La Pastorale Gallipolina

La Pastorale, composizione musicale anonima, dal 15 Ottobre (giorno che la Chiesa dedica a Santa Teresa d’Avila) fino all’ Epifania, echeggerà per le stradine e i vicoli della cit­tà scandendo  le tappe del periodo natalizio.

Questa musica dona al periodo natalizio una magi­ca atmosfera ed è stata trasmessa di generazione in generazione oral­mente, a memoria.

La pastorale gallipolina viene eseguita nelle vigilie di Santa Cecilia (22 novembre), Sant’Andrea (30 Novem­bre), Immacolata, (8 Dicembre), Santa Lucia (13 dicembre).

La Pastorale, per tradizione prevalentemente eseguita con gli strumenti a cor­da da un’orchestra composta da artigiani, pesca­tori, impiegati, girava per le vie del borgo antico effondendo una dolce nenia.

E così, le luci delle case si accendevano, le porte si aprivano e si musicanti, invitati ad entrare nelle case, si scaldavano, assag­giando i dolci natalizi, fatti in casa e sorseggiando un bicchierino di anice e rosolio, generosamente offerti loro.

La Pastorale Caddipulina (Totò Crisogianni)

Ogni annu, de Santa Teresa

alla viscilia de Natale,

la Pasturale

tutta la notte ave sunare.

Lu quindici de ottobre,

la prima fiata,

Santa Teresa, iinu onurare;

le prime pittule cu la minoscia,

lu fanucchiu e la scalora.

Mentru stai cu piji sonnu,

chianu chianu se mbicina,

dda musica ca te piace,

tuce tuce, te lu dice ca

Natale ave ‘rivare.

Quantu te la dicu,

la Pasturale ntorna la santimu;

cu do mboti e le castagne

onurare imu Santu Martinu.

Sale scinde de la chiazza

muru muru c’ ave sciutu,

tuttu Gaddipuli ave giratu,

li vagnuni ave disciatatu.

Nde piace tantu cu la santimu,

puru ci tutti li panzieri

de stu mundu nui tanimu.

Nde la dice cu nde ricorda,

lu brasepiu imu giustare,

ca Natale ave ‘rivare.

Ncapu li otto

la terza fiata, le rape bujute

e le pittule spattute.

Jentu, acqua de cielu e mariggiate

sti ottu giurni c’ ave fattu,

na scarda de pesce nu sa vista.

Chianu chianu, nanzi sciamu,

de lu Bambinu nde ricurdamu.

Santa Cecilia ‘rivatu ave,

pare propriu ca lu Signore,

nuttate quete senza chiove,

la Pasturale Gaddipuli santire s’ave.

Li vagnuni mbambulati

de intra lu sonnu disciatati,

la sentene dda serinata

se la ricordene de l’adda fiata.

Mamma mia sta serinata,

cu stu friddu ca sta face,

fija mia, ete Santu Ndrea,

li pariti difriddea.

Nu suntu serinate,

staci sonene la Pasturale.

Mposta ieri sera,

le pittule e le rape

nu n’aggiu deciarutu:

mancu sonnu sta pijava,

a quannanzi sa farmata.

Mescia Vata da trastuluna,

tice sempre ca nu la sente,

idda ca abita a porta-bia,

vae dicendu na buscia.

Lu brasepiu a picca a picca

nde giustainu,

sempre a quiddu ca nascire

nde ricurdamu.

Chianu chianu rivatu s’ave

allu mese de Natale.

La Mmmaculata imu onurare,

festa crossa nui facimu,

la Pasturale nde santimu.

Li Santi ca imu onuratu,

lu Bambinu ndane ricurdatu.

Lu dasciunu c’imu fattu,

alla sera ndimu cotti.

Mentru sonnu sta pijavene,

porte e purtuni ci scasciavane.

Li vagnuni spauriscati,

de intra lu sonnu disciatati;

sta prucissione de notte vae girandu,

ppe ste ujuse ca tu ‘zitu vane truvandu.

Se nde vane mprima de la mescia,

cu la scusa de na pezza o de nazza,

sali scindi de la chiazza;

le vetrine ‘luminate,

ste caruse scazzacate.

‘Rivatu ave Santa Lucia,

la Pasturale ntorna la santimu,

l’adde pittule nde mangiainu,

a Natale sta rivamu.

Li vagnuni cu la pacenza,

lu brasepiu ane chinu,

manca ncora lu Bambinu.

Cu se cazzene e se vestene,

lu furone ane scasciare,

le cummari ane mbitare,

te le leste ane cumparire.

Chianu chianu nanzi sciamu,

la Pasturale

ogni sera la santimu.

Li furni chini mpizzi,

de taraddi, cozze e purciadduzzi.

Puru la chiazza cuperta,

tutta la notte ‘rumane perta,

pe le rape e le ciacore lu fanucchiu e le scalore.

Nija chiusa ncapu tanimu,

ppe le pittule ca sta friscimu.

Cu le carte o cu la tombula,

tutti a casa ci sciucamu,

menza notte sta spattamu.

Lu Gigi picciccu

cu lu Bambinieddu ‘manu,

tutta la casa nde giramu,

«Tu scendi dalle stelle » tutti cantamu.

Li vagnuni senza sonnu,

nturnisciati nanzi lu brasepiu,

cu dd’occhi ca nde vane

de nu pupu ‘l’addu,

ma lu panzieri,

stae allu Bambinieddu.

Nde la dicu a li vagnuni,

cu nu se perdene ste tradiziuni.

Frantoio Oleario di Palazzo Granafei

Il Frantoio Ipogeo di Via Antonietta De Pace, a Gallipoli, è l’unico dei trentacique frantoi ipogei del 1600 interamente ristrutturato. In questo luogo suggestivo è possibile ammirare antiche attrezzature utilizzate per la produzione del cosiddetto olio lampante che Gallipoli esportava in tutta Europa.

Gallipoli, già dall’inizio del XVI secolo, risultava la maggiore piazza europea in materia di oli. In particolare si produceva olio grasso che serviva ad illuminare i grandi centri d’Europa. Città come Parigi, Londra, Berlino, Vienna, Stoccolma, Oslo, Amsterdam ecc. usarono l’olio salentino per illuminare le strade fino alla fine del XIX secolo, quando l’arrivo dell’elettricità mandò in crisi l’esportazione dell’olio lampante.

Frantoi di Palazzo Granafei

Si estendono nel sottosuolo per circa 200 mq., al di sotto dei palazzi D’Acugna e Grassi che si fronteggiano su Via Antonietta De Pace. Sono di proprietà dell’Associazione Gallipoli Nostra che nel 1988 li ha completamente restaurati e aperti alla fruizione pubblica. All’interno sono stati ricostruiti, su modelli del XVII secolo, alcuni torchi alla calabrese (a due vitoni). Originale è invece un torchio alla genovese (a vitone unico) e alcune presse del XIX secolo. La visita si presenta particolarmente stimolante attraverso gli ambienti di macinazione e spremitura, con le sciaghe (luoghi di deposito delle olive), le stalle e i caratteristici pozzetti di raccolta dell’olio e delle acque di vegetazione. Guide esperte fanno conoscere al visitatore le tecniche e le fasi di lavorazione dell’olio d’oliva, facendo rivivere nel contempo, momenti significativi di storia e di cultura locale in tempi in cui oltre che a fini alimentari l’olio veniva commercializzato soprattutto per fini industriali (nella cardatura delle lane – per questo era molto richiesto dai Paesi del Nord Europa, Svezia e Inghilterra in testa) e per l’illuminazione pubblica e privata.

Orari di visita:

Da Gennaio ad Aprile  – Novembre e  Dicembre: Tutti i Sabati e le Domeniche dalle ore 10 alle 12;

Maggio ore 10-13/16-19  Giugno  10-13/16-21  Luglio  10-24 Agosto   10-24  Settembre 10-13/16-21

Ottobre 10-12,30/15-17,30

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Info & Contatti

[wp-svg-icons icon=”home” wrap=”i”] Frantoio di Palazzo Granafei

[wp-svg-icons icon=”location-2″ wrap=”i”] Via ………….  73014 Gallipoli, Italia

[wp-svg-icons icon=”phone” wrap=”i”] +39 0833264242 – + 39 3488956109

[wp-svg-icons icon=”earth” wrap=”i”] http://www.gallipolinostra.it/

[wp-svg-icons icon=”envelop” wrap=”i”] ass.gallipolinostra@libero.it

[/box]

 

Frantoio Oleario di Palazzo Briganti

Gallipoli, già dall’inizio del XVI secolo, risultava la maggiore piazza europea in materia di oli. In particolare si produceva olio grasso che serviva ad illuminare i grandi centri d’Europa. Città come Parigi, Londra, Berlino, Vienna, Stoccolma, Oslo, Amsterdam ecc. usarono l’olio salentino per illuminare le strade fino alla fine del XIX secolo, quando l’arrivo dell’elettricità mandò in crisi l’esportazione dell’olio lampante.

Frantoio di Palazzo Briganti

Era Privo delle attrezzature di macinazione e spremitura, presenta una antica vasca di macinazione a tre pietre ed un torchio (da vino) del XIX secolo. Restaurato nel 1980. Appartenne alla famiglia dei Briganti.

Visite su prenotazione.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Info & Contatti

[wp-svg-icons icon=”home” wrap=”i”] Frantoio di Palazzo Briganti

[wp-svg-icons icon=”location-2″ wrap=”i”] Via ………….  73014 Gallipoli, Italia

[wp-svg-icons icon=”phone” wrap=”i”] +39 0833 – + 39 

[wp-svg-icons icon=”earth” wrap=”i”] 

[wp-svg-icons icon=”envelop” wrap=”i”]

[/box]

Frantoio Oleario di via Angeli

Gallipoli, già dall’inizio del XVI secolo, risultava la maggiore piazza europea in materia di oli. In particolare si produceva olio grasso che serviva ad illuminare i grandi centri d’Europa. Città come Parigi, Londra, Berlino, Vienna, Stoccolma, Oslo, Amsterdam ecc. usarono l’olio salentino per illuminare le strade fino alla fine del XIX secolo, quando l’arrivo dell’elettricità mandò in crisi l’esportazione dell’olio lampante.

Frantoio via Angeli

Era Privo delle attrezzature di macinazione e spremitura, presenta una antica vasca di macinazione a tre pietre ed un torchio (da vino) del XIX secolo. Restaurato nel 1980. Appartenne alla famiglia dei Briganti.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Info & Contatti

[wp-svg-icons icon=”home” wrap=”i”] Frantoio di via Angeli

[wp-svg-icons icon=”location-2″ wrap=”i”] Via ………….  73014 Gallipoli, Italia

[wp-svg-icons icon=”phone” wrap=”i”] +39 0833 – + 39 

[wp-svg-icons icon=”earth” wrap=”i”] 

[wp-svg-icons icon=”envelop” wrap=”i”]

[/box]