

Se po’ essere spargugnati te tre manere: te la mamma, te le suluri e de la mujere.

Sette e ottu: chiangete ca si’ mortu!

Torci vinchitieddhu quantu è tennarieddhu.

Tutti te ‘na ventre ma nu’ tutti te ‘na mente.

Unu e doi: li ’mpatti comu oi; tre e quattru: mamma mia cci fazzu; cinque e sei: miserere mei;


{tab=metereologia}

Alcuni proverbi sulla metereologia

Acqua te ‘state pisciaturu te tiaulu.

Annu bisestile ‘ccu nu’ pozza mai vanire.

Ccu sciaroccu chiaru e tramuntana scura te corpi te mare nu’ tanìre paura.

Ci chiove te Santa Bibbiana chiove ‘nu mese e ‘na samana.

Ci oi ‘nu picca te friscu te S. Chiara a S. Frangiscu; ci oi la tramuntana te S. Frangiscu a S. Chiara.

L’acqua fina fina pare ca nu’ te vagna ma te rruvina.

Lu punente te mena lu tente; la tramuntana lu core te sana; lu sciaroccu ete scujatu e porcu; lu labbici mai benefici.

Natale ‘ssuttu e Pasca muttulusa ci oi ‘ccu faci n’annata craziusa.

Quandu lu sole punge l’acqua è bicina.

Quantu cchiù forte chiove cchiù mprima scampa.

S. Acata te Catania, vene ‘ccu sciaroccu e se nde vae ‘ccu tramuntana.

Sant’Acata te Catania vene ‘ccu sciaroccu e se nde vae ‘ccu tramuntana.

Santu Subbistianu ‘ccu le frecce a manu.

Tiempu russu: o acqua o jentu o frusciu.


{tab=animali}

Alcuni proverbi sugli animali

A casa vecchia nu’ manchene sùrici.

A cavaddhu castimatu nde luce lu pilu.

Cu’ sciacqui ‘a capu allu ciucciu, perdi acqua, sapone e fatìa

Cunsiju te urpi damaggiu te caddhine.

I ciucci se crattene, unu l’addhu

La caddhina face l’ou e a ‘llu caddhuzzu nde ùschia lu culu.

L’occhiu te lu patrunu ‘ngrassa lu cavaddhu.

Lu cane secuta lu strazzatu.

Patucchiu ‘mpannatu nu’ canusce lu parentatu.

Piji cchiù musche ‘ccu ‘nu nziddhu te mele ca ‘ccu ‘na utte te fele.

Purpu mmalevattutu: ccinca nde faci è pardutu.

Quandu ‘u ciucciu scia cacandu, e teve te retu scivi lliccandu

Quandu la urpe nu’ ‘rriva a ll’ua tice a è ùscia.

Su’ bone le capure ma no te le perchie e l’acure.

Tantu ota la pònnula ‘nfacce ‘lla lampa ca se brùscia l’ali.

U ciucciu porta a paja, e ‘u ciuccu se ‘a rraja


{tab=mesi}

Alcuni proverbi sui mesi

Gennaio

Ci rite a Caputannu – rite tuttu l’annu (1 Gennaio)

Cu la luna te sciannàru nu lassare caddhine allu puddharu..

Sciannaru siccu massaru riccu.

La luna te sciannaru – face ‘nfili l’acu chiaru (Gennaio – luna piena)

La Pasca Bifania tutte le feste porta via (Secuta lu 20 gennaiu) (6 Gennaio)

Sciannaru ssuttu cranu dappertuttu.

Se ota S.Subbistianu – “Nci su’ ieu lu capitanu.” (Secuta lu 2 Febbraiu) (20 Gennaio)

Te caputannu e Befania – se mbuta la signuria; te Pasca e de Natale – se mbutene le furnare (Capodanno, Epifania, Pasqua o natale)

 

Febbraio

Annu bisestile cu nu pozza mai vanire.

Ci face cautu te fabbraru nu’ inchi lu cranaru.

Carniale meu chinu te ‘mbroje – osci maccarruni e crai foje (Martedì grasso)

Ci Fabbraru nu’ fabbrariscia, Marzu male pensa

Fabbraru – curtu e maru

Fabbraru è d’ogni mese lu chiù curtu e menu cortese.

Fabbraru menzu tuce e menzu maru: ci li giurni soi li tanìa tutti, facìa quajare lu vinu intra a lli utti.

S. Acata te Catania – vene cu sciaroccu e se nde vae cu tramuntana (5 Febbraio)

Se ota la Candalora – “Nci su’ ieu ‘ncora” (Secuta lu 5 Febbraiu) (2 Febbraio)

Se ota S. Acateddha – “Nci suntu puru ieu ca suntu la chiù beddha!” (5 Febbraio)

Tice Fabbraru : “Ci li giurni mei li bia tutti – facia quajare lu vinu intra li utti… frate marzu tamme toi giurni toi e fazzu ‘bbì alla vecchia ci ‘ndè fazzu.

 

Marzo

Cu llu primu tronu de marzu esse lu serpe e se dne vae spassu.

Marzu piovosu te frutti è generosu.

Marzu tuttu ientu chiù paja ca frumentu.

Marzu ientaluru, mprena l’arbuli cu lu culu.

Te lu sole te marzu e d’aprile nu te sarvene centu medicine.

O ca vai o ca vegnu sempre capi te state jeu me tegnu!

Lu mese nanzi Brile – cu nu’ pozza mai vanire

Lu uci, le cruci, le parme – e a Pasca pasta e carne (4a di quaresima)

Marzu – llevete la coppula ca fete t’arzu

Marzu e Brile dorce turmire – Ci nu’ mangi tre fiate lu giurnu te suttija lu cannalire

Marzu pacciu

Meju la mamma cu perda la fija – ca lu sole te Marzu cu la pija

Pasca marzotaca – morturità e famotica (Marzo, quando la Pasqua cade in quel mese)

Sabbutu Santu fusci fuscendu / li piccinni vane ritendu / vane ritendu te tuttu core / Sabbutu Santu cuddhure cu ll’ove (Quandu Pasca se festeggiava lu sabbutu) (Sabato santo)

Te caputannu e Befania – se mbuta la signuria; te Pasca e de Natale – se mbutene le furnare (Capodanno, Epifania, Pasqua o natale)

Te l’Annunziata – ogni erba è licenziata (25 Marzo)

Unu sulu foe giustu e morse ‘ncroce (Venerdì Santo)

 

Aprile

Aprile cupertu – Masciu scupertu

L’acqua te Brile – scascia le macazine

Ne’ de Masciu e ne’ de Aprile – a casa mia nun ci vanire (nun c’ete frutta)

Sciamu a Santu Marcu e poi vanimu – lu cranu è ncannulatu e l’orgiu è chinu (25 Aprile)

Te aprile la zitella lassa la cambara e la  vecchia lu focalire.

Aprile dolce turmire, l’auceddhi a cantare e l’arbuli a fiurire.

Aprile, na coccia nu valire.

Bbrile frisculinu mutu pane e picca vinu.

Quandu bbrile minte lu musu focu ddumatu e purtone chiusu.

Quannu bbrile trona e chiove porta sempre bone nove.

 

Maggio

Ci masciu è scuru lu pane è sicuru.

Nu acqua topu masciu nu nija topu agostu.

Masciu ortulanu, muta paja e picca cranu.

Masciu, addhu vau casciu.

A maggiu pruvìtete te asçhe e foraggiu.

 

Giugno

Ci ole lu Patreternu ‘ssemmani a giugnu e racoji te nbiernu.

Giugnu senza ientu lu racoddu è in salvamentu.

Giugnu, lugliu e ustu né acqua né vinu né mustu.

Te S. Vitu ogni fica ole maritu (15 Giugno)

Diu parduna, S. Giuvanni trunca (24 Giugno)

 

Luglio

Giugnu, Lugliu e Acostu ne’ acqua, ne’ vinu, ne’ mostu.

Lu mese te le miessi – te li panni te nde’essi

Pe’ S. Anna trase l’anima a ‘lla castagna. (26 Luglio)

Pe’ S. Cristina la matina l’aria è fina. (24 Luglio)

Pe’ S. Maddalena lu noce è chinu e se taja l’avena. (22 Luglio)

Te lugliu lu tempurale tura picca e nu face male.

Ci a S. Giacumu sciamu muddhati, te lu vinu simu privati. (25 luglio)

Te S. Filumena o se miete o se pena. (5 Luglio)

 

Agosto

A S. Chiara , topu ca la rrubbara ficiara le porte te fierru (11 Agosto)

Acqua te Ustu – oju e mustu

Agostu inchie la cucina e settembre la cantina.

Ci agostu giostra,  ua e fiche su’ la furtuna nostra.

Cu lla prima acqua t’acostu lu cautu è ripostu.

Cane te S. Roccu – nu’ me tuccare ca nu’ te toccu (quandu nu cane ole sse ‘mbenta) (16 Agosto)

La sarpa – t’ogni tiempu se pappa, ma te Ustu – oh ci gustu! Oh ci gustu!

Quandu rriva l’ua e la fica – lu malone vae e se mpica

Quandu vititi nespule chiangiti, ca suntu l’urtimu fruttu te lu state

Topu Ustu nu’ se ccattene utri

Tre su’ li fessi: ci vae, ci vene e ci rresta (Cusì pare ca tice la statua te S. Ronzu a lecce) (26 Agosto)

Vinne Acostu e nu te vastisti – fiacchi cunsiji bisti

 

Settembre

A settembre acqua e luna su’ de li fungi la furtuna.

A settembre o ‘nde porta li ponti o sicca li fonti.

A settembre ci è spertu nu camina mai scupertu

Settembre beddhu, sole e ienticeddhu.

Te lu mese ca nu tieni ‘ntaresse nu ciarcare né quandu trase né quandu esse

 

Ottobre

Ci oi cu faci nu bonu Natale – te Santa Taresa ai te ncuminciare (15 Ottobre)

Ci te ottobre chiove e trona la varnata ‘rriva bona.

A ottobre intra alla cantina te la sera alla matìna.

Te S. Frangiscu – la sita allu cistu (4 Ottobre)

 

Novembre

…ogni festa spiccia a murtoriu.

A S. Martinu – castagne e binu (11 Novembre)

Casa ‘ccunzata – morte preparata

Chianca calata – toja passata

Ci unu sapia quand’era murire se facia lu chiautu

Ciujeddhi è turnatu mai te l’addhu mundu: si vede ca se stae boni. (2 Novembre)

Giurnu beddhu o giurnu bruttu a novembre cate tuttu.

Novembre gelatu, addìu semmanatu

S. Ndrea – li pariti te friddea (30Novembre)

Socra e caniata – sei misi triulata (Ottavario dei morti)

 

Dicembre

A dicembre ientu e gelu , a marzu sole a ncielu.

Alli 8 Maria, alli 13 Santa Lucia – alli 25 lu massia (8 Dicembre)Aora

Ci oi cu faci na bona annata – Natale ‘ssuttu e Pasca vagnata (Natale o Pasqua)

Mentru a Natale – ne’ friddu e ne’ fame (Natale)

Nive dicembrina pe’ tre lune se trascìna.

Te Caputannu e Befania – se mbuta la signuria; te Pasca e de Natale – se mbutene le furnare (Capodanno, Epifania, Pasqua o natale)

Te S. Lucia ‘ncurtisce la notte, ‘llunghisce la tia – quantu lu pete te la caddhina mia (13 Dicembre)

Ci chiove te S. Bibbiana – chiove nu mese e na samana (2 Dicembre)

 

 

{tab=Modi di dire}

Modi di dire

a Pasca fazzu l’anni e te pacu

(quandu ulìmu ‘nde ‘llibbaramu te unu ca vanza sordi).


acquatina nù nd’a fatta, te lu ponte nù passasti, comu tiaulu te ‘mmuddhasti?

(a cinca vae ‘mbriacu pezza)


addhu cazzu lu minti sona

(a cinca se la sape spricare a ogni ‘ncasione)


aggiu fattu te pieti a ‘ncapatale

(quandu nde utàmu e nde sputàmu intra lu jettu parcè nù rascimu ‘ccu durmimu)


anima niura comu lu paccatu murtale

(a nu cristianu ca ete fiaccu…comu lu paccatu)


calantommu ‘ccu l’unghia spaccata

(ci ulìmu offendimu farcincunu ‘mbece cu nde ticimu a ‘nfacce “annimale o porcu”)


chinu comu n’ou

(a cinca s’ave ‘ncuazzatu bonu bonu e nù ‘nde coddha ‘cchiui nienti)


ci tene nasu tene crianza

(a nu cristianu te carbu ca nù se rascorda te lu ‘bbene ‘bbutu)


ciarcare lu pilu intra all’ou

(a cinca se fissa pè nienti e ‘ddaventa pè quistu siccante e petulante)


ciucciu te fatìa

(asinu te lavoru): lavoratore instancabile


curnutu, vattutu e cacciatu te casa

(a unu ca cerca cu face bene e nd’ave ‘mbece la pesciu)

 

é sciuta la varca a mare

(quandu nù nc’è ‘cchiu nienti te fare)


ete ‘na pasta te mendula

(a nu cristianu ca ete bonu te core)


fica manisciata

(a na femmana ca ete passata te tanti mani… (‘nd’imu capiti…))


idem, eodem ‘nzorba salata

(quandu na cosa, comu se ota e se spota, ‘rrumane sempre listessa)


jentu a ‘nculu e focu alle carcagne

(quandu ulìmu nde ‘llibbaramu te unu ca ‘ddhu mumentu nù ete dasitaratu)


lu cane te la salina pè n’ossu face centu mije

(quandu unu face na fatìa te cani pè na cosa e poi stringi stringi nù ‘nd’ave quiddhu ca dasitarava)


lu fattu ete fattu e l’arciprevete ete mortu

(quandu a na cosa fatta nù se pò mintire ‘cchiui raparu)


lu mese te lu poi e l’annu te lu mai

(quandu unu nù ‘mb’ole fazza na cosa ca nù ‘nde coddha e la rimanda sempre)


meju se minte lu culu sulli crauni

(a nu carusu ca ave scucchiatu pè mujere na fiacca vagnuna)


minucu riscurdusu

(a unu ca se rascorda sempre te tuttu)


mo te mandu allu paese te lu burginella

(quandu se manda affanc…farcincunu)


‘nde cotula farci canga

(a unu ca ole a ‘nforza na cosa e se ‘nde cala cu certe mancinette…)


nù tene né ‘more né sapore

(a unu o a na cosa ca nù sape te nienti, ca ete tessapita)


passare la notte linda linda

(quandu pè farci pansieri se passa la notte senza se chiute occhiu)


patre mò me vene

(a cinca ole fatta na cosa te pressa ‘mpressa)


quetu comu l’acqua te lu scuparu

(pè cujunella a nu piccinnu tristu e ca ete nu terramotu)


quiddhu nù ete crisciutu pè la malizzia

(a nu cristianu curtu ca ete maippu e furbu)


salute a nui e paraisu a iddhu

(quandu se mantùa nu cristianu mortu)


scire a passu te ‘zzita

(quandu se camina chianu chianu)


si sarucu te portu, te!

(a unu ca ete furbu e maippu comu na urpe)


sia ca ave mangiatu ove te pica

(a cinca cunta mutu)


stà catene l’auceddhi cretti

(quandu face mutu friddu)


stae intra nu fundu te jettu

(quandu unu ete custrettu cu stescia curcatu pè na longa ‘mmalatia)


tare la carne allu tiaulu e l’osse a Cristu

(a unu ca se l’ave cututa te carusu e a becchezze se mena a ‘mpieti Gesu Cristu)


te fete ‘ncora la ucca te latte

(a nu carusieddhu ca ole se cumporta comu nu crande)


‘ttacca lu ciucciu addhu ole lu patrunu

(fare una cosa per ordine di qualcuno anche se ci sembra incomprensibile)

{/tabs}

{loadposition anteprima}

Oroscopo

oroscopo Oroscopo deriva da “horoscopos” parola composta da “hora”, che in antico greco significa “ora” termine da interpretare nella sua accezione di misura temporale e da “skopeo” che significa guardare, osservare. Il temine latino horoscopus ne mantiene il significato che è: “ciò che indica il tempo (zodiacale)”. In senso stretto l’oroscopo è il punto dell’ellittica che sorge in un dato momento in un luogo dell’orizzonte, detto ascendente, che permette di conoscere la posizione del resto dello zodiaco e dei pianeti in quel momento permettendo la personalizzazione degli eventi (ad esempio: le nascite). Esistono anche diversi oroscopi frutto di culture diverse (Oroscopo cinese, Indiano, ecc..) e di conseguenza differenti tipi di segni zodiacali che rispecchiano le linee guida degli oroscopi dai quali derivano.


{slide=Ariete}

Ariete

ariete

nati tra il 21 Marzo e il 20 Aprile

Cari amici dell’Ariete, nella prima parte del 2014 potreste risentire di un calo energetico causato dall’opposizione di Marte (vostro pianeta guida). Non preoccupatevi troppo, la situazione si sblocca e recupererete con gli interessi nella seconda parte dell’anno…

Amore

La seconda e la terza decade potranno vivere qualche momento di difficoltà fino al mese di Giugno: tono dell’umore non ottimale, eros e carica desiderante appannate, con spiccate tendenze polemiche. La situazione si ribalterà a vostro favore a partire da metà Luglio: carisma e fortuna vi permetteranno di intessere relazioni piacevoli e piene di passione (proprio come desiderate!), recuperando slancio e motivazione. I nati tra 27 Marzo al 6 Aprile saranno interessati dall’energia travolgente di Urano: pronti per una rivoluzione?

Salute

Anche voi, grintosi guerrieri dello Zodiaco, potreste risentire di un calo energetico causato dall’opposizione di Marte (vostro pianeta guida): fino al 26 Luglio, potrete incappare in qualche malanno di stagione, possibili infiammazioni o contratture: moderate gli azzardi, curate l’alimentazione, dribblate ogni estremismo. Fortunatamente, recupererete con gli interessi nella seconda metà dell’anno: un Giove strepitoso vi regalerà ottimismo, bellezza e uno stato d’animo disteso e gaudente. Agosto e Settembre saranno i mesi più promettenti.

Lavoro

Se riuscirete (nel primo semestre) a moderare la tendenza all’impulsività, potrete poi trascorrere la seconda parte dell’anno lanciatissimi verso nuove sfide, soprattutto se lavorate in settori creativi o artistici o se desiderate che il vostro operato venga valorizzato come si deve. Gli Ariete di seconda decade saranno i più audaci, ma quelli nati tra il 30 Marzo e il 3 Aprile dovranno gestire con grande maestria le risorse a loro disposizione, senza spingersi in territori rischiosi. Il trigono di Giove porterà una grande espansione.

Denaro

Anche in campo finanziario, l’anno sarà nettamente diviso in due fasi: durante la prima (da Gennaio a Luglio) potrete avvertire una contrazione dei ricavi (o un aumento delle spese familiari); nel corso della seconda (da Agosto a Dicembre), invece, vi sentirete decisamente più corroborati, con più che probabili guadagni extra. Saturno nel settore delle finanze vi richiederà una grande concentrazione e una particolare attenzione agli investimenti sul lungo periodo. I settori più fortunati? Tutti quelli creativi, la pedagogia e la libera professione.

{/slide}

{slide= Toro}

Toro

toro

nati tra il 21 Aprile e il 21 Maggio

Cari amici del Toro, nel 214 Saturno continua a esservi contro (soprattutto per i nativi della seconda e terza decade), ma non disperate: dalla vostra avrete il sostegno di Giove e Plutone che vi permetteranno di rimanere discretamente a galla… 

Amore

Saturno contro (per i Toro di seconda e terza decade) potrà portare a galla qualche incomprensione nella relazioni: la sua funzione sarà quella di allontanare ciò che non è più benefico o essenziale. Niente paura, però: la prima decade si starà già godendo le nuove consapevolezze elargite dal trigono di Plutone, e quest’anno sarà il turno della seconda, che recupererà un eccellente rapporto con la propria carica desiderante e con le pulsioni inconsce (grande forma psichica). Gennaio e Febbraio saranno splendidi per l’affettività. I nati tra il 22 e il 28 Aprile vivranno momenti ispirati.

Salute

Fino a fine Luglio (e, in particolare, nei primi due mesi del 2014) l’armonia vi si leggerà in volto: Giove in sestile proteggerà il benessere psicofisico. I nati di seconda e terza decade, tuttavia, dovranno curare la salute di denti, ossa e articolazioni: un controllo preventivo dal dentista e una saggia gestione delle energie eviteranno possibili problematiche. A partire dal 18 Luglio, potreste invece sentirvi a tratti sotto tono o più affaticati del solito nello svolgimento delle mansioni quotidiane. Plutone e Nettuno vi aiuteranno comunque a mantenere un solido baricentro.

Lavoro

E’ quasi impossibile che i Toro di prima decade non abbiano tratto ottimi profitti dal trigono di Plutone dei mesi recenti: nonostante la crisi globale, dovrebbero essere riusciti ad amministrarsi con grande abilità. Quest’anno, sarà la volta dei nati tra il primo e il 6 di Maggio: trasformazioni importanti in vista, grande carisma personale; in qualche caso, svolte addirittura epocali (determinate in maniera talvolta ruvida da Saturno). Se dovete muovervi con progetti ambiziosi, fatelo preferibilmente entro fine Luglio: dopo tale data, infatti, la quadratura di Giove potrebbe rallentare le tempistiche.

Denaro

Se prendiamo come principale riferimento Giove, il pianeta tradizionalmente associato all’abbondanza, anche per il vostro segno l’anno si dividerà in due fasi: da Gennaio a Luglio, registrerete lusinghieri riscontri (soprattutto nelle attività inerenti le comunicazioni, la scrittura, le intermediazioni). Da Agosto a Dicembre, invece, potrà essere più difficile ottenere gli stessi risultati economici senza un impegno supplementare. Tuttavia, Plutone in trigono (seconda decade) e Nettuno in congiunzione (prima) forniranno carburante di prima qualità anche ai più audaci e ai creativi. Saturno vigilerà su ogni eccesso.

{/slide}

{slide= Gemelli}

Gemelli

gemelli

nati dal 22 Maggio al 21 Giugno

Amore

Giove metterà ancora per qualche mese la sordina ai vostri guizzi più vivaci, per poi esplodere in un tripudio di socialità e di stuzzicante vanità a partire dal mese di Agosto. La prima parte dell’anno avrà un andamento regolare, con un inserimento del turbo in prossimità dell’estate. Inoltre, nel corso dei primi sei mesi potrete contare sul valore aggiunto costituito dal trigono di Marte (eros, intraprendenza, passionalità), che non lascerà scampo ad eventuali rivali, catapultandovi di diritto sul podio di seduttori: abbiate pietà!

Salute

Nella prima parte dell’anno, Giove proseguirà la sua opera di pacificazione e di stabilizzazione, garantendovi quel quid di edonismo che saprà rilassare i nervi troppo tesi. Il trigono di Marte, in più, sarà poderoso per motivazione e vitalità: qualcuno di voi si distinguerà per qualità particolari o doti artistiche di eccellenza. Se a questo aggiungiamo il fortunato sestile di Giove (da Agosto in poi), ci saranno effettivamente ragionevoli possibilità di recuperi di qualità e di uno stato psicofisico invidiabile. Complimenti!

Lavoro

Decisi, carismatici e trainanti: il contributo di Marte (fino a metà anno) sarà un toccasana per ogni trattativa arenatasi in precedenza o per quelle che andrete a intraprendere. La forza persuasiva di cui farete sfoggio vi farà guadagnare un’autorevolezza che non conoscerà flessioni. A partire dal mese di Agosto, inoltre, avrete dalla vostra parte anche il morbido e promettente sestile di Giove, che favorirà gli studi e i cont(r)atti, nonché una strepitosa scioltezza nei vostri settori di elezione: pubbliche relazioni, informatica, discipline matematiche e scientifiche.

Denaro

Giove e Saturno stanno da mesi invitandovi a procedere per gradi, anche se la prima decade, spinta in avanti dal vento di cambiamento uraniano, avrà senz’altro trasgredito qualche regola, o compiuto una svolta a sorpresa. La situazione si manterrà stazionaria fino all’arrivo di Giove (metà Luglio), che genererà un desiderio di espansione, portandovi anche più di un riscontro oggettivo dal punto di vista finanziario. A partire dall’estate, quindi, l’andamento si farà decisamente più rapido e soddisfacente per le vostre tasche.

{/slide}

{slide= Cancro}

Cancro

cancro

nati tra il 22 Giugno e il 22 Luglio

Amore

La prima decade è in nettissima ripresa, grazie all’influenza magica di Nettuno e alla fine delle turbolenze causate da Plutone e Urano. La seconda si prepari a gestire un forte vento di cambiamento: la flessibilità che metterà in campo farà la differenza. Tutti i Cancro si godranno la presenza di Giove fino a metà anno e lo stabilizzante trigono di Saturno: avrete un gran fiuto per le occasioni fortunate, ma anche un affilato senso critico che impedirà derive o instabilità. Fino a fine Giugno, monitorate il nervosismo e gestite con saggezza le energie.

Salute

Alla funzione rallentante di Saturno (seconda e terza decade) si contrapporrà la carica trainante di Marte, e, dall’estate, il desiderio espansivo di Giove. Vivrete dunque una prima parte dell’anno reattiva ed efficace dal punto di vista della forma muscolare e delle difese immunitarie (con possibili exploit sportivi di spessore) e una seconda molto più edonista e rilassata. Dopo la svolta intimista dello scorso anno, il 2014 vi ritroverà nella vostra più piena solarità. E’ tempo di rimettere in circolo l’energia!

Lavoro

 

Marte tenderà a sottolineare (anche impietosamente) alcune lacune, in particolare riguardo a pratiche inevase o a situazioni relazionali non del tutto assimilate: potreste dover rivedere dei progetti, o essere chiamati a prendere una posizione più decisa nell’ambio del team di lavoro. Giove nel segno sarà comunque protettivo, e Saturno vi permetterà di mantenere una postura stabile e composta. Nella seconda parte dell’anno, sarete intenti a consolidare un affare e a mantenere un passo regolare, che si rivelerà oltremodo piacevole.

Denaro

Fatta eccezione per la seconda decade, che sarà quella chiamata a mantenere un livello di attenzione costante, l’anno sarà nel complesso soddisfacente. Fino a fine Luglio, infatti, avrete dalla vostra abbondanza e occasioni fortunate; da Agosto in poi, invece, potrete attestarvi su un livello di regolarità molto gradevole. Potreste così decidere di cimentarvi in qualche speculazione finanziaria, nella compravendita di un immobile, oppure (perché no) di rivalutare l’arte della frugalità e del risparmio.

{/slide}

{slide= Leone}

Leone

leone

nati tra il 23 Luglio e il 22 Agosto

Amore

Saturno potrà ancora insidiare qualche falsa certezza dei Leoni di seconda e di terza decade, ma il rivoluzionario trigono di Urano, il corroborante sestile di Marte (fino a metà anno) e l’ingresso di Giove nel vostro segno (a fine Luglio) sanciranno la fine di molte esitazioni e il ritorno ad un atteggiamento gioioso ed ottimista. L’amore sarà soprattutto condivisione, generosa apertura, calore. Le coppie collaudate dal rigore di Saturno riprenderanno slancio, e i single potranno contare su una miriade di nuove occasioni: la socialità sarà uno dei vostri cavalli di battaglia. Grandioso.

Salute

Alla funzione rallentante di Saturno (seconda e terza decade) si contrapporrà la carica trainante di Marte, e, dall’estate, il desiderio espansivo di Giove. Vivrete dunque una prima parte dell’anno reattiva ed efficace dal punto di vista della forma muscolare e delle difese immunitarie (con possibili exploit sportivi di spessore) e una seconda molto più edonista e rilassata. Dopo la svolta intimista dello scorso anno, il 2014 vi ritroverà nella vostra più piena solarità. E’ tempo di rimettere in circolo l’energia!

Lavoro

I primi sei mesi saranno assolutamente da dedicare a eventuali incursioni in nuovi mercati, a colloqui di lavoro e a tutto ciò che potrà mettervi in connessione col mondo. Giove, lo scorso anno, vi ha reso più riflessivi, permettendovi di elaborare interiormente alcuni input provenienti dall’esterno e di aggiustare il tiro, e Saturno ha fatto evaporare qualche velleità. Poco male: ora siete pronti per rilanciarvi in grande stile, soprattutto dall’estate in poi, quando l’occasione potrà incontrare il talento, dando origine a un nuovo corso, decisamente più fortunato. Favorite l’imprenditoria e la libera professione.

Denaro

Il trend restrittivo di Saturno aiuterà la seconda e la terza decade a moderare alcuni eccessi nello spendere, permettendovi di concentrarvi sulle effettive priorità. Nel corso dei primi sei mesi, anche Giove vi farà riflettere sul valore del denaro e della generosità. A partire da fine Luglio, l’ingresso del pianeta dell’abbondanza nel vostro segno sarà come un balsamo che vi consentirà di vivere il rapporto con il denaro con grande magniloquenza: sì a qualche legittima gratifica, probabili rientri da spese precedenti e qualche guadagno extra. Bene!

{/slide}

{slide= Vergine}

Vergine

vergine

nati tra il 23 Agosto e il 22 Settembre

Amore

Continua il trend positivo innescato da Giove nel settore delle amicizie, delle associazioni, di una socialità meno selettiva: saranno questi i settori nei quali fino a metà anno, scoprirete impensabili affinità. Grazie anche al sostegno di Saturno, riuscirete a coniugare curiosità e saggio discernimento e farete così incontri fortunati. Nella seconda parte del 2014, tenderete invece ad essere più riflessivi e a proteggere la vostra interiorità. La prima decade si aprirà agli influssi magici di Nettuno; la seconda si godrà il trigono di Plutone, eccellente per eros e autostima.

Salute

Gennaio e Febbraio saranno strepitosi, ma, in generale, tutto l’anno vedrà proseguire il trend favorevole dei mesi precedenti, grazie al sostegno di Plutone, che vi doterà di una forza interiore fuori dal comune, e di Saturno, che renderà gli obiettivi chiarissimi. I primi sei mesi dell’anno favoriranno la scelta di attività nuove o insolite (ultimi ritrovati tecnologici per il fitness, regimi dietetici esotici o provenienti da altre culture); da Agosto a Dicembre, invece, sperimenterete una tendenza più mistico-spirituale.

Lavoro

La prima decade viene da un periodo favorevole, soprattutto se si è cimentata di recente in nuove sfide professionali: grazie al sostegno di Plutone, Saturno e Giove, avrà compiuto comunque decisi passi avanti. Nel 2014, sarà il turno della seconda, che vedrà progressivamente accrescere la sua autorevolezza. Tutti i nati del segno sperimenteranno un piacevole e rassicurante senso di radicamento, e, fino alla fine di Luglio, se sfrutteranno i social network e le informazioni condivise, potranno incrementare il volume d’affari. Da Agosto, saranno le professioni legate all’assistenza e quelle creative ad essere favorite.

Denaro

Grazie al sostegno di molti pianeti, anche il 2014 si rivelerà un anno assolutamente gratificante. Forse solo i nati tra il 25 e il 31 Agosto potranno avere a tratti l’impressione di non riuscire ad arginare qualche imprevisto, ma la batteria di astri a favore spianerà la strada ad ottime prospettive e introiti supplementari a tutti voi. Per i più meritevoli e capaci potranno addirittura manifestarsi svolte determinanti. Se desiderate effettuare nuovi investimenti o suggellare una collaborazione, scegliete la prima parte dell’anno.

{/slide}

{slide= Bilancia}

Bilancia

bilancia

nati tra il 23 Settembre e il 22 Ottobre

Amore

Continua il trend positivo innescato da Giove nel settore delle amicizie, delle associazioni, di una socialità meno selettiva: saranno questi i settori nei quali fino a metà anno, scoprirete impensabili affinità. Grazie anche al sostegno di Saturno, riuscirete a coniugare curiosità e saggio discernimento e farete così incontri fortunati. Nella seconda parte del 2014, tenderete invece ad essere più riflessivi e a proteggere la vostra interiorità. La prima decade si aprirà agli influssi magici di Nettuno; la seconda si godrà il trigono di Plutone, eccellente per eros e autostima.

Salute

La congiunzione di Marte renderà i primi sei mesi particolarmente adrenalinici: non sarà un buon motivo per bypassare ogni remora, buttandosi a capofitto in attività altamente stressanti o che potranno causare infiammazioni o microtraumi. Siete un segno saggio e pacato, e troverete il modo per far fluire la grande energia di cui disporrete senza bloccarla, ma senza neppure correre dietro ai suoi picchi o a eventuali capricci del momento. Le cose si faranno più chiare a partire da metà Luglio, quando recupererete stabilità, flessibilità e buonumore.

Lavoro

Provenite da un periodo di ridimensionamenti e in qualche caso anche di drastici cambiamenti (prima decade). Anche quest’anno non vi sarà probabilmente permesso di abbassare la guardia, ma potreste anche scoprire degli aspetti di voi o delle potenzialità mai intraviste in precedenza. La buona notizia è che, al ritorno dalle ferie estive, vi ritroverete più sereni e bendisposti. Giove favorirà in fatti la ripresa di ogni tipo di negoziato, ma anche efficacissimi corsi di aggiornamento, così come il lavoro in team e i nuovi progetti. Col sorriso e un pizzico di (meritatissima) fortuna, vi sentirete rinati.

Denaro

I nati tra il 10 e il 14 Ottobre, con Plutone ostile, saranno seriamente tentati di andare ad aprire un bar su qualche isolotto incontaminato dei Caraibi. Quelli nati tra il 29 Settembre e il 9 Ottobre forse l’hanno già fatto, incalzati dall’opposizione di Urano, che ha creato un’insolita (per voi) tendenza ai colpi di testa. Per tutti i rappresentanti del segno, l’invito è quello di aspettare la fine della quadratura di Giove (ultima settimana di Luglio): da quel periodo in poi, registrerete un nettissimo miglioramento. Credeteci!

{/slide}

{slide= Scorpione}

Scorpione

scorpione

nati tra il 23 Ottobre e il 22 Novembre

Amore

Fino a fine Luglio, La grande carica passionale sarà resa intermittente dalla presenza di Marte nel settore più mistico e sfuggente dello Zodiaco. A meno che il transito non sortisca l’effetto di dilatare ulteriormente la vostra potente capacità percettiva. I pianeti favorevoli sono decisamente troppi perché la quadratura di Giove (che inizia anch’essa a fine Luglio) possa chiedervi ridimensionamenti. Tuttavia, la prima parte dell’anno sarà indubbiamente la più fortunata e avventurosa, in un trend comunque assolutamente positivo.

Salute

Durante i primi mesi dell’anno potreste riscontrare improvvisi cali di energia o di motivazione: meglio evitare ogni eccesso e prestare ascolto ai segnali del corpo. Giove vi consentirà di filare spediti, grazie a un tono dell’umore sereno, se non addirittura entusiasta (anche se voi diffidate sempre di soluzioni facili, potrebbero invece essere assolutamente alla vostra portata). A partire da Agosto, invece, farete bene a prendervi cura della schiena, grazie anche a massaggi e movimenti di stretching. Plutone e Nettuno dalla vostra parte impediranno sofferenze significative, consentendovi grandi recuperi. Benone.

Lavoro

Giove in ottima posizione nel settore del turismo e dei contatti con l’estero, ma anche della filosofia e delle organizzazioni (governative e non) consentirà, fino a metà anno, di porre l’imprimatur ufficiale a una carica a cui tenete particolarmente. La terza decade potrà vivere con particolare intensità una responsabilità, ma i pianeti lenti non la disturberanno, consentendole di mantenere un saldo baricentro. Dopo l’estate, la quadratura di Giove potrà fare sfumare qualche affare che non aveva basi solide.

Denaro

Dopo la riscossa dei mesi precedenti di appannaggio della prima decade, è ora la volta della seconda, che sarà strepitosamente corroborata dal trigono di Plutone: la finanza non avrà per voi segreto alcuno, i risparmi lieviteranno a tempo record (se lo vorrete), gli introiti si attesteranno su un livello più che soddisfacente. Dal mese di Agosto, però, siate più cauti nelle operazioni finanziarie ed evitate gli azzardi: Giove potrà penalizzare ogni tipo di eccesso e sarà premiante per trasparenza, non escludendo qualche atto più oblativo e altruista.

{/slide}

{slide= Sagittario}

Sagittario

sagittario

nati tra il 23 Novembre e il 21 Dicembre

Amore

Nel corso della prima parte dell’anno potrete contare su una carica passionale di tutto rispetto: Marte incrementerà le occasioni di incontro, anche con persone eccentriche o fuori dagli schemi. Energia e movimento saranno garantite, sia che viviate una situazione consolidata, sia che siate in cerca di disimpegno o di leggerezza. A partire dall’estate, poi, finalmente Giove (uno dei vostri numi tutelari) tornerà a stampare sul vostro viso un sorriso aperto e fiducioso: via libera ai sogni, ottimismo in grande risalita!

Salute

Nel corso dei primi sette mesi, Giove continuerà a sponsorizzare un approccio alla salute incentrato su eventuali esami diagnostici o approfondimenti; anche le terapie o gli sport acquatici saranno particolarmente benefici. Inoltre, Marte vi sosterrà poderosamente fino a fine Luglio, e non è escluso che qualcuno possa spiccare anche in attività agonistiche. Il vostro portafortuna da Agosto in poi sarà ancora Giove, che rimetterà a posto parecchie problematiche: riacquisterete una stabile autostima e anche il passaporto per nuove attività e interessi.

Lavoro

Preparatevi a un anno eccitante, foriero di novità e di dinamismo: eventuali pratiche o trattative bloccate riprenderanno slancio. Se punterete sui progetti condivisi, sulla ricerca, su eventuali training di riqualificazione, sarete super favoriti, anche perché dotati di una leadership naturale. Dall’estate, anche la fortuna vi arriderà: via libera a qualche nuova iniziativa, la vostra natura aperta e fiduciosa e l’ atteggiamento ottimista vi faranno guadagnare consensi plebiscitari. Incoraggianti possibilità per chi opera nel turismo, ma anche per i viaggi in generale: scoccherete le vostre frecce molto lontano!

Denaro

Non vi mancheranno né l’audacia (Marte favorevole fino a metà anno) né la fortuna (Giove in poderoso trigono da metà Luglio in poi): finalmente, la vostra carica prorompente non incontrerà ostacoli o ridimensionamenti depressogeni. La prima decade ha probabilmente già dato il via a nuovi progetti; nel 2014, sarà la seconda che inizierà a guardare intorno e a fiutare nuovi possibili affari. Cotanta abbondanza non dovrà farvi però commettere errori di valutazione: mantenete sempre un minimo di attenzione nella stipula di contratti.

{/slide}

{slide= Capricorno}

Capricorno

capricorno

nati tra il 22 Dicembre e il 20 Gennaio

Amore

Un’ottima Venere sponsorizzerà gli affetti nel corso dei prime due mesi. Tuttavia, la quadratura di Marte potrà rendere la prima parte del 2014 piuttosto turbolenta: attenti a eccessi di rigidità, a prese di posizioni categoriche: chi vi starà vicino non li subirà di buon grado, non stancatevi di cercare il dialogo. Dal mese di Agosto, fortunatamente, la situazione tensiva si andrà sciogliendo, anche grazie alla fine dell’opposizione di Giove, che vi solleverà da gran parte dei problemi relazionali verificatisi negli ultimi mesi. Tornerete ad essere solidi e profondi: bene!

Salute

Marte dissonante (fono a fine Luglio) nel decimo campo sarà un invito a monitorare schiena e articolazioni. Non cimentatevi in sport eccessivamente faticosi o a rischio traumi ed adottate un regime dietetico leggero e depurativo, che comprenda cibi freschi, pochi grassi e tanta acqua. A metà Luglio, la fine dell’opposizione di Giove sancirà un salto di qualità, in primis dal punto di vista psicologico. Riuscirete infatti a manifestare un approccio più ottimistico e rilassato, pur mantenendo intatta la vostra grande capacità di discernimento.

Lavoro

I nati di seconda decade saranno quelli più soggetti ai cambiamenti provocati da Plutone e Urano, e la quadratura di Marte potrà in questo senso porre fine a una questione inerente la professione: in particolare, sarà richiesto un atteggiamento ancora più autonomo e maturo. La situazione sarà tuttavia alleggerita dalla fine dell’opposizione di Giove: da metà Luglio, molte dispute con colleghi o associati si risolveranno più agevolmente rispetto a quanto avvenuto negli ultimi mesi, con un gran recupero di serenità. Avanti con fiducia.

Denaro

Il recupero di qualche spesa o la risoluzione di un contenzioso avverrà gradualmente e soprattutto nella secondo semestre del 2014. Fino ad allora, l’opposizione di Giove continuerà probabilmente a provocare esborsi per consulenze o collaborazioni. Saturno favorevole vi permetterà comunque di reggere benissimo e l’inizio del sestile di Nettuno sarà, in progressione, una grande fonte di ispirazione. Da fine Luglio inizierete a registrare davvero un sostanziale cambiamento di rotta, che vi ripagherà di molte fatiche.

{/slide}

{slide= Acquario}

Acquario

acquario

nati tra il 21 Gennaio e il 19 Febbraio

Amore

Il sestile di Urano porterà alla seconda decade una dose di propulsione extra, nonché probabilissime sorprese e graditissimi imprevisti. Se ci aggiungete (fino a fine Luglio) anche il potente trigono di Marte, eccellente per passionalità, l’anno potrebbe rivelarsi addirittura campale. La seconda e la terza decade, però, avranno la contemporanea quadratura di Saturno (fatiche supplementari, qualche accenno di cupezza): consentito volare, ma coi piedi ben piantati per terra. La prima parte dell’anno sarà migliore della seconda.

Salute

Carichi di adrenalina, partirete in quarta: il trigono di Marte vi catapulterà nell’universo delle discipline olistiche, delle diete provenienti dall’altro capo del mondo, dal fitness più all’avanguardia. Seconda e terza decade mantengano tuttavia un occhio di riguardo all’interiorità e al tono dell’umore: da metà Luglio, infatti, l’opposizione di Giove si aggiungerà alla quadratura di Saturno, facendovi vivere fasi di stanchezza e demotivazione. Sarà proprio allora che farete sfoggio delle vostre straordinarie doti di adattabilità. Pronti per la sfida?

Lavoro

Incanalate la grande energia di cui disporrete fino a fine Luglio in ogni genere di attività a contatto con l’estero: via libera ad attività inerenti il turismo, l’import-export, le collaborazioni internazionali. La seconda e la terza decade non vivano Saturno come un invito all’irriverenza e allo spirito polemico gratuito: cerchino invece di allinearsi con il loro lato più rigoroso e pragmatico. Se avete intenzione di dare il via a nuovi progetti, fatelo entro l’estate; diversamente, potreste essere soggetti a qualche rallentamento o a una motivazione non ottimale.

Denaro

Gli Acquario di seconda e terza decade dovranno scendere a compromessi con Saturno, che dal decimo campo, potrà ridimensionare introiti, richiedere esborsi extra o insinuare qualche fase più riflessiva nel lavoro, con conseguente diminuzione di introiti. Chissà che da questa fase non possa nascere qualche nuova idea, più ecologica e basata sulla condivisione, anche dal punto di vista finanziario: car-sharing, associazioni di categoria o di patrocinio gratuito potranno sensibilizzare i più alle problematiche del momento.

{/slide}

{slide= Pesci}

Pesci

pesci

nati tra il 20 Febbraio e il 19 Marzo

Amore

Il tripudio astrale che Plutone, Nettuno, Saturno e Giove (fino a metà Luglio) vi stanno riservando vi sta permettendo di prendervi più di una meritata rivincita. E’ tempo di riscossa, di riaprire il cassetto e lasciare che ne escano tutti i sogni, anche i più folli. Sensualità, romanticismo, progettualità, ma anche forza interiore, saldezza, autorevolezza: queste saranno le caratteristiche che andrete manifestando sempre più apertamente. Le prospettive amorose saranno eccellenti, eventuali recuperi garantiti. Grandissima forma, pura magia.

Salute

Rinforzati dai trigoni di Plutone, Saturno e Giove e felicemente ispirati dall’inizio del cammino di Nettuno nel vostro segno: il 2014 confermerà un trend incredibilmente positivo anche per il benessere di corpo, mente, anima. Nel corso della seconda metà dell’anno, Giove si trasferirà nel settore delle abitudini, andando a sopperire a qualche distrazione e facendovi vivere le contingenze con maggiore disponibilità. Attenzione però a un eccesso di rilassamento: vigilate sull’alimentazione e non trascurate l’attività fisica.

Lavoro

La vostra visione laterale, onirica, mistico-olistica risplenderà in tutta la sua potenza immaginifica, abbattendo molti steccati. Va da sé che i super favoriti saranno i creativi di professione, ma anche chi la creatività la mette in atto ogni santo giorno, di qualsiasi mestiere si occupi. Irradierete una luce speciale e non avrete nemmeno il tempo (né la voglia) di sbeffeggiare chi vi ha sempre tacciato di scarsa aderenza alla realtà. Sarete, semplicemente (come sempre) più avanti. Complimenti vivissimi.

Denaro

La batteria di pianeti a favore si tradurrà in un rapporto col denaro gratificante ed equilibrato: pur non essendo un segno oltremodo materialista, non disdegnerete una gestione più rigorosa delle risorse economiche. Avrete modo (in particolare, i Pesci di seconda decade) di rientrare da eventuali spese precedenti, o di fluttuare senza problemi sugli alti e bassi che la crisi globale sta imponendo a tutti i livelli. In particolare, artisti, artigiani, insegnanti, psicologi e ricercatori potranno procedere con grande sicurezza. Eccellente!

{/slide}

Indovinelli

indovinelliL’indovinello è un gioco costituito da un testo scritto, generalmente in forma di epigramma, e costituisce il prototipo dei giochi in versi in enigmistica classica. Scopo del gioco è, naturalmente, indovinare quale oggetto si celi dietro tali versi, tenendo presente che la composizione è a doppio soggetto: presenta, cioè, un significato reale nascosto dietro un significato apparente.


Ci lu viti ci ‘ggh’ete bruttu;

ci lu ‘ndori… ‘pphu! Cci fete;

ci lu provi sai com’ete.

(porcu)


Fu, fu e la ‘mpizzu.

(a chiave)


Lu Papa lu tene e nu’ lu usa,

lu maritu lu tene e lu tae,

l’ave persu la vetuva,

lu vae ciarcandu la ‘zzitella.

(cognome)


Te carni lu celu,

te crita li pariti,

troni sienti e furmini nu biti.

(lu cantru)


Quantu cchiù crossu l’ommu lu porta,

tantu te cchiui a la femmana ‘nde piace.

(lu portafogliu)


Tudici frati girandu-girandu

unu cu l’addhu a ‘nculu se vannu.

(misi te l’annu)


Lu parete ete verde,

lu salottu ete russu

e le moniche sù niure.

‘Ndavina cci gghe’!

(lu malone)

Filastrocche e scioglilingua

filastrocche_e_scioglilinguaLa filastrocca é un componimento poetico per bambini, con versi brevi e agili rime o assonanze, dove i concetti si susseguono spesso senza un nesso logico, ma suggeriti da alcune parole. Uno scioglilingua è una frase studiata appositamente per essere difficile da pronunciare.


{tab=Filastrocche}

Filastrocche

Arri, arri cavallucciu,

‘nde ‘nde sciamu a Montesanu,

‘nde ‘ccattamu nu bellu ciucciu,

arri, arri cavallucciu.

***************

Babbarè, babbarè,

cinca rite vae a ‘llu ‘nfie’

Santu Pietru, nù ai risu?

A ‘mparatisu!

Ai risu?

Allu ‘nfiernu!

***************

Bona sera e bona notte,

le fave nù su cotte

e li ciciri su cruti,

bona sera alli curnuti.

***************

Centuciqquanta

la caddhina canta,

canta la furtuna

e ‘nde zza-ccu-una.

***************

La fronte metaca,

le toi candele, (l’occhi)

lu muccu ruccu, (lu nasu)

lu mangiatuttu, (la ucca)

lu scajozzu, (lu cangarieddhu)

lu cannaozzu

lu vaddhicu…

tegnu n’addha cosa

e nù mboju te la ticu!

***************

Lampa, lampa

ci chiove scampa;

scampa la furtuna

e nde zza-ccu-una!

***************

Mani manuzzi

mo vene lu papà

‘nduce caddhuzzi,

li minte su la banca,

vene lu cattu e se li mangia.

Isti, isti te casa mia!

***************

Napuleone Bonaparte

minte a prima e nù nci parte;

minte a seconda e bae chianu;

minte a terza e bae luntanu

minte a quarta e se ‘nde scappa.

***************

Nc’era na fiàta

na mamma ‘nchiata

ca se ‘bbinchiau te simulata.

Scìu allu muru e fice

na beddha “frittata”.

Oi te la cuntu n’addha fiàta?

Nc’era na ota na malota

ca facìa cicchi-ota;

oi te la cuntu n’addha ota?

***************

‘Ndindalò, ‘ndindalò

le campane te Nardò:

una sale l’addha scinde

l’addha mozzaca le piccinne.

***************

Nicola, Nicolò

li cazzi se cacò

e la mamma stuscia stuscia

‘nde ‘cchiau na ‘mmerda ùscia.

***************

Pinguli-pinguli Giuvacchinu

quandu camini cu l’occhi ‘nterra

e me pari nu puricinu

pinguli-pinguli Giuvacchinu.

***************

Ppà, ppì, ppò

ci l’a fattu lu piratò?

E l’a fattu Don Peppinu!

Ppuh! Cci fe-te-lu-ma-ra-ndu-li-nu.

Essi te, essu jeu, ca si’ cu-mpa-gnu-me-u!


{tab=Scioglilingua} 

Scioglilingua

Ci stucchi la stecca cu lu stuccu

la stecca se stocca e lu stuccu se stacca.

***************

Fusci fiscendu maluni cujendu,        

fusci fusciuni cujendu maluni.

***************

Minucu minchia tania tre fiji

tutti e tre minchialìri:

unu minchia; l’addhu ‘bbinchia;

l’addhu fiju te monucu minchia.

***************

Na pica pizzichica pizzicoca

‘llatta sette piche pizzichiche pizzicoche;

ma sette piche pizzicoche pizzichiche

nù ‘llattene na pica pizzichica pizzicoca.

***************

Pindinguli pandìa, pindonguli turmìa;

cate pindinguli e disciata pindonguli;

pindonguli s’azza e mangia pindinguli.

***************

Roccu nù me tuccare

ca nù te toccu,

ma ci me tocchi te stoccu.

***************

Taccuru curtu e puru curtu taccuru;

curtu taccuru e puru taccuru curtu.

***************

Tegnu tre ciucci ‘zzoppi,

te ci tre ciucci ‘zzoppi tieni?

***************

Tre cippuni sù nu cippone.

***************

Tre tritici ciaciarieddhi                                                                                    

intra tre tritici piatticeddhi

***************

Scisti a Lecce e te stizzasti.

***************

‘Zzacca l’azza te sta ‘zzucca te cozza

ca sta cazzu te cozza nù se cazza.

{/tabs}

{loadposition anteprima}

Soprannomi

soprannomiIl soprannome o ” ‘ngiuria ” é l’appellativo scherzoso o ingiurioso attribuito a una persona, in genere dagli amici, con riferimento a caratteristiche fisiche o morali, qualità, provenienza, famiglia ecc.


{tab=A}

A

Africanu

 

{tab=B}

B

Bandu

Bbarrucca

Bellezza

Broccu

Bufà

Bùndiri

Burraschia


{tab=C}

C

Cacafave

Cacapepe

Cacatostu

Cacàu

Càchiri

Caddhina

Caitaninu

Calabrese

Caliòtu

Capi te lana

Capi te mazza

Capicrossa

Capuraffucà

Carletta

Carmanenchia

Carmanieddhu

Casòri

Catàutu

Cazzi

Cernijentu

Chinu te mmerda

Ciarasa

Cifrèscula

Crisòsti

Culu te femmana

Cumitoru

Curcì

Curgulèu

 

{tab=D}

D

Dindì

 

{tab=E}

E

 

{tab=F}

F

Facci te culu

Facci te zzita

Faloppa

Fava

Femmaneddha

Foggia

Forzi-che-rà

Fràttaca

Frisa

 

{tab=G}

G

Gnagna

 

{tab=H}

H

 

{tab=I}

I

Iri

 

{tab=J}

J

Jàjara

 

{tab=K}

K

 

{tab=L}

L

Llàllara

Llappa

 

{tab=M}

M

‘Mericanu

Maffutti

Malampu

Malizia

Mammateta

Mangiacandài

Mangiacasu

Mangiafiche

Mangiafocu

Mangialanticchia

Mangialavati

Mangialucigni

Mangiamboti

Mangiammerde

Mangiamusche

Mangiapane

Mangiapasuli

Marchione

Marcuriu

Menzabotta

Menzu rotulu

Micanga

Minichessa

Morè

Muccùsu

Muriccia

Muschitta

 

{tab=N}

N

Nascia

Nasi te cane

Ndarràu

Nenè

Ngischia

Nnanniri

Nzella

 

{tab=O}

O

Occhipisciatu

 

{tab=P}

P

Pachècu

Panzaricca

Pappacciciri

Papùzzi

Pastiddha

Pasùlene

Patita

Paùsa

Pazzariellu

Pelle

Pensa

Petrichì

Picozzu

Pisciajettu

Pisciambucca

Pisieddhu

Pizza longa

Pizza t’oru

Pizzallì

Pizzazzara

Pulizza


{tab=Q}

Q

Quarnamantaru

 

{tab=R}

R

Russana


{tab=S}

S

Scalzacani

Scamàle

Scanijatu

Scarciuleddha

Scardacazzi

Scardàffa

Scarione

Scariota

Scarzacani

Scasciacantri

Sce

Scèja

Scelu

Schiatta

Schiattatu

Schioma

Sciacuddhu

Sciuteu

Scìvene

Seccia

Senzapansieri

Spaccacrosse

Spachettu

Spariolu

Strafutti


{tab=T}

T

Tamburru

Treja

Trinchiapirete

Ttattìnghiri

Ttitta

Ttombula

Tufiè

 

{tab=U}

U

 

{tab=V}

V

Valardi

Vatafalippu

Vergineddha

 

{tab=W}

W

 

{tab=X} 

X

 

{tab=Y}

Y

 

{tab=Z} 

Z

Zzippu

 

{/tabs}

{loadposition anteprima}

Smorfia gallipolina

smorfia_gallipolinaLa smorfia nel gioco non é altro che l’interpretazione dei numeri del lotto per trarre dai vari sogni i corrispondenti numeri da giocare! Ma succede anche di usare queste parole anche in frasi durante le conversazioni, o durante il gioco della tombola.


                        
     1 lu bambinu  

2 le corne
 

3 l’amore  

4 la bara  

5 la manu     

6 la fica 7 li tuluri te Maria 8 lu focu 9 li muti fiji 10 li mani
11 li sùrici 12 l’Apostuli 13 Sant’Antoni 14 li curnuti 15 lu fanciullu
16 lu culu 17 la tiscrazzia 18 lu sangu 19 la risata 20 la campagna
21 la femmana 22 li pacci 23 lu minchia 24 le cuardie 25 Natale
26 la piccinna 27 la mazza 28 le minne 29 lu tata 30 lu cantru
31 lu patrone te casa 32 lu sarpente 33 l’anni te Cristu 34 capu spaccata 35 lu caddhuzzu
36 le chiacchere  37 lu monucu 38 le mazzate 39 lu ‘ngannu 40 s’ave straccatu
41 lu curtieddhu 42 lu ‘ssuffraggiu 43 la puttana 44 lu carciuru 45 lu ‘mbriacone
46 li sordi 47 lu mortu 48 mortu ca cunta 49 la carne 50 lu pane
51 lu sciardinu 52 la mamma 53 lu vecchiu 54 la coppula 55 la musica
56 la catuta 57 lu sciumbutu 58 lu recalinu 59 li pili 60 lu malannu
61 lu cacciatore 62 lu mortu ‘ccisu 63 la ‘zzita  64 la màscara  65 lu chiàntu 
66 la zita 67 lu purpu 68 lu mangiare 69 capisotta 70 lu palazzu
71 la ‘mmerda 72 la maravija 73 lu spitale 74 la crutta 75 l’allecria
76 la funtana 77 opara te tiaulu 78 ‘zzoccula cu li ‘nchiali 79 lu latru 80 la ucca
81 li fiuri 82 la banca parata 83 lu ‘mmaletiempu 84 la chesia 85 l’anime
86 la putìa 87 li patucchi 88 li cujuni 89 la vecchia 90 la paura
                  

Pesi e misure

pesi_e_misureLe unità di misura sono uno standard per la misurazione di quantità fisiche. Allo scopo di facilitare le misurazioni è necessario definire dei sistemi di misure standard. I sistemi di misura scientifici sono una formalizzazione del concetto di pesi e misure, che venne sviluppato in origine a fini commerciali, ovvero per creare una serie di strumenti con i quali venditori e acquirenti potessero concordare in maniera univoca la quantità delle merci trattate. Per misurare una stessa grandezza esistono nel mondo molteplici unità di misura, che variano in genere a seconda del luogo in cui ci si trova, o di un determinato contesto (un mercato piuttosto che una scuola), ecc…

{slide= L’onsa}

L’onsa

“L’onsa, comu imu tittu, era la tuticesima parte te la libbra (26,72 crammi). ‘Cchiui te na fiata la mentuamu puru moi quandu cuntamu te nu pisu vasciu: “Me lu tae onsa onsa”. L’onsa era puru na ‘mmasura te lunghezza e ‘ggh’era la tuticesima parte te nu pete.

{/slide}

{slide=La canna}

La canna

La canna era puru quista na ‘mmasura te lunghezza ca usavene li cummercianti e li frabbacaturi. La famosa legge te lu 1840 ticia ca la “canna liniare” (usata, na paracona, pè le stoffe) era valire comu 10 parmi (2,6455 m.), ‘mbece la “canna cubica” (usata, na paracona, pè li pariti te le case) era t’essere cumposta te 17 utti, 2 varili e 9 caraffe e nu quartu.

{/slide}

{slide= La caraffa}

La caraffa

Se usava ‘nticamente pè ‘mmesurare li liquiti. Putia essere te ‘ddoi tipi: caraffa te uttecaraffa pè la vendita allu minutu. Quiddha te utte se usava pè lu cummerciu all’ingrossu e valia 0,727026 litri te lu 1480 mentru allu 1811, 0,727027 litri te lu 1811 mentru allu 1840, e 0,72708 litri a ‘nzignare te lu 1841. Ci sape comu ‘ndè futtiene na ota!

{/slide}

{slide= La grana}

La grana

La grana, chiamata puru “sordu”, era fatta t’argentu e de rame e foe misa a circulazione te Re Ferdinandu t’Aragona; foe usatu pè tuttu lu Regnu te le toi Sicilie. Mentru allu 1814 era fattu te 12 cavaddhi e 2 turnisi; poi, cu la legge te lu 14 Acostu 1814, scise a 10 cavaddhi. ‘Ncora moi, certe fiate, li sordi su’ chiamati grana (“sta me fazzu la crana”), ‘mbece la palora sordu è stata usata mentru a na cinquantina te anni ‘rretu pè dire cinque ciantesimi te lira.

{/slide}

{slide= La libbra}

La libbra

La libbra se tivitia a 12 onse (once). ‘Ndè ‘nc’erene te toi tipi: la “libbra suttile”, ca usavene specie intra le trocherie cu pisene lu cafè, sapone, ‘nzuccuru e via ticendu, e la “libbra crossa”, nu picca ‘cchiù crande, ca se usava pè quasi tutte l’addhe cose: fierru, lana, cuttone, passule, oju… Foe cu la legge te lu 19 Maggiu 1811, n. 974, ca la libbra valia 360 trappisi, ca vene a dire 0,32076 chili. Foe abbulita l’annu 1840, ma li ‘ngrisi e li ‘mericani la usene ‘ncora.

{/slide}

{slide= La pila}

La pila

La pila ete na ‘mmasura te capacità mutu ‘ntica ca valia comu a 1832 chili e menzu te oju.

{/slide}

{slide= La sarma}

La sarma

Puru quista è stata na ‘mmasura pè li liquiti, ma turau ‘cchiù picca tiempu te l’addhe e tania nu valore tiversu te na regione all’addha. Allu Salentu, a principiu te lu 1500 era fatta te 10 “stare”, poi te la seconda metà te lu 1500 mentru allu 1840 scindiu a 9 stare te 20,083 “rotuli” l’una. Poi lu Re Ferdinandu II l’abbuliu. Ci pijamu a riferimentu lu pisu te l’oju, la sarma te l’urtimi tiempi era te 161 chili, na tiecina te chili te ‘cchiui te quiddha usata a Napuli.

{/slide}

{slide= La soma}

La soma

La soma sarvia pè ‘mmesurare li cereali (cranulisu, cranu, orgiu, ecc.) e puru li liquiti. Alla puglia la usavene speciarmente li cummercianti te vini e valia 4 “varili napulitani” te 256 caraffe l’unu, ca erene 186,292 litri te moi.

{/slide}

{slide= La tunnellata}

La tunnellata

Moi ete n’unità te pisu ca vale quantu a 1000 chili ma na fiata sarvia pè ‘mmesurare li liquiti e la stazza te li bastimenti. Ci cunfruntamu le ‘mmasure te na ota cu quiddhe te moi ‘rrivamu a sti risurtati: na tunnellata ete comu toi terzi te nu “carru napulitanu”, 1,6 “utti mulfettesi”, 20 “tumuli napulitani” e toi “utti te vinu” sempre napulitane.

{/slide}

{slide= La utte}

La utte

La utte se usava pè ‘mmesurare la stazza te li bastimenti. Allu triticesimu seculu la “utte napulitana” valia 470 litri te moi, ‘mbece la “utte veneziana” valia 450 litri. Topu però, la utte veneziana sciu salendu sempre ‘cchiui te valore e ‘rrivau a 751,17 litri. Quiddha napulitana ‘mbece, (ca era quiddha ‘cchiù usata alle vande noscie), cu la legge te lu 1840, ‘nzignau a valire 523,5 litri.

{/slide}

{slide= La vigna}

La vigna

La vigna se usava pè ‘mmesurare la terra e le campagne. Era comu sia nu quatratu te 40 passi pè 40, e perciò valia 4943,77 metri quatri te lu 1480 fincu allu 1840 e 4976,84 metri quatri ‘nzignandu te lu 1841.

{/slide}

{slide= Lu cantàru}

Lu cantàru

Lu cantàru lu usavene mutu li navicanti e li piscaturi, nù pè nienti lu ‘cchiamu sempre sulli ‘ncartamenti ‘ntichi te l’ommini te mare. Lu “cantàru napulitanu” foe usatu a ‘nzignare te lu 1480 e ‘ggh’era fattu te 100 “rotuli”, valia perciò quantu 89,00997 chili te moi.

{/slide}

{slide= Lu carlinu}

Lu carlinu

Lu carlinu era fattu t’oru o t’argentu e foe frabbacatu pè la prima ota a Napuli, sotta allu tominiu te Carlu d’Angiò e te cusì ‘bbè spiecati puru parcè se chiama cusine. Lu “carlinu t’argentu”, te ‘mmanu alli Borboni, era la tecima parte te lu tucatu napulitanu.

{/slide}

{slide= Lu parmu}

Lu parmu

Sta ‘mmasura te lunghezza era usata quandu ‘ncora nù ‘nc’era lu sistema tecimale. ‘Nc’erene toi specie te parmi: lu parmu venezianu, ca era longu 0,3774 m., e lu parmu napulitanu . Quist’urtimu valiu 0,2633 m. te lu 1480 allu 1840, ma poi foe purtatu a 0,26455 m. cu la legge te lu 6 Aprile 1840 te Re Ferdinandu II. Oramai suntu tant’anni ca nù se usa ‘cchiui, ma ave lassatu certi moti te tire allu tialettu nosciu: “Nu se vitia a nu parmu te lu nasu”; “ ’Nc’erene tre parmi te terra”… e tant’addhi.

{/slide}

{slide= Lu passu}

Lu passu

Quist’addha ‘mmasura te lunghezza cangiava te nu locu all’addhu e te nu periutu all’addhu; mentru quandu a Napuli, cu la legge te lu 1480, nù se tisse ca lupassu itinerariu era te valire 1,8457 m. (7 fiate lu parmu) e lu passu te terra 1,9336 m. Lu Regnu te le toi Sicilie, sempre li stessu annu, ‘nzignau cu usa puru lu “passu t’arsenale te marina” ca foe abbulitu cu nù Decretu Reale te lu 1822.

{/slide}

{slide= Lu pete}

Lu pete

Le ‘mmasure ‘ntiche pijara spuntu te lu corpu nosciu stessu (mani, pieti, razze…), oppuramente te li cuntenitori usati pè lu trasportu. Te sicuru erene mutu ‘cchiù crossulane te quiddhe te moi e cangiavene te nu paese all’addhu e puru te nu periutu all’addhu. La ‘mmasura pè la lunghezza ‘cchiù usata ‘ssotta a nui, a ‘nzignare te l’undicesimu seculu, era lu pete napulitanu ca era longu 0,3349 m. e, tiempu topu, lu “pete francese” ca ‘mbece era 0,3248 m. (sarà ca li francesi taniene li pieti ‘cchiù curticeddhi?). Nu “pete”, però, era sempre fattu te 12 pollici, nu pollice te 12 linie e na linia te 12 punti.

{/slide}

{slide= Lu pollice}

Lu pollice

N’addha ‘mmasura te lunghezza era lu Pollice, ca era la tuticesima parte te nu “pete”. Lu pollice parigginu valia 2,707 cm., ‘mbece quiddhu “venezianu” 2,898 cm. (cosa ‘nnienti te ‘cchiui).

{/slide}

{slide= Lu razzu}

Lu razzu

Ete n’addha ‘mmasura te lunghezza (puru quista usata prima te lu sistema tecimale) ca valia 0,6853 m. a Venezia e 0,5421 m. a Napuli. Su tuttu lu Regnu te le toi Sicilie (a ‘mmanu alli Burboni) ‘nc’era puru lu razzu pè la marina, fattu te 5 “pieti parigini”, ca valia 1,6242 m.

{/slide}

{slide= Lu rotulu}

Lu rotulu

Puru lu rotulu vania usatu speciarmente te la gente mare. Lu valore cangiava te picca te na regione all’addha: quiddhu napulitanu valia 0,890997 chili.

{/slide}

{slide= Lu staju}

Lu staju

Sta ‘mmasura era bona sia pè le merci solide ca pè quiddhe liquite. Lu staju venezianu valia 38,3181 litri, lu “staju t’oju napulitanu”, te lu pisu te 10,3 rotuli (9,206 chili), valia 10,081 litri, lu “staju t’oju mulfettese” 17,8939 chili.

{/slide}

{slide= Lu tisciutu}

Lu tisciutu

Lu tisciutu era na ‘mmasura te lunghezza veneziana mutu ‘ntica e ‘ggh’era la siticesima parte te lu pete, ca vene a dire 2,17 cm.

{/slide}

{slide= Lu trappisu}

Lu trappisu

Lu trappisu era la millesima parte te lu rotulu e la trentesima parte te l’onsa, significa ca valia 0,890997 crammi.

{/slide}

{slide= Lu tucatu}

Lu tucatu

Li tucati erene li sordi ca vaniene frabbacati a ’mmanu alli duca e alli dogi. Alla Puglia, li primi “tucati t’argentu” ‘ssira allu 1140 e allu 1156, ‘mbece lu “tucatu napulitanu” vinne topu ma foe usatu comu minimu mentru allu 1861. Era fattu te centu “grana” e valia 4,2 lire italiane. Lu tucatu vene mentuatu intra na cantilena ‘ntica, ca li ‘cchiu’ vecchi te ui se racordene te certu: “Ci beddhu piccinnu ca tegnu, lu pacai centu tucati e ciujeddhi cu me lu tocca ca li mintu carciarati…”

{/slide}

{slide= Lu Turnese}

Lu Turnese

Lu turnese ‘ssiu prima ‘ncora te l’ottocentu e tandu era fattu te 6 cavaddhi. La palora turnisi è usata ‘ncora moi pè scherzu, cu riferimentu alli sordi; uliti na paracona? La canzone te l’ove te la notte te Pasca a nu certu puntu tice cusine: “Ci nù tieni ove me tai turnisi…”.

{/slide}

{slide= Lu varile}

Lu varile

Lu valire era n’addha ‘mmasura te capacità, usata speciarmente pè l’oju e lu vinu. A principiu cangiava nu picca te valore te nu locu all’addhu mentru quandu la famosa legge te lu Re Ferdinandu (8 Aprile 1840) nù tisse ca pè tuttu lu Regnu te le toi Sicilie s’era te usare lu “valire napulitanu” ca valia comu 60 caraffe te utte.

{/slide}

Oggetti

oggetti Questa rubrica,oggetti te na fiata”, é nata per mantenere indelebile il ricordo di alcuni oggetti, che pur essendo stati fondamentali e indispensabili in passato nella vita quotidiana dei nostri nonni, ora al massimo li si trovano but,ati in qualche mercatino, e noi giovani ne ignoriamo anche il loro utilizzo.


{slide= La macinula}

La macinula

A ngiru ‘stu strumentu te taula ‘nticu se mintìene le matasse te lana, quandu se spilavene li corfi e le camisole vecchie, ‘ccu se raccojiene a ‘nghiombiri. Quante fiate le razze nosce, ppe’ castìu, ane fattu te macinula quandu erene piccicchi. Le mamme e le nonne nosce nde obbricavene, ‘ccu nde facene stare fermi, ‘ccu stamu ore e ore a razze ‘perte. Sapitì cci dulore!?

{/slide}

{slide= La menza}

La menza

“Ntoni vanne alla funtana e ìnchi ‘na menza t’acqua” e lu ‘Ntoni castimandu scia e bbanìa tutti li giurni te la funtana tre, quattru, cinque fiate. Eh, si! Cinca nu’ tanìa sordi ‘ccu se la fazza nducire te l’acquarulu era fare ‘stu saggrificiu tutti li santi giurni. Moi, crazzie a Diu, ‘stu patìre nu’ se face cchiui; lu prucressu ave purtatu la comutità te li rubinetti. A fiate però nde struscìmu cchiui te quiddha ca nde serve. Ma stamu ‘ttenti: lu mutu nnurgiu è castìu te Diu!

{/slide}

{slide= La sessula}

La sessula

Intra le putìe li raùmi, lu cranu, l’orgiu, la canija ppe’ le caddhine, la farina, lu nzuccuru e tutte le cose a mpròule o piccicche li marcanti le tanìene intra li sacchi. La sessula era perciò ‘na specie te paletta ca sarvìa ‘ccu se pijene. Cci tiempi quandu le mamme nosce nde mandavene ‘ccu ccattamu ‘ste cose!!! E quanti racordi cuardandu ‘sta fotocrafia te ‘na sessula te fierru!

{/slide}

{slide= Lu cofunu}

Lu cofunu

Era la lavatrice te ‘na fiata sulamente ca funziunava ‘ccu la forza te le razze te le mamme noscie. Filu comu moi ca le femmene se stracchene puru ‘ccu carchene lu buttone te la lavatrice. Tandu lu tetersivu era la cennere farvuta e l’ammorbitente erene le scorze t’ou e de burtucallu. Ma quiddhu ca facìa vanìre le rrobbe pulite e janche era la calìme ca tanìa intra le razze cinca le stricava. Ah! Quanta fatiazza ane fattu ddhe povere cristiane te ‘na fiata!

{/slide}

{slide= Lu farnaru}

Lu farnaru

“Farnaru nou ‘ppendulu allu ertu”. Ete quistu ’nu prujerbiu ‘nticu ca ole dica ca ci tieni ‘na cosa nova ttocca te la sai tanìre. E s’era manutanire lu farnaru intra le case parcè sarvìa ppe’ ciarnire la farina o ‘ccu nde ‘llevi li sciji allu cranu e alli raùmi. E la casa addhu nde nc’era unu era casa china te ogni bene te Diu. Alla fotocrafia farnaru te taula fattu ‘ccu la pelle te aunieddhu.

{/slide}

{slide= Lu limbu}

Lu limbu

Addhu nu’ era ca la vasca te ’na fiata prima te le vasche t’alluminiu e de plastica. Quiddhu cchiù picciccu se mintìa sotta lu cofunu ‘ccu raccoja l’acqua sporca ca ssia te lu bucu; quiddhi cchiù crandi ‘mbece vanìene usati ppe’ le rrobbe colorate ca se sciacquavene a manu ‘ccu lu stricaturu e ca nu’ se putìene mbiscare ‘ccu le rrobbe janche, comu li casciuni, le fetere, la stusciafacce te linu, le camise te notte, li cazzi t’intra, ca se mintìene intra lu cofunu. Tandu se usavene sulamente sapone e acqua te la funtana parcè quiddha te puzzu nu’ era bbona ca facìa schioma: se usava topu lu cofunu ppe’ sciacquare le rrobbe all’acqua frisca.

{/slide}

{slide= Lu petroju}

Lu petroju

Te sera intra le case te ‘na fiata era lu petroju ca tava luce quandu nu’ nc’era la luce ‘lettrica. Ma quistu era puru la tisperazione te le mamme parcè li fiji, quandu sciucavene e se secutavene, ttuppavene alla mubbilia e lu sputavene. Catendu se spriculava lu tubbu te vitru e se vacava lu petroju sulli mobbili o a nterra. Cci fiezzu ca rrumanìa intra casa ppe’ giurni e giurni. E quante mazzate

{/slide}

{slide= Lu pisàri ‘ccu lu vacaturu}

Lu pisàri ‘ccu lu vacaturu

Quandu intra le case nu’ nc’era la comutità te l’acqua currente, l’acqua te la nducìa a casa l’acquarulu ‘ccu le utti e la vacava intra li pisàri te crita. Te ddh’intra poi quiddha ca sarvìa vanìa pijata ‘ccu lu vacaturu te crita. Puru cusì la vita scia a nnanti lo stessu. Moi ci picca picca manca l’acqua nde santìmu persi e puru ca tanìmu la riserva nu’ nde raccujimu ‘ccu facìmu nienti.

{/slide}

Giochi

giochiPlay Station, Nintendo, Xbox, Wi, ormai non si parla d’altro per i nostri figli, eppure un tempo, e non molto lontano, bastava poco per divertirsi, chi non ricorda la campana, bastava un gesso e conoscere i numeri da 1 a 10, bei tempi…