Home / Cosa visitare / Monumenti e Luoghi / Arene, Cinema e Teatri
logo_arenecinemaeteatri

Arene, Cinema e Teatri

Arene, cinema e teatri, un insieme di differenti discipline, che si uniscono e concretizzano nell’esecuzione di un evento spettacolare dal vivo. Gallipoli vanta il più grande teatro della Regione Puglia (il Teatro Italia).

 

 

  • Arena Italia
  • Arena Rivellino
  • Teatro Garibaldi
  • Teatro Tito Schipa
  • Cinema Radium
  • Teatro Italia

 

Arena Italia

 

 

rivellino_01rivellino_02 Arena Rivellino: Un vecchio poderoso castello posa, immagine di solidità, su uno specchio d’acque ora tranquille ora agitate, a seconda delle decisioni dei vento, che a Gallipoli in tante giornate ruzza come un fanciullo e la fa da padrone. L’interno dei Rivellino (XIII secolo) nei primi decenni dei Novecento fu facile luogo di deposito di materiali di risulta: capiente e, sembrava, adatto ad una simile funzione. Negli anni Quaranta fu affidato ci una società, che lo ripulì ed adibì a sala da ballo estiva con annesso ristorante. Dal 1945 divenne un cinema: all’aperto, anche d’inverno! Una nuova concessione demaniale (nel 1957, al Sig. Petrucelli) portò alla più razionale utilizzazione di uno spazio interno, appunto il Rivellino che dà nome al cinema. Un’invenzione moderna (il cinema) in un antico involucro: in un fortilizio! Poteva sembrare una dissacrazione; in realtà lo scrupolo della buona conservazione è stato grande e oggi il cinema, al quale si accede attraverso un pontile in legno, volge la sua facciata a quella della sala ottagonale dei Castello. Vasta la zona d’ingresso dei cinema, con un porticato coperto e, all’aperto, la il sala” con 800 posti a sedere. A due passi, il grattacielo inscrive la sua mole nell’aria; visto dall’interno dell’antica struttura, sembra proporre un confronto e una forma di continuità nel tempo tra le grandi opere che caratterizzano la città. la piazza Moro, che s’apre al di là dello specchio d’acqua dei Rivellino, costituisce un piacevole luogo di sosta, e la chiesa dei Canneto e l’antica fontana “greca” ne segnano, ai due estremi, i confini ricchi di varchi. Cinema, dunque, e, insieme, invito agli incontri, a distensive chiacchierate, alla dolcezza di conversazioni all’aperto quando la sera si fa naturale momento di aggregazione e propizio la serenità di un’ora.

SCHEDA TECNICA:
Posti: 800  – Dimensioni palcoscenico: 20 x 10 m – Proiettori: n.2 Cinemeccanica Victoria 8  – Lanterne: Zenith x6500h – Lenti: Schneider – Dispositivo piatti orizzontali: CNR 3  – Sistema: Dolby e DTS con diffusori Cinema System JBL  – Schermi: Sunnyscreen Cinemeccanica da 15 x 7 m.

 

teatrogaribaldi_interno_02Teatro Garibaldi: Il teatro comunale di Gallipoli fu fabbricato nel 1825 a spese del nobile cavaliere Bonaventura Luigi Balsamo che lo chiamo “Teatro del Giglio” perchè dedicato ai Borboni che all’epoca governavano l’Italia. Nel 1874 venne acquistato dal comune dopo una vendita giudiziaria; gli ingegneri Gregorio Consiglio, Giacomo Papaleo e Oronzo Bernardini ebbero il mandato per il restauro. Tra il 1877 e il 1879 fu fabbricato il prospetto con stile neoclassico, l’atrio d’entrata sul luogo dove c’era una grande corte, l’intarsi di tavola scolpiti da artisti locali come il Buccarella, l’Epifani e il Nocera; le decorazioni pitturate da Melchiorre Zelardi e i freggi d’oro dei napoletani Turolo. Il teatro fu intitolato a Giuseppe Garibaldi con una delibera della Comune il 14 novembre 1879.

 

teatroschipa_05Teatro Tito Schipa: Il Cinema-Teatro Tito Schipa fu edificato nel 1900 ed era costruito interamente in legno: gli fu dato l’esotico nome di Eldorado. Potrebbe essere l’antesignano delle moderne sale polifunzionali, infatti le poltrone della platea erano rapidamente smontabili per lasciare lo spazio agli spettatori circensi che vi si tenevano regolarmente. Nel 1913 la sala subì una prima trasformazione: all’interno del perimetro ligneo venne costruito un ambiente in muratura e solo a costruzione ultimata venne smontato l’ambiente originale in legno. Per breve tempo il suo nome fu Teatro Nuovo, cambiato poi in Tito Schipa in onore del grande tenore che debutto nel 1916. Parte del materiale originale in legno fu riutilizzato come le colonnine in legno della facciata dell’Eldorado che diventarono le balaustre dei palchetti del Teatro Schipa. Successivamente i balconcini a colonnine furono sostituiti da altri con chiusura continua in pannelli di legno. Il Teatro funzionava anche d’estate: per contrastare gli effetti del caldo era stato costruito un sistema di grandi ventagli appesi al sottotetto del teatro che, durante le rappresentazioni, venivano mossi a mano dal personale tramite un sistema di funi e rinvii. A parte questo sistema (sostituito dall’impianto di climatizzazione) molto del materiale originale (compresi stucchi e velluti) facente parte dell’Eldorado è stato impiegato nel restauro, terminato nel 1998, cosicché la sala non ha perduto il suo antico fascino. Il cinema copre una superficie di circa 1.000 metri quadri e alterna proiezioni cinematografiche con spettacoli di prosa.

SCHEDA TECNICA:
Posti: 600 – Dimensioni palcoscenico: 15 x 10 m – Proiettori: n.2 Cinemeccanica Victoria 8  – Lanterne: Zenith x6500h  – Lenti: Schneider – Dispositivo piatti orizzontali: CNR 3 – Sistema: Dolby e DTS con diffusori Cinema System JBL – Schermi: Sunnyscreen Cinemeccanica da 13 x 6 m e Harkness Perlux 11 da 16 x 7 m – Pannelli di rivestimento acustici: Resinflex – Velluti: Redaelli – Climatizzazione: York International

 

Cinema Radium

 

 

teatroitaliasala1Teatro Italia: Il Cinema-Teatro Italia è il più grande della regione Puglia. Costruito nel 1976 è situato sul Corso Roma, la più importante passeggiata della città di Gallipoli, occupa una superficie di circa 4.000 metri quadri e ha a disposizione per i clienti una terazza con parcheggio privato, sono inoltre disponibili 2.000 posti auto nella vicina area portuale.
La hall ha dimensioni ragguardevoli, è lunga 80m e larga 8, gli spettatori possono passeggiare aspettando l’inizio del film e ammirando i prodotti commerciali esposti nelle 50 vetrine noleggiate dalle ditte interessate. Nella hall è inoltre presente un servizio bar. La superficie del palcoscenico è di 300 metri quadri con un boccascena di 20m . Lo schermo normalmente usato ha dimensioni 18 x 7 ed è distante 12m dalla prima fila di poltrone, assicurando così una visione confortevole anche gli spettatori dei primi posti. Per i film molto spettacolari viene utilizzato uno schermo da 20 x 10 m che viene calato a filo del boccascena: in questo caso, per consentire comunque una buona visione, non si utilizzano alcune file anteriori.  Disposti su due piani 40 camerini dotati di ogni servizio possono ospitare 100 attori. Esiste inoltre una fossa orchestrale (a scomparsa), che può contenere 100 musicisti. Originariamente la sala, lunga 50m e larga 36, era divisa in un settore platea e un settore galleria; attualmente è stata ristrutturata con la tipica geometria dell’anfiteatro a gradoni ciò consente una buona visuale per qualsiasi ordine di posti anche grazie al fatto che la gradinata inizia a svilupparsi già dalle prime file con un’altezza dei gradoni di 34cm. Le file attrezzate con ampie poltrone “Figueras”, sono poste ad una distanza di 1,2m, assicurando così un elevato grado di comfort per gli spettatori. Gli ambienti sono climatizzati con impianti autonomi. Un gruppo elettrogeno da 120 kw assicura l’alimentazione elettrica di tutto il complesso rendendolo così completamente autonomo rispetto alla rete Enel.

SCHEDA TECNICA SALA 1:
Posti: 1.233 – Dimensioni palcoscenico: 20 x 20 m – Proiettori n.2: Cinemeccanica Victoria 8
Lanterne: Zenith X6500H – Lenti: Schneider – Dispositivo piatti orizzontali: CNR 3 – Sistema: Dolby e DTS con diffusori Cinema System JBL – Schermi: Sunnyscreen Cinemeccanica da 20 x 10 m e Harkness Perlux II da 16 x 7 m – Pannelli di rivestimento acustici: Resinflex  
Velluti: Redaelli – Gruppo elettrogeno: Deutz  – Climatizzazione: York International.

Dopo il recente restauro il Teatro dispone di altre due sale di proiezione, progettate per consentire alla struttura programmazioni differenziata che comprendono oltre alla normale produzione internazionale, anche rassegne di cineforum e film di particolare interesse socio-culturale. Le sale, arredate con cura è dotate di ogni comfort, sono rispettivamente da 100 posti (sala 2) e 150 (sala 3); possono essere riservate anche con prenotazione telefonica. L’eccellente impianto audio installato negli ambienti perfettamente insonorizzati rende magici questi spazi tanto da essere soprannominati i due “Salotti del Teatro Italia”.

teatroitaliasala2 teatroitaliasala3

SCHEDA TECNICA SALA 2 – SALA 3:
Posti: 100 (Sala 2) | 150 (Sala 3) –  Proiettori n.2: Cinemeccanica Victoria 5MI-B/4000  – Lanterne: Zenith X4000H Lenti: Schneider – Sistema: Dolby e DTS con diffusori Cinema System JBL  – Schermo: Harkness Perlux 2 – Pannelli di rivestimento acustici: Resinflex – Velluti: Redaelli – Gruppo elettrogeno: Deutz – Climatizzazione: York International.